Categorie
Archivi

Archivi per la categoria ‘Animali’

Il Giappone animal-killer che non ti aspetti!

Poco meno di quattro mesi or sono, l’11 marzo per l’esattezza, il Giappone fu colpito da quello che una grande-mente italiana qualche tempo dopo definì “un castigo di Dio”. In realtà si trattò molto semplicemente ed altrettanto drammaticamente di una reazione a catena causata da un terremoto, che provocò uno tsunami che arrivò a colpire le coste giapponesi radendo al suolo gran parte di ciò che il terremoto aveva risparmiato, centrali nucleari comprese.

Immediatamente ci fu una grande partecipazione collettiva ed una mobilitazione internazionale per aiutare quelle popolazioni così duramente colpite, un po’ ovunque venne riconosciuto e lodato il loro altissimo senso civico (eccezion fatta per i tecnici della Tepco), la loro compostezza, il loro silenzioso dolore e la loro operosità. Per settimane i riflettori dei media restarono puntati sui reattori delle centrali danneggiate e sul monitoraggio dei livelli di radiazioni nel Paese.

Migliaia sono state le vittime (sul colpo), altre ahinoi presumibilmente verranno negli anni a venire per le radiazioni (Chernobyl insegna), l’intera zona della prefettura di Fukushima prima popolata da 70mila abitanti e destinata al pascolo ed alla coltura agricola, evacuata nel raggio di 20 chilometri dalla sua centrale per il rischio di radiazioni (alla faccia del nucleare sicuro).

Tutto a posto quindi verrebbe da pensare, vero?

Leggi il resto di questo articolo »

AAA AMICI DEGLI ANIMALI (e nemici della Tremonti) CERCASI!

E’ di pochi giorni fa la notizia che, in Svizzera, se non si pagava la tassa di possesso dell’animale lo stesso veniva soppresso dalle autorità competenti. Per fortuna (e per logica e buonsenso) la notizia s’è rivelata una bufala e l’allarme è rientrato. Ma questo, appunto, è successo in Svizzera…

In Italia le cose vanno in maniera leggermente diversa, purtroppo. Protagonista di questa linea niente popo’ di meno che tale Angiola Tremonti, sorella del ministro Giulio, l’uomo che da come parla sembra abbia un nodo alla cravatta che impedisca il corretto afflusso di sangue al cervello. Ebbene, la sig.ra Angiola, A SUO DIRE pensate un po’ anche ‘animalista convinta‘, non ha voluto evidentemente essere da meno del fratello in tema di popolarità, è entrata in politica e da consigliere comunale di minoranza al comune di Cantù ha pensato bene di proporre… leggete voi stessi:

«Si dovrebbe arrivare a prendere la decisione per cui gli animali che non vengono adottati entro un determinato periodo di tempo vadano soppressi, visto che oggi ci troviamo in una situazione in cui ci sono famiglie canturine che non hanno da mangiare».

Leggi il resto di questo articolo »

Vediamo in quanto chiudono www.mangiagatti.com

Che per un momento di popolarità o un piccolo spazio di “pubblicità” oggigiorno si sia disposti pressoché a tutto è purtroppo noto ed arcinoto quindi forse a certe notizie non andrebbe neanche dato troppo risalto.

Ma siccome siamo in un Paese fortunato, dove c’è il “governo del fare” e dove non più tardi di qualche giorno fa il ministro del turismo MVB (l’unica che è riuscita a far fare un sito più brutto di quello di Rutelli ndr) ha espresso la sua opinione riguardo alle varie manifestazioni e feste che vedono impegnati gli animali al fine di proteggerli e salvaguardarli a maggior ragione ebbene io questa news la posto.Insomma… mettiamo alla prova il ministro.

Non più tardi di qualche mese fa vidi una sua comparsata in tv nella quale sosteneva l’importanza di oscurare sul nascere sito e/o gruppi che inneggiavano e incoraggiavano la violenza verso chicchessia, animali o persone. In quel caso si parlava del Premier ma ognuno di noi ha le sue priorità e spero il Sig. ministro non me ne voglia se le mie sono differenti dalle sue. Per questo poco fa le ho scritto un’email chiedendole di oscurare il sito www.mangiagatti.com e, almeno a voi, non credo di dovere spiegazioni sul perché e sul per come di questa mia richiesta.

A Lei, se possibile, ho chiesto di essere anche solo minimamente coerente con quanto detto in televisione l’altra settimana e con quanto è consultabile sul suo sito. Anche se, riflettendoci, non so quanta sia la conoscenza e la coscienza reale del problema e cosa sia in grado di fare una persona che i gattini li va trovare al canile.

Leggi il resto di questo articolo »

Solidarietà umana ed animale a confronto.

Parafrasando il titolo di un famoso film del grande Totò potevo intitolare il post più semplicemente “siamo uomini o animali?“.

Ognuno di voi ha una sua idea di ‘uomo’ ed ‘animale’ , attribuisce al termine una valenza ed un significato e lo usa ad-bisognum. Ora, lungi  da me voler mettere in discussione quanto ognuno di voi pensa ed usa, ma tempo fa, non mi ricordo dove, ho letto un articolo il cui sunto era più o meno che l’esatto significato di un termine si ottiene  solo dall’osservazione, dal confronto e dall’analisi degli avvenimenti e del comportamento dei protagonisti e spesso lo stesso può cambiare con il cambiare dei tempi e degli scenari.

Vero? Non vero? Diamola per buona, quindi prendo spunto da un paio di notizie di cronaca e lascio a voi il giudizio:

Leggi il resto di questo articolo »

Pechino boicottata, Vancouver dimenticata eppure…

Già due anni or sono mi occupai della vicenda dello sterminio delle foche in Canada (perchè tale è, inutile prendersi in giro!). Ebbene, a quanto pare da allora l’unica cosa che è cambiato è il foglio del calendario, non purtroppo  la sostanza e men che meno dal 2008 quando  il ministro canadese della pesca e degli oceani è diventata Gail Shea.

La sig.ra in questione infatti ultimamente ha pensato bene di sostenere la proposta che la squadra olimpica canadese indossi divise in pelle di foca alle prossime olimpiadi di Vancouver e di sostenere che in Canada:

“La caccia alle foche è guidata da principi rigorosi di benessere degli animali, che sono riconosciute a livello internazionale da parte di osservatori indipendenti”

Leggi il resto di questo articolo »

Anche gli animali reclamano giustizia!

bimbo_orsoL’informazione latita quando c’è da raccontare i reati sulle persone a meno che le vittime non siano italiane e i colpevoli, anche solo “presunti”, extracomunitari preferibilmente, perchè va di moda, pure clandestini. Questa è cosa nota lo so  e resto sempre pronto a ‘stupirmi’ il giorno che l’andazzo cambierà. Quel che dopo tutti gli spot strappalacrime pre-vacanzieri non mi aspettavo era una così scarsa attenzione verso quel che riguarda i reati contro gli animali. Ad esempio di questa notizia de ‘La Stampa’ di ieri, in rete non ho trovato traccia. Eppure un gruppo di ragazzi che uccide a calci un riccio e poi lo brucia meriterebbe lo stesso spazio nei tg di un Iphone che esplode in mano al pirla che magari lo tiene acceso da un mese, invece niente.

Leggi il resto di questo articolo »

Noi italiani razzisti??? Ma quando mai

Avrei voluto tornare online con qualcosa di più soft ma questo passa il convento oggi e questo “raccolgo”.

La notizia a cui faccio riferimento è quella del cervo ammazzato a Bolzano perchè “ritenuto pericoloso” per la popolazione avendo ferito nella sua folle corsa ben due passanti (peraltro in modo non grave). La ricostruzione degli eventi di ieri parlava di un cervo capitato in città probabilmente perchè impaurito dai forti temporali della notte precedente. Di un inseguimento a sirene spiegate per le vie del centro (tanto per impaurirlo ancora un pochino), di come dopo essersi ferito contro una vetrina, sempre più confuso l’animale sia capitato in un parcheggio sotterraneo dov’è stato “abbattuto” per motivi di sicurezza pubblica. La notte ha portato ‘consiglio’ ai vertici delle forze dell’ordine così oggi si sono affrettati a precisare che “l’animale era già stato ferito da un bracconiere“, quindi l’esecuzione in realtà altro non sarebbe che un’eutanasia, sarà…

Io non conosco bene i dettagli e forse non era effettivamente possibile fare altrimenti, vero è che esistono sonniferi e quant’altro per rendere un animale pericoloso momentaneamente NON più tale, chiedere a chi vive nei parchi africani oppure guardarsi ogni tanto qualche puntata di Discovery Channel.

Invece devo constatare che lo “stile-Diaz” dove prevaricazione, prepotenza, falsità ed ignoranza la fanno da padrona, è sempre molto gettonato. Chissà se tra sette anni qualcuno renderà un po’ d’onore alla memoria del povero cervo?! E non si dica che in Italia siamo razzisti, vedete, trattiamo allo stesso modo extracomunitari ed animali, l’unica differenza è che a quest’ultimi non gli si chiede le impronte digitali.

[tags]italia, bolzano, animali, storie di animali[/tags]

Silvy interpreta “i primi caldi”

Sono arrivati e cercavo un’immagine che rappresentasse la mia,
ma credo anche di molti altri, reazione a queste torride temperature.
Che ne dite di questo scatto rubato a Silvy,
rende abbastanza bene l’idea non trovate?

Silvy in relax ...
(clicca per ingrandire l’immagine)

AAA interprete gesti animali cercasi

Ieri, come tutte le sere, arrivato a casa ho aperto la porta-finestra che da accesso al balcone ed ho trovato questa “sorpresa”:

     
(clicca sulle immagini per ingrandirle)

Ora, fosse opera volatili non mi sarei stupito più di tanto ma essendo invece opera di Silvy, la gatta bianconera in alto a destra nel tema del blog, ed avendo questa sua opera tutto l’aspetto di un nido, comincio a pensare che le possibilità siano le seguenti

  • disturbi di personalità, talmente accentuati da farla credere un volatile bisognoso di un nido anzichè di una cuccia (non mi spiego però perchè non mangi semenze anzichè crocchette);
  • falò propiziatorio di inizio estate (devo ricordarmi di controllare che non mi abbia fregato accendini o fiammiferi ndr). Non so se tra i gatti si usi ma in alcune zone d’Italia è ancora abitudine bruciare i resti dell’inverno;
  • necessità di esprimere la sua vena artistica;
  • fondamenta per la costruzione di un centro di prima accoglienza per volatili in fuga dai loro paesi (peraltro in piena controtendenza con le scelte del nuovo esecutivo);
  • una “trappola” per far si che siano i volatili a consegnarsi spontaneamente evitandole lo sforzo di doverli cacciare.

E qui finisce la mia fantasia, se avete voi qualche altra idea è ben accetta.

Good News per il canile di Vivaro

E’ fine settimana e di cosa vogliamo parlare, politica? Eccheppalle, ormai sembra una saga e pure con la trama scritta male. Grassoni che vanno a giocare a tiro-io-tiri-tu nelle piazze, “nani” che fanno gli showman, Pizza-ioli che riesumano simboli e partiti che hanno già fatto male e danni al Paese? No dai, invece prendiamo spunto dalla Gabanelli e chiudiamo la settimana con una good news.

Vi ricordate il post di qualche settimana fa sul Comune di Vivaro e la sua intenzione di procedere all’abbattimento dei cani presenti nel loro canile dopo un anno? Ebbene, con la tecnica del “Scrivi  & Stressa” ieri finalmente ho ottenuto risposta dalla Regione Friuli. La pubblico qui di seguito perchè mi sembra positiva:

From: regurp.go@regione.fvg.it
To      : cchittaro@tele2.it

Sent: Wednesday, April 02, 2008 10:57 AM

Subject: Ufficio per le relazioni con il pubblico della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia
Gentile sig. Claudio Chittaro, abbiamo contattato il Comune di Vivaro il quale ci ha risposto che c’è stata una proposta di legge per l’abbattimento dei cani dopo un anno di permanenza nel canile, ma la stessa non ha avuto seguito. Se ne deduce, che per il momento non c’è nessun pericolo per l’abbattimento dei cani. Restando a Sua disposizione, porgiamo distinti saluti, U.R.P. Regione FVG.
Grazie per il tuo interesse ed il tuo contributo

Ufficio relazioni con il pubblico
regurp.go@regione.fvg.it

Leggi il resto di questo articolo »

Segui il blog via email:

Visita il sito ufficiale
Inserisci il tuo indirizzo email:


Questo blog è
Leggi il post
clicca sul logo
per saperne di più
Questo blog sostiene:
Mi trovi anche su:
Le mie foto su Flickr
Nuovi ospiti nelle acque della città... Billy versione 'spia' header Tramonto triestino     
Premi e Riconoscimenti

In classifica
Tra i primi 10
Uno dei più belli
sito internet

Secondo classificato come

nei prossimi anni non ho intenzione di partecipare al concorso quindi il secondo posto è libero


Premio D eci e Lode
da Giorgia, Sara, Simona, Kit Jr. e Chiara

Thinking Blogger Awards
da Pibua, Giuseppe T. e UMI

foca.jpg
da Sciura Pina e Paola

Premio Symbelmine
da Silvia

logo del premio
da Ed, Giangidoe, Pibua, IvanSantoro, Guccia, Weblogin e Anna

logo del premio
da La Tela di Aracne, Nido di Scricciolo, Synnovea e Serendipity

logo del premio
da Occhidigiada

logo del premio
da Elle, NadiaFlavio, SERENdipity, Dolcelei, Sciura Pina e Oscar

Con molto orgoglio…