Categorie
Archivi

Archivi per la categoria ‘Ambiente’

Profughi afgani come Mike Rowe?

Che l’Italia, nonostante cosa dicano i destristi o i cinquestallati, non brilli di sensibilità verso il prossimo soprattutto quando straniero è cosa risaputa e ormai non mi stupisce più di tanto.

Che a non brillare di questo tipo di sensibilità siano anche gli abitanti di Trieste, confesso… mi fa più male che in altri casi.

Perchè?

Semplice, perchè Trieste ed i triestini sono una di quelle zone e realtà che storicamente hanno vissuto e pagato sulla propria pelle cosa volesse dire ritrovarsi “ospiti” di un paese o di uno stato straniero anche se non lo si voleva o desiderava.

Per questo NON capisco assolutamente tono e tipologia di alcuni commenti a questo articolo sul “giornale” ‘Il Piccolo’ in riferimento ad un gruppo di profughi afgani che stazionano sulle rive del fiume Isonzo.

Leggi il resto di questo articolo »

In attesa delle autostrade del mare…

Con il traffico su strada lento e quello aereo troppo costoso ultimamente si parla tanto di ‘Autostrade del mare‘, un’idea ed un progetto che [riporto da Wikipedia]

“…  oltre a ridurre il traffico su strade e autostrade, permetterebbe anche di diminuire sensibilmente l’inquinamento atmosferico e soprattutto di realizzare un risparmio economico nel trasporto delle merci…”

Un’idea sulla carta vincente, economica ed ecologica anche se si sa che in Italia una cosa sono i progetti sulla carta e spesso tutt’altro la realta dei fatti ed i tempi di realizzazione delle infrastrutture che spesso rendono le opere realizzate, se e quando realizzate, gia vecchie.

Leggi il resto di questo articolo »

Blog ad impatto zero

Mi ritengo persona molto sensibile alle questioni legate all’ambiente e, nel mio piccolo, cerco sempre di limitare al massimo il mio impatto su un mondo e sul suo clima già duramente colpiti da interessi (poco importa se delle grandi multinazionali o personali) spesso incompatibili con le sue necessità.

Attento si ma evidentemente mai abbastanza. Questo m’è venuto da pensare leggendo i post degli amici Pibua e Sdreng (che ringrazio e da cui prendo spunto) che evidenziavano in cifre quello che già sapevo e cioè che questo blog, nel suo piccolo inquina!

Più che il blog che è un prodotto preciso subito che ad inquinare è il server sul quale lo stesso è ospitato ed è anche per questo che ho deciso di partecipare all’iniziativa per poter dire che “il mio blog è CO2 neutral”.

Leggi il resto di questo articolo »

Ambiente: in un anno è cambiato solo il colore ma non la sostanza!

Circa un anno fa, nel golfo del Messico, si consumava con il tranquillizzante beneplacito della compagnia petrolifera BP e dei vari organismi di controllo preposti, uno dei maggiori disastri ecologici (di cui siamo venuti a sapere ndr).
Più di 5 milioni di barili di greggio si riversarono in mare con conseguenze e effetti che definire  disastrosi è dire poco. Eppure è bastato buttare qualche cariolata di sabbia “nuova” ed intonsa sulla spiaggia e quasi non se ne parla più.

Eppure noi italiani dovremmo almeno un pochino preoccuparci viste le nostre capacità di gestione e manutenzione delle infrastrutture e visto che recentemente sono state autorizzate le trivellazioni al largo delle isole Tremiti alla ricerca dell’oro nero.

 

Leggi il resto di questo articolo »

Alla ricerca del fiume nascosto!

Può capitare e forse sarà già capitato anche a voi, che crescendo nella vita ci si abitui così tanto a certe realtà che, con l’andar del tempo, si corra il rischio  di  considerarle scontate, di non dargli più la giusta importanza.
Può così capitare come nel mio caso di crescere in una zona come quella del Carso, che magari presenta anche delle caratteristiche se non uniche per lo meno ‘originali’, di studiare (volente o nolente) gran parte di questi fenomeni  perché ai miei tempi geografia e storia del luogo si studiavano ancora,  salvo poi crescendo, complice il fatto che uno si ritrova a passarci davanti quasi ogni giorno magari immerso nei propri pensieri, non vedere più quelle realtà con la curiosità e la sete di sapere che si aveva da bambini.

Leggi il resto di questo articolo »

Nucleare e orsi spara-cazzate!

Ho letto ieri con sgomento e un filo di compassione, l’intervista del pregiatissimo Prof. Umberto Veronesi in tema di nucleare rilasciata a La Stampa. Certo, in qualità di Presidente per l’agenzia della sicurezza sul nucleare non poteva non dichiararsi contrario, pena la perdita della poltrona di fresca nomina e di questi tempi si sà meglio non sputare nel piatto in cui si mangia. Di questi tempi proprio no, nemmeno se esso è radioattivo amici miei!

Un piccolo sunto dei passaggi salienti è già stato fatto dal sito Agoravox, che sul tema propone anche un piccolo quiz sugli sponsor della Fondazione Veronesi che, confesso, non avevo mai visto e, apro parentesi, permettetemi di dire… me’cojoni!!!

Chiusa parentesi, volevo comunque tranquillizzare chi non avesse letto l’intervista che relativamente al vero problema, quello dello smaltimento delle scorie radioattive, non c’è problema, infatti [cito]: 

Leggi il resto di questo articolo »

Possibili nuove fonti di energia, in Italia poi…

Tempi duri questi per gli amministratori e le amministrazioni locali e non solo in Italia, per i tagli un po’ Tremonti-style (ovvero a mannaia) che un po’ tutte le amministrazioni centrali dei vari Stati hanno fatto.

E così, gli amministratori locali si sono visti obbligati ad ingegnarsi per riuscire a tirare avanti, con idee e pensate magari originali come quella presa dal consiglio comunale della cittadina inglese di Reddicht,  che per riscaldare la piscina comunale ha pensato di unire l’utile al dilettevole. L’utilità è rappresentata dal calore prodotto dal forno crematorio che, nelle idee di chi ha proposto il progetto, poteva essere condotto verso la vicina piscina comunale, procedendo al riscaldamento della stessa con un risparmio di 14.000 sterline. Inevitabili le proteste dell’opposizione (evidentemente tutto il mondo è Paese) che ha bollato come “insultante e insensibile” la proposta, mentre i sostenitori dell’iniziativa hanno voluto evidenziare la riduzione di emissioni di anidride carbonica.

Giusto? Sbagliato? Ognuno di noi può farsi la propria opinione anche se mi vien da pensare che in Italia sarà estremamente difficile che una simile iniziativa venga mai presa in considerazione, per tutta una serie di  motivi che posso provare a ricondurre alla geografia ed alla “vicinanza” dello Santa Sede al nostro Paese e per il fatto che trattasi di iniziativa palesemente ecologica e tolte al massimo le ‘domeniche a piedi’ il nostro Paese non è pronto a produrre energia senza che girino cricche e mazzette (anche se la mazzetta potrebbero sempre darla ai parenti dei defunti).

Leggi il resto di questo articolo »

DeforestazioneZero la nuova campagna di Greenpeace

Tutti noi a volte abbiamo comportamenti ai quali non badiamo molto e ci sfugge forse cosa comportino. Questo video non  ha la presunzione di farli evitare ma credo vi possa far riflettere, almeno lo spero.

[ Video promo del progetto deforestazionezero promosso da greenpeace  ]

Sul link dell’iniziativa potete trovare delle guide illuminanti su come far se non del bene almeno ‘meno male’ al nostro già maltrattato pianeta.

Greenpeace invita così a Save our forests

Greenpeace, oltre ad essere per qualcuno uno dei miei soprannomi, è anche una di quelle organizzazioni che questo blog sostiene. Questo che vi propongo è lo spot appena creato per la campagna 2010 che non ha mancato di creare polemiche tra i bigotti  benpensanti per (cito testualmente) Come il corpo della donna è mercificato e sfruttato”. Ma ad essere obbiettivi, anche se il ‘così fan tutti’ non lo reputo una giustificazione, citatemi voi uno spot che non lo sia. A voi il video ed il giudizio:

Con la prossima manovra via alla protezione (in)civile!

Il rapporto tra attuale governo e Protezione Civile è da tempo sotto i riflettori. Tralasciando polemiche, illazioni e teorie dovute a persone come i vari Anemone, Balducci & Co. resta il dato di fatto di un organo che, con legge nº 225 del 1992 è posto direttamente sotto la Presidenza del Consiglio dei ministri proprio per via della vastità e della variegata tipologia di interventi ai quali è chiamato. Vien quindi da pensare che la Presidenza del Consiglio dei ministri, ovvero lo stesso organo che in queste ore dovrebbe varare la “dolorosa” manovra, sia anche solo minimamente al corrente di quello che un dipartimento a loro sottoposto segnala.

Siccome per un attimo m’è venuto un piccolo dubbio di cosa esattamente la Protezione Civile dovrebbe occuparsi sono andato sul loro sito a vedere cosa dicono e leggendo si scopre che:

La Protezione Civile gestisce le reti di monitoraggio per la previsione, prevenzione, valutazione e mitigazione dei rischi e definisce le procedure di intervento e le azioni comuni a tutto il sistema. Sostiene le attività di formazione sul territorio nazionale. Promuove, infine, la diffusione della cultura di protezione civile per sensibilizzare l’opinione pubblica e favorire la crescita dell’associazionismo in questo campo.
[link al report completo]

So già che a qualcuno di voi passeranno per la mente i pensieri (e probabilmente gli insulti) più disparati ma questa dovrebbe essere la loro missione. E con un pizzico di stupore vi posso pure assicurare che in genere lo fanno, perché per fortuna al suo interno ci sono molte, moltissime persone che con i sopra citati personaggi non hanno nulla a che fare, nè come relazioni nè tanto meno come modus operandi. Ed infatti a fine 2009 di concerto con Legambiente ha pubblicato il report 2009 sui rischi dell’ecosistema attuale del nostra Paese.

E devono aver lavorato bene, con cura, tant’è che a pagina 4 della relazione segnalano che:

Leggi il resto di questo articolo »

Segui il blog via email:

Visita il sito ufficiale
Inserisci il tuo indirizzo email:


Questo blog è
Leggi il post
clicca sul logo
per saperne di più
Questo blog sostiene:
Mi trovi anche su:
Le mie foto su Flickr
Nuovi ospiti nelle acque della città... Billy versione 'spia' header Tramonto triestino     
Premi e Riconoscimenti

In classifica
Tra i primi 10
Uno dei più belli
sito internet

Secondo classificato come

nei prossimi anni non ho intenzione di partecipare al concorso quindi il secondo posto è libero


Premio D eci e Lode
da Giorgia, Sara, Simona, Kit Jr. e Chiara

Thinking Blogger Awards
da Pibua, Giuseppe T. e UMI

foca.jpg
da Sciura Pina e Paola

Premio Symbelmine
da Silvia

logo del premio
da Ed, Giangidoe, Pibua, IvanSantoro, Guccia, Weblogin e Anna

logo del premio
da La Tela di Aracne, Nido di Scricciolo, Synnovea e Serendipity

logo del premio
da Occhidigiada

logo del premio
da Elle, NadiaFlavio, SERENdipity, Dolcelei, Sciura Pina e Oscar

Con molto orgoglio…