Categorie
Archivi

Archivi per la categoria ‘Animali’

Chi ama gli animali mi segua!

La notizia è di una settimana fa circa, mi sono permesso di verificarla perchè ero incredulo ma, ahimè, risulta terribilmente vera anche se al momento lor Signori non hanno ancora risposto alle mie mail di richiesta spiegazioni. Potrebbe anche essere che non intendano darmene, non so.
Il Comune di Vivaro, provincia di Pordenone, ha fatto domanda alla Regione Friuli Venezia Giulia di poter abbattere i cani presenti nel suo canile una volta passato un anno dal ritrovamento. Motivazione (tenetevi forte) “eccessiva la spesa di 10mila euro l’anno necessarie al mantenimento del canile(link alla notizia)

Lo so, in un epoca in cui chi fa campagna elettorale è così distante dalla realtà da promettere l’abolizione dell’Ici riducendo le già esigue entrate di questi piccoli comuni tirare avanti per loro è molto difficile. I “tagli” si impongono giocoforza, che però vadano nella direzione di sopprimere degli animali bè, questo francamente NON LO ACCETTO! Non credo proprio che 10.000 euro l’anno possano cambiare la vita dei ‘vivaresi’ mentre, al contrario, quest’iniziativa sicuramente li mette in cattiva luce e non poco.

Cosa possiamo fare qui davanti questo video? Sinceramente non ho un’idea precisa. In primis (doveroso!) vi invito a  diffondere il più possibile questa notizia e poi scrivere una mail al Comune e protestare, sulla falsariga di quello già fatto tempo fa per Annalisa, possibilmente in modo civile ed educato per non passare noi dalla parte del torto.
Ci si mobilita per salvare questo e quello nelle varie parti del mondo, siamo sempre pronti a postare catene e quant’altro ora c’è la possibilità di fare qualcosa per delle creature che sicuramente hanno già sofferto ognuno di voi si faccia un esamino di coscienza e decida il da farsi.

Questo è il link al sito del Comune di Vivaro, gli unici indirizzi email validi mi risultano quelli dell’anagrafe, dei lavori pubblici e della ragioneria.

[tags]italia, vivaro, animali, appelli, cani[/tags]

Ha ragione Murphy, Madre natura è una puttana (a volte)

Che la tranquillità di giornata festiva casalinga venga improvvisamente rotta da un urlo: “Nooo, Chit vieni….corri….”.
Mi alzo, corro in soggiorno e vedo Silvy, una delle nostre due gatte, dietro ai vetri orgogliosa con il suo “trofeo” in bocca … un pettirosso!


(clicca sull’immagine per ingrandirla)

Non ho pressochè nessuna nozione di ornitologia e quindi l’unica cosa che ho potuto fare per il malcapitato è metterlo al riparo in una scatola, con qualche briciola di pane e un po’ d’acqua e tenermelo qui vicino al pc. C’è un precedente di un’altra “vittima”, di Niki quella volta (l’altra gatta), che dopo due giorni di pit-stop miracolosamente riprese il volo. Vi terrò aggiornati.

Una considerazione però intanto fatemela fare; passi che la natura ha i suoi equilibri e le seu “leggi” ma il punto numero 10 del corollario alla legge di Murphy è proprio vero … Madre natura è una puttana!

[tags]animali, storie di animali, leggi di murphy[/tags]

War Emblem: stallone o gay?

War EmblemIl mercato stalloniero è il fulcro economico del galoppo mondiale. War Emblem però, sarà anche vincitore di titoli importanti, ma in quanto a stallone lascia a desiderare. Il morello, infatti, in cinque anni di tentativi ha dimostrato disinteresse per l’altro sesso. Alla Shadai Farm, fattoria giapponese che ne detiene la proprietà, gli sono state messe di fronte ben 10 fattrici che lui ha snobbato. Il sospetto è che sia gay.

Nel 2004, primo anno di monta, solo 4 nascite, l’anno successivo 40, ma fu una faticaccia. War Emblem, infatti, fu abbastanza schizzinoso nella scelta e gli venne “presentata” ogni volta una cavalla di taglia, colore e caratteristiche sempre diverse. Poi il crollo verticale negli ultimi due anni. Un calo del desiderio che ha portato a questi (terribili) risultati: 500 fattrici proposte, una sessantina montate e solo 46 ingravidate e nel galoppo è obbligatoria la monta naturale, della serie: se mi piaci ok, altrimenti niente da fare.
Alla fine a fare il suo lavoro c’ha pensato il suo amico Deep Impact, altro cavallo di proprietà della Shadai Farm, che ha chiuso la sua prima annata con ben 230 monte. Lui si che è uno stallone vero, ma ovviamente, non lo dite a War Emblem.

Il “metro” di giudizio sembra essere: sei stallone nella misura in cui trombi. E se invece lui lo facesse solo per vero amore?
Che brutta cosa esser giudicati per la quantita’ ….

Fonte notizia: TgCom

Niki is back!

Ore 17.25, sono in ufficio e suona il cellulare.  Rispondo e sento: “E’ TORNATA”!
Questo è un piccolo esempio di come un episodio cambia una giornata e forse anche di più.
Qualcuno di voi ne era al corrente ed è con grande, grandissima gioia che comunico a gianfranca1801, a minpepp e a kit che Niki è tornata a casa!
Chi è Niki? Per chi ancora non lo sapesse Niki è una delle mie due gatte, una di quelle che mi e vi fanno compagnia ogni qualvolta aprite questo blog e mancava da casa ormai da 16 giorni. E’ una gatta trovatella che abbiamo dal 2002 ed sempre stata libera di andare e venire da casa. Troppo forte il suo istinto felino per esser chiuso tra quattro mura. E troppo lontano dalla mia mentalità limitare chicchessia nel suo vivere. Così spesso succedeva che al mattino mi accompagnasse nel bosco che attraverso per andare da mio fratello per venire al lavoro, mi salutava e si inoltrava nelle sterpaglie. E’ capitato che sparisse per 4, 5 a volte 6 giorni anche, ma 16 (sedici) giorni mai!
In questi giorni sono andato a cercarla, chiamarla ed in cuor mio ho sperato che potesse tornare, anche se come spesso accade in questi casi, il passare dei giorni non alimentava di certo la speranza.
Vi sembrerà assurdo ma ho con questa gatta un legame unico quasi fosse una figlia. L’idea di averla persa mi dava un senso di tristezza fortissimo per la sensazione di non esser stato capace di proteggerla. Idiota forse, lo so, ma questa era la sensazione. Per questo quando stasera è suonato il cellulare ed ho sentito quelle due parole che da tanto tempo speravo di sentire una lacrimuccia sul mio viso è scesa. BENTORNATA a casa NIKI

  

(clicca per ingrandire l’immagine)

[tags]Animali, gatti, niki[/tags]

Kill Knut: VERGOGNA!!!

Premetto, stamattina sono molto molto incaxxato con questo strumento e con il Web. Motivo?  Si parla spesso di violenza, di bambini (che sono poi i soggetti più “indifesi” ed esposti) e di come il web possa fomentarla. Personalmente ritengo il web un’arma e come tale da NON lasciare in mano ai propri figli ma, semmai, da utilizzare in loro compagnia insegnandogli, nel limite del possibile, trucchi esegreti per non esser sopraffatti da esso e dagli individui ed i contenuti poco raccomandabili che lo popolano. Ciò premesso chi di Voi in questi ultimi tempi non ha sentito parlare di Knut? Per chi no lo sapesse è un piccolo orsetto bianco dato alla luce assieme a un fratellino ma poi ignorati entrambi dalla mamma. Il fratellino è morto mentre Knut, non senza polemiche, è stato allevato ed è diventato un simbolo della lotta per salvare una specie rara. E’ un orsetto bianco, è tenerissimo e credo sia un bel simbolo pulito in un mondo “sporco” come quello odierno.
In Germania da tempo è notizia fissa di tv e giornali, c’è addirittura un blog dove possono intervenire i visitatori e aggiornare gli altri di cosa gli hanno visto fare quando los ono andati a trovare, etc. Chiaro, vorrei che stesse nel suo habitat ma, non essendo possibile, piuttosto che appeso ad una parete sono contento di saperlo lì, coccolato ed accudito.
Chiaro che tanta popolarità porta, inevitabilmente, a tante gelosie così nei giorni scorsi Knut (un orsetto!) è stato addirittura minacciato di morte.

Torniamo al web: stamattina mi sono “travestito” da papà e mi son detto; immaginiamo di spiegare a mio figlio/a il web, cosa c’è di meglio di farlo utlizzando un simbolo come Knut? (forse ci saranno idee più geniali ma, sfiga, ho pensato a questa). Vado su google e scrivo “knut gioco”, si perchè per i bambini è un gioco, premo ‘Invio’ e che cosa mi dà come risultato google?  Uccidi Knut: anche il web se la prende con l’orsetto di Berlino

Un po’ “timoroso” clicco, sollevato solo della compagnia della gatta e NON di un bambino/a e che cosa ti trovo? Un giochino online in cui lo scopo del gioco è proprio uccidere l’orsetto bianco. Io non sono esperto di leggi, di tutela di minori e/o animali ma (credo) di essere dotato di buonsenso e che si trovi un cavillo, un qualcosa che al più presto oscuri questo e tutti i siti “simili”. Non aggiungo altro se non la fonte della notizia (trovata peraltro curiosamente dopo) in cui c’è anche la “giustificazione” (si potrà mai chiamare così) degli autori del gioco. 

Fonte notizia: Corriere.it

[tags]Knut, internet, bambini, giochi online[/tags]

Fermiamo il massacro delle foche, almeno proviamoci!

 foca.jpg

Il Governo Canadese ha autorizzato anche quest’anno la strage di 350 mila cuccioli di foca.

Tra il 2003 e il 2006 il piano di gestione della caccia alle foche ha previsto l’abbattimento di 975.000 esemplari, 325.000 solo nel 2006. Ogni anno – prosegue Ilaria Ferri, Direttore dell’Associazione Animalisti Italiani ONLUS il Dipartimento Canadese della pesca dichiara il numero di abbattimenti previsto per l’anno in corso ma per il 2007 ha preferito annunciare un Piano triennale con quota indicativa facendo riferimento alla quota del 2006 senza precisare nulla per evitare proteste e critiche da parte dell’opinione pubblica. ….. Le foche vengono uccise, oltre che per la loro candida pelliccia e per il pene venduto come afrodisiaco sul mercato asiatico, perchè erroneamente considerate come le principali responsabili del declino delle risorse ittiche ed in particolare degli stock di merluzzo. Quella dei cacciatori di foche è una vera e propria attività commerciale che può essere ostacolata solo attraverso un massiccio boicottaggio di tutti i prodotti ittici canadesi…. (continua l’articolo)

Fonte notizia: PromiseLand.it

FIRMA LA PETIZIONE ONLINE io l’ho già fatto e tu cosa aspetti?

 

Panda: baby-boom in Cina

Le possibilità sono due; cominciare commentando un po’ di “dotte esternazioni” ascoltate ieri in merito ai DiCo oppure cercare qualche argomento come dire, più “leggero”. Propendo per la seconda opzione e con molto piacere, condivido con voi una notizia che ho letto ieri su www.wwf.it. La buona (per una volta) notizia è che il 2006 è stato l’anno del “baby boom” per i panda: le nuove nascite hanno portato a 217 il numero dei panda in cattività . Trentaquattro sono stati concepiti con l’inseminazione artificiale, e 30 di essi sono sopravvissuti: un record, in entrambi i casi, per una specie minacciata. Per chi volesse vedere il video clicchi qui. Qui di seguito invece qualche immagine di questi splendidi animali:

Fonte notizia: LaRepubblica.it

[tags]Animali, Wwf, Panda[/tags]

Storie di animali, racconta la tua ….

Questa ragazzi è una SFIDA!!? 💡

Parliamo di ANIMALI e BUONE AZIONI. L’idea me l’ha data il racconto che mi ha fatto Marilena su Belinda. Marilena ad agosto ha avuto un’esperienza che spero voglia raccontare anche a voi e credo sia meglio leggerla dalle sue parole. Quello che mi ha fatto riflettere è che molti di noi hanno fatto magari azioni simili. Perchè ognitanto non parlare anche delle buone azioni??

Dove sta la “sfida”?
Nella speranza che questo post conti più racconti di qualsiasi altro, che ne dite, ce la faremo?
Intanto raccontaci la tua storia e presentaci i tuoi amici, ti va? 😉

[tags]Animali, storie di animali[/tags]

Segui il blog via email:

Visita il sito ufficiale
Inserisci il tuo indirizzo email:


Questo blog è
Leggi il post
clicca sul logo
per saperne di più
Questo blog sostiene:
Mi trovi anche su:
Le mie foto su Flickr
Nuovi ospiti nelle acque della città... Billy versione 'spia' header Tramonto triestino     
Premi e Riconoscimenti

In classifica
Tra i primi 10
Uno dei più belli
sito internet

Secondo classificato come

nei prossimi anni non ho intenzione di partecipare al concorso quindi il secondo posto è libero


Premio D eci e Lode
da Giorgia, Sara, Simona, Kit Jr. e Chiara

Thinking Blogger Awards
da Pibua, Giuseppe T. e UMI

foca.jpg
da Sciura Pina e Paola

Premio Symbelmine
da Silvia

logo del premio
da Ed, Giangidoe, Pibua, IvanSantoro, Guccia, Weblogin e Anna

logo del premio
da La Tela di Aracne, Nido di Scricciolo, Synnovea e Serendipity

logo del premio
da Occhidigiada

logo del premio
da Elle, NadiaFlavio, SERENdipity, Dolcelei, Sciura Pina e Oscar

Con molto orgoglio…