Categorie
Archivi

Archivi per la categoria ‘Arte’

Ditology,a voi il compito di trovare l’intruso

In questi giorni sta spopolando in rete Ditology, un album virtuale che raccoglie ritratti di personaggi “in punta di dita”.

La trovo un’idea carina e spero non me ne vorrà l’ideatore se, sulla falsariga della Settimana enigmistica, ve ne ripropongo qui sotto un estratto e chiedo a voi di ‘trovare l’intruso

[clicca sull’immagine per ingrandirla]

Trovato? Si dai, non era poi così difficile, in fondo ognuno ha il “ritratto” che si merita no?

Qui il link alla galleria fotografica completa; cliccate pure tranquilli, lì la Santanchè non c’è!

Periodi storici a confronto

L’arte è uno strumento efficace per farci riflettere attentamente sul passato e sul presente e per proiettarci verso il futuro.

Proviamoci allora, mettendo a confronto queste due immagini:

Quarto Stato
(Pellizza da Volpedo, 1901)

Leggi il resto di questo articolo »

Luci, suoni e immagini: arte a Trieste

Secondo Wikipedia l’arte è:

… nel suo significato più ampio, comprende ogni attività umana – svolta singolarmente o collettivamente – che, poggiando su accorgimenti tecnici, abilità innate e norme comportamentali derivanti dallo studio e dall’esperienza, porta a forme creative di espressione estetica.

Secondo me questo spettacolo della scorsa settimana in occasione dell’inaugurazione del nuovo palazzo Tergesteo se non è arte si avvicina molto, cosa ne pensate?

A chi fosse piaciuto e volesse vedere gli altri due filmati dell’evento li può trovare sul mio canale Youtube

Escher rivive con i Lego

Ve lo ricordate il post di qualche tempo fa su Mauritius Cornelis Escher? Oggi ho scoperto che c’è chi si è messo anche a ‘clonare’ le sue opere aggiungendo però, a mio avviso, un valore aggiunto. Già riproporre le sue opere pensavo non fosse cosa facile, rifarle con i Lego direi quasi impossibile. Invece Andrew Lipson ce l’ha fatta, guardare per credere:


  
  

In realtà, come spiega l’artista stesso, il trucco c’è e non ne fa mistero visto che per l’appunto lo spiega costruzione per costruzione. Aldilà di trucchi ottici, prospettive favorevoli e quant’altro per quel che mi riguarda aggiungo di diritto anche costui nella categoria ‘artisti‘. Che ne dite?

[tags]Arte, Mauritius Cornelis Escher, Andrew Lipson, Lego[/tags]

Guido Daniele e Manimali

Da tempo guardavo su Animal Planet (canale 609 di Sky) questa sigla e mi chiedevo chi fosse il talento in grado di produrre queste? opere:

L’ho scoperto! Si chiama Guido Daniele, è nato nel 1950 a Soverato (CZ), vive e lavora a Milano. Dal 1964 al 1968 ha frequentato il liceo artistico di Brera, e poi il corso di scultura all’Accademia di belle Arti di Brera dal 1968 al 1972. Dal 1972 al 1974 frequenta la scuola di Tankas tibetane a Dharamsala in India. Dipinge e partecipa a mostre personali e collettive dal 1968 ad oggi. Dal 1972 al 1986 collabora con l’editoria e la pubblicità come illustratore iperrealista utilizzando ogni tipo di tecnica. Dal 1986 ad oggi realizza scenografie per foto, spot pubblicitari e programmi televisivi, dipingendo ad areografo fondali fino a 400mq. Dipinge inoltre trompe l’oeil per case private e strutture ad uso pubblico di grandi dimensioni.
Dal 1990 ha aggiunto al suo bagaglio di esperienze la tecnica del body painting dipingendo i corpi delle modelle per foto, filmati pubblicitari, sfilate ed eventi. La sua ricerca artistica degli ultimi anni lo ha portato ad unire le due tecniche tradizionali del ritratto: fotografia e pittura ad olio.

Vi invito a visitare il suo sito personale nel quale troverete una panoramica completa delle sue opere.

Buona visione

Julian BEEVER e l’anamorfismo

E’ da qualche tempo che gira in internet un file .pps con delle immagini delle opere di Julian Beever. Solitamente i files pps dal sottoscritto vengono immancabilmente cestinati; questo, a differenza degli altri, ha catturato la mia attenzione perchè inoltratomi da una persona “affiadabile” e non vi nascondo che  l’originalità delle opere da lui rappresentate mi ha conquistato.
Mi sono messo un po’ alla ricerca di qualche informazione su di lui e su quest’arte. Su di lui ben poche informazioni e quasi sempre contrastanti, come su quasi tutti gli artisti. Sulla sua arte nessun dubbio, è l’anaformismo. L’anamorfismo è un effetto di illusione ottica per cui una immagine viene proiettata sul piano in modo distorto, tale per cui il soggetto originale sia riconoscibile solamente guardando l’immagine da una posizione precisa. (da Wikipedia). Si trovano tracce di quest’arte fin dal 1400, tuttavia il termine ‘Anaformismo’ pare venga coniato ufficialmente solo all’inizio del 1600 grazie Giudoubaldo Del Monte che ne parlò nel suo trattato ‘Perspectivae Libri Sex’.

Ma non sono certo d’essere in grado di erudrivi su quest’arte, essendo la mia semplice e pura ammirazione per queste opere non suffragata da nessuna conoscienza particolate. Pertanto vi lascio a qualche sua opera e i links ai vari siti da cui ho tratto imamgini ed informazioni. Buona visione e buon weekend.

 
  
 
 
 

Link al sito di Julian Beever

Link al sito di Kurt Wenner (un altro genio)

 

Oggi inaugurazione del “Museo della Figurina”

Alzi la mano chi di Voi non ha mai avuto a che fare con le mitiche “figu“. Da quelle contenute nelle confezioni Miralanza, alle leggendarie Liebig, ai mitici album dei calciatori o a quelle degli idoli dei cartoni animati. Chi non ha mai giocato a “Muretto” o a “Celo-Celo-Manca”? Chi non ha mai aperto con frenesia una bustina colorata, sperando di trovare la figurina mancante?
Ora a Modena c’ un luogo unico al mondo, un contenitore di ricordi che lega milioni di persone.
E’ il nuovo Museo della figurina che apre al pubblico. Nato dalla passione collezionistica di Giuseppe Panini e donato, unitamente all’azienda, al Comune di Modena, il Museo mostra quel mondo fantastico e sorprendente di piccole stampe che, partendo dalla seconda met? dell’Ottocento fino ai nostri giorni, risveglia memorie, emozioni ma regala anche stimoli e sorprese inaspettate. Il pubblico potr? scoprirle scorrendo le pagine dei grandi “album delle meraviglie” che costituiscono l’originale allestimento del Museo.

Fonte: AdnKronos

[tags]Abum figurine, Panini, raccolte[/tags]

Mauritius Cornelis Escher

Vogliamo dare una valenza minimamente culturale a questo blog?

Non ve l’aspettavate dal Chit vero? Allora Vi presento uno dei miei artisti preferiti e qualche sua opera.

Mauritius Cornelis Escher nato il 17/06/1898 a Leeuwarden, capoluogo della provincia di Friesland, nei paesi Bassi settentrionali. Trascorre la giovinezza ad Arnhem e poi ad Haarlem, dove dal 1919 al 1922 studia prima architettura e poi arte grafica con Samuel Jessurum de Mesquita.
Nel 1923, terminati gli studi, si trasferisce a Roma dive rimane sino al 1935. In questi anni ogni primavera intraprende lunghi viaggi in regioni spesso isolate e poco conosciute dell’Italia, prendendo appunti ed eseguendo schizzi che poi, durante l’inverno, utilizza come base per la realizzazione delle opere definitive.
Nel 1935 si trasferisce si trasferisce a Chateux d’Oex, in Svizzera; nel 1937 a Ukkel, vicino Bruxelles; nel 1941 a Baarn, nei Paesi Bassi, dove rimane fino al 1970 quando si trasferisce a Laern.

Qui muore nel 1972 dopo lunga malattia.

 


MANO CON SFERA RIFLETTENTE (Autoritratto nello specchio sferico) [M.C.Escher - 1935]

Immagine 1 di 6

MANO CON SFERA RIFLETTENTE (Autoritratto nello specchio sferico) [M.C.Escher - 1935]


Segui il blog via email:

Visita il sito ufficiale
Inserisci il tuo indirizzo email:


Questo blog è
Leggi il post
clicca sul logo
per saperne di più
Questo blog sostiene:
Mi trovi anche su:
Le mie foto su Flickr
Nuovi ospiti nelle acque della città... Billy versione 'spia' header Tramonto triestino     
Premi e Riconoscimenti

In classifica
Tra i primi 10
Uno dei più belli
sito internet

Secondo classificato come

nei prossimi anni non ho intenzione di partecipare al concorso quindi il secondo posto è libero


Premio D eci e Lode
da Giorgia, Sara, Simona, Kit Jr. e Chiara

Thinking Blogger Awards
da Pibua, Giuseppe T. e UMI

foca.jpg
da Sciura Pina e Paola

Premio Symbelmine
da Silvia

logo del premio
da Ed, Giangidoe, Pibua, IvanSantoro, Guccia, Weblogin e Anna

logo del premio
da La Tela di Aracne, Nido di Scricciolo, Synnovea e Serendipity

logo del premio
da Occhidigiada

logo del premio
da Elle, NadiaFlavio, SERENdipity, Dolcelei, Sciura Pina e Oscar

Con molto orgoglio…