Categorie
Archivi

Archivi per la categoria ‘Impegno sociale’

13/10 Giornata mondiale della sindrome di Down

Domani, 13 ottobre, sarà  la giornata mondiale dedicata alle persone con sindrome di Down.

Dovrebbe essere un giorno di “festa” e probabilmente, conoscendo un po’ questi ragazzi e le persone che li seguono e se ne prendono cura lo sarà anche, perché ci insegnano che la vita è bella e va rispettata ed onorata sempre con il sorriso.

Però non posso e non voglio dimenticare, né lasciare passare sotto silenzio un episodio accaduto pochi giorni fa e raccontato da Antonella Falugiani, presidente dell’Associazione Trisomia 21, al quotidiano La Nazione. Lo potete leggere integralmente a quest’indirizzo ma che comunque Vi riassumo brevemente:

qualche tempo fa in un palazzo di Firenze dove risiede una famiglia con un ragazzo affetto da sindrome di Down era stata esposta una locandina che pubblicizzava un evento benefico organizzato dall’Associazione Trisomia21 in programma il 5 ottobre al Mandela Forum di Firenze. Pochi giorni dopo questo manifesto è stato rimosso ed alla richiesta di spiegazioni della madre è stato risposto dal portiere che “Alcuni condomini si sono lamentati. Non sopportavano di vedere quei ragazzi Down entrando nell’androne del palazzo”.

Pronta e CIVILE la risposta dell’Associazione che ha pensato bene, BENISSIMO (mi permetto di aggiungere) di acquistare uno spazio pubblico a pagamento in piazza Duomo dove affiggerlo fino al 15 ottobre tant’è che fino a quella data tutti coloro che passeranno da lì potranno vedere esattamente questo:

Leggi il resto di questo articolo »

E riguardo a omosessualità e boyscout Carlo Giovanardi docet…

Per la serie “punti fermi (per taluni ovviamente!) che vanno a puttane” leggo, segnalo e riporto quanto segue:

«Una organizzazione cattolica ha infatti il diritto e il dovere di offrire una sua proposta educativa, che non può che essere aderente al Magistero della Chiesa: questo vale per il diritto alla vita dal concepimento alla morte naturale, la bioetica, il modello di rapporti di coppia legato al matrimonio, la non leicità dei rapporti prematrimoniali, il rispetto del diritto naturale e della rivelazione nel Vecchio e Nuovo Testamento per quanto riguarda i rapporti etero ed omosessuali».
[Carlo Giovanardi 05/05/2012]

Stamane con molto piacere leggo invece che:

«Svolta storica tra i Boy Scout Usa. Ammessi i ragazzi omosessuali»
[da Corriere.it del 24/05/2013 ]

Conclusioni:

Leggi il resto di questo articolo »

Nel giorno del ricordo di Peppino Impastato una speranza dagli studenti di Gela

Ebbene si, non sono scomparso ed ogni tanto trovo qualche notizia che ho ancora il piacere di condividere con chi passa da queste parti. Qualche notizia che non sia le solita triste riflessione su un’attualità che, tolto pochi e rarissimi casi (comunque a mio avviso da studiare ed analizzare ndr), non é che sia un granchè degna d’esser raccontata e commentata. Men che meno di provare

Ma oggi é una giornata particolare. E’ la giornata in cui ricorre il 35mo anniversario dell’uccisione di Peppino Impastato.

Peppino e la sua storia, raccontata anche nel film ‘I cento passi‘ di Marco Tullio Giordana, sono patrimonio e riferimento imprescindibile per tutti coloro che lottano e combattono perchè la mafia ed il suo ‘codice’ non abbiano la meglio su legalità e giustizia. In questi anni si è provato a combatterla in tanti modi, molto spesso si é fatto anche solo finta di farlo anche se, un po’ come nella lotta al doping nello sport, la sensazione é che per tanto che gli si corra appresso si é comunque sempre, drammaticamente e desolatamente in ritardo. Viene veramente da rassegnarsi. Ma si sa, oggi come oggi nessuno ‘regala’ nulla e speranza e fiducia occorre andarsele a cercare da soli.

Per la cronaca Gela é una città a forte infiltrazione mafiosa, é la città  dove fu scoperto il primo libro mastro del racket del pizzo, la citta teatro della “strage della sala giochi” dove il 27/11/1990 vennero uccise otto persone e rimasero ferite altre sette in uno di quelli che viene tutt’oggi ricordato come uno dei più feroci regolamenti di conti.

Ma per fortuna Gela oggi é anche molto altro.

Leggi il resto di questo articolo »

Giornata mondiale dell’AUTISMO: io mi illumino di BLU e Voi?

Come volevasi dimostrare, tanto rumore per nulla e poco o nessun rumore quando serve!

Certo che se la rete é un’arma, va detto che molti di noi la usano proprio ad-minchiam…

Negli ultimi mesi sia su faccialibro che su G+ era tutto un proliferare di condivisioni e post, tutte dall’alto valore sociale, che recitavano più o meno così:

A TUTTI GLI AMICI DI G+ POSSO CHIEDERVI UNA COSTESIA SU UNA COSA CHE MI STA’ MOLTO A CUORE? C’E’ QUALCUNA DISPOSTO A PUBBLICARE QUESTO MESSAGGIO E LASCIARLO SULLA SUA BACHECA PER ALMENO UN ORA?
QUESTA E’ LA SETTIMANA DELL’EDUCAZIONE SPECIALE,DELL’AUTISMO, DEL ADHD (DEFICIT DI ATTENZIONE), DELLA DISLESSIA… E’ IL MESE DELLA SENSIBILIZZAZIONE. PER TUTTI I BAMBINI CHE LOTTANO OGNI GIORNO PER AVERE SUCCESSO… E DI COLORO CHE LI AIUTANO.
GRAZIE

Ora, a parte il fatto che solitamente (che io sappia) questo tipo di notizie a differenza di alcuni alimenti o di promozioni NON HANNO SCADENZA, ergo non si capisce perchè e per come lasciarlo scritto ‘almeno un’ora‘ ma… perchè caspita mai nessuno s’impegna un po’ di più del necessario ad inviare il dito indice l’impulso per il click del condividi?

No perchè se anche solo una minima parte di coloro che hano bovinamente condiviso questo messaggio avrebbero potuto scoprire senza troppa fatica che

  1. la ‘settimana dell’educazione speciale’ servirebbe (magari trasformandola in “permanente” vista la scarsità) ma ahinoi, NON ESISTE! [via http://ilblogdipizzi.blogspot.it/2012/06/la-settimana-delleducazione-speciale.html ]
  2. esiste la ‘giornata mondiale della consapevolezza dell’autismo’ che dal 2008 (anno in cui é stata istituita dall’Onu) che si celebra proprio il 2 aprile di ogni anno. [dal sito www.disabili.com]

E noi cosa possiamo fare per l’occasione? Credo che nessuno meglio di chi ha a che fare con questi temi tutti i giorni possa ed abbia diritto di chiedercelo quindi copio-e-incollo la presente richiesta:

autismo_in_blu


LIGHT IT UP BLUE!
– Cosa posso fare io? vi chiederete.

Passare parola, non chiudere la porta alla conoscenza…accendere una luce blu! In questa giornata tutti possono indossare qualcosa di blu, mettendo una gassa blu realizzata con un semplice nastrino, accendendo alla finestra una luce blu, esponendo qualcosa di blu, un punto luce blu al balcone, una lampada in giardino…

Da un paio d’anni Autism Speaks, la più grande organizzazione mondiale per  promuovere la ricerca scientifica sull’autismo, ha infatti lanciato l’iniziativa ‘Light it up blue’: i  monumenti del mondo, da New York a Rio de Janeiro, da Sidney a Roma, si  illuminano di blu a testimoniare la sensibilità delle Città rispetto alla problematica dell’autismo.

Tra le grandi città, anche il Comune di Firenze ha aderito ad illuminare i propri monumenti di blu.

 

Io, in attesa che arrivi sera e possa accendere la luce, per il momento ho deciso di cambiare la home page del blog e… di fare così:

Leggi il resto di questo articolo »

Inciviltà diplomatica ed italica reazione (o menefreghismo?)

Lunedì mattina, come tutti i lunedì mi reco al lavoro con il mio scooter. Ore 8.30 arrivo a Trieste, via Genova per la precisione, dove parcheggio il mio scooter.

Tempo di scendere dal sellino e metterlo sul cavalletto e sento un rumore alle mie spalle. Mi volto e vedo una ragazza e alcuni scooter per terra. Con un altro ragazzo che stava passando, la aiutiamo a rialzarsi, tiriamo su i motorini caduti e solo a quel punto capiamo che la ragazza (imprecante) era caduta nel tentativo di “ricavarsi” un posto per il suo scooter visto che… vabbè, giudicate Voi:

Foto0940[foto scattata in via Genova 1 a Trieste, Italia]

La ragazza sembra essersi ripresa dallo spavento (meno dalla botta alla spalla ed al fianco), il ragazzo che mi aveva aiutato mi avvisa che alle 9 ha un appuntamento importantissimo e deve scappare ma tutti e tre conveniamo che di civile e comprensibile questo parcheggio ha ben poco. Decidiamo di dividerci i compiti: il ragazzo accompagna la ragazza al suo ufficio da lì poco distante ed io mi reco al comando dei vigili urbani distante poche decine di metri dal luogo.

Entro e spiego brevemente l’accaduto ricevendo come prima risposta della persona presente un “Eh si però se é corpo diplomatico sa non possiamo rimuoverla ma solo segnalare…

Leggi il resto di questo articolo »

Se la sigla LGBTQI è vera dimostriamolo

Nel mondo esiste una sigla (LGBT) che identifica la comunità formata dalle persone Lesbiche, Gay, Bisessuali e Transessuali e le lotte dalla stessa sostenute per rivendicare i propri diritti. Con l’andare del tempo poi la stessa sigla é mutata con l’aggiunta di altre lettere ad identificare altre comunità, mi viene in mente ad esempio la Q riferita alle persone Queer e la I riferita alle persone Intersessuate, da qui il più “recente” acronimo LGBTQI.

Lettere quindi, che singolarmente identificano delle comunità e che messe assieme hanno la funzione di identificare quello che dovrebbe essere un movimento. Ma un movimento presuppone ‘obbiettivi’ e traguardi comuni e condivisi, magari non solo sulla carta  e…  secondo voi é così? Secondo voi c’è la stessa “sensibilità”, attenzione e visibilità verso le istanze di qualsiasi di queste comunità oppure si é autorizzati a pensare che esistano più pesi e più misure?

Non lo so o meglio un’idea ce l’ho, ma non é mia intenzione affrontare qui ed oggi i temi riguardanti la comunità LGBTQI. Oggi desideravo prendere in considerazione una sola delle lettere, per esattezza la ‘T’ e visto anche il mio incarico di addetto stampa dell’Associazione Trans Genere, volevo farmi promotore di quella che sarà la giornata di domani 20 novembre ovvero il TDOR

Leggi il resto di questo articolo »

Paralimpiadi: le Olimpiadi della vergogna del social-web?

Una breve considerazione che nel migliore dei casi cadrà semplicemente nell’oblio o forse farà “incavolare” qualcuno, da persona che ormai da qualche annetto (seppur senza farne una ragione di vita) frequenta web, blog e social network.

I primi accessi, peraltro senza la varietà di servizi & siti di oggi a disposizione, risalgono all’anno 2005 e da allora inevitabilmente molte cose sono cambiate. Un po’ le abbiamo cambiate noi con il nostro utilizzo della rete, un po’ le hanno cambiate gli eventi, tanto l’ha cambiato l’evolversi delle tecnologie ma qualcosa di ‘comune’ è rimasto, pensavo! Intendo l’attenzione a certe tematiche fino ad ora una specie di filo conduttore abbastanza comune in rete.

Appunto, pensavo perchè da quel che posso constatare oggi forse non è più così.

Leggi il resto di questo articolo »

32 Morti in carcere? Se la sono voluta [parola di Lele Mora]

32 (Trentadue)
è il numero delle morti nelle carceri italiane
nel periodo 01/01/2012-30/07/2012,
una media di 4,5 morti al mese
e di un morto alla settimana.

Tante volte in questo ed in altri blog se n’è parlato, è stato affrontato e sviscerato il tema ma, occorre riconoscerlo ed io oggi lo faccio pubblicamente; ragazz*, abbiamo sbagliato tutto, completamente!

Leggi il resto di questo articolo »

Fratelli d’Italia un caz

Sarò breve anche perchè la mia opinione la sintetizza appieno il titolo ma come spesso accade noi italiani ci occupiamo molto di alcuni particolari mentre ce ne sfuggono altri.

Come sapete l’altro ieri sono stati finalmente liberati Rossella Urru e gli altri due cooperanti spagnoli rapiti nove mesi orsono. Dico finalmente perchè credo nessuno meriti di vedere la propria libertà limitata o annullata, soprattutto quando questo avviene in un contesto di aiuti e solidarietà. E sfido a sostenere qualcosa di diverso.

Tanto vorrei dire a riguardo ma credo dopo l’impegno nelle varie iniziative ed i post dei mesi scorsi sarebbe solo un inutile ripetersi.

Tuttavia, fermo restando lo status di libertà di pensiero e d’espressione, a tutti coloro che pensassero ancora di vivere in un Paese si diviso (da sempre ndr) su molti temi ma sempre pronto a stringersi e compattarsi nelle difficoltà, ebbene li invito a leggere i commenti, che poi sono lo specchio dei pensieri dei lettori, che sono apparsi in calce all’articolo sul suo rilascio.

Leggi il resto di questo articolo »

A Renato Balduzzi ministro della Salute (lettera aperta)

Alla C.A.  Sig. Ministro della Salute Renalto Balduzzi

In questo periodo in cui le Istituzioni sembrano chiedere a noi cittadini partecipazione attiva alla vita politica, nonostante me lo faccia dire non è che ci invogliate molto, con la presente desidero condividere con Lei quanto mi è capitato in una giornata come tante, una domenica, una di quelle giornate che dovrebbero essere di riposo e di festa ma che ultimamente (almeno per me) spesso sono giornate di  ‘trasferimento’.

Anche quella passata per me non fa eccezione, lo scenario è quello del treno FecciaRossa, l’aria interna (come sempre d’estate) semplicemente ghiacciata e così non rimane che indossare un maglioncino, tirare fuori la scorta di giornali e incominciare ad ingannare il tempo. Faticosamente, aggiungo alla descrizione, perchè il panorama dell’attualità e le notizie non sono un granchè a dire il vero.

Le parole d’ordine sono Sanità e Spending-Review.

Pensavo che dopo le pensioni, la ricerca, la scuola e la cultura avessimo dato ma, a quanto dicono i “tecnici” anche se non sono Tozzi-Ruggeri-Morandi… si può dare di più!

Leggi il resto di questo articolo »

Segui il blog via email:

Visita il sito ufficiale
Inserisci il tuo indirizzo email:


Questo blog è
Leggi il post
clicca sul logo
per saperne di più
Questo blog sostiene:
Mi trovi anche su:
Le mie foto su Flickr
Nuovi ospiti nelle acque della città... Billy versione 'spia' header Tramonto triestino     
Premi e Riconoscimenti

In classifica
Tra i primi 10
Uno dei più belli
sito internet

Secondo classificato come

nei prossimi anni non ho intenzione di partecipare al concorso quindi il secondo posto è libero


Premio D eci e Lode
da Giorgia, Sara, Simona, Kit Jr. e Chiara

Thinking Blogger Awards
da Pibua, Giuseppe T. e UMI

foca.jpg
da Sciura Pina e Paola

Premio Symbelmine
da Silvia

logo del premio
da Ed, Giangidoe, Pibua, IvanSantoro, Guccia, Weblogin e Anna

logo del premio
da La Tela di Aracne, Nido di Scricciolo, Synnovea e Serendipity

logo del premio
da Occhidigiada

logo del premio
da Elle, NadiaFlavio, SERENdipity, Dolcelei, Sciura Pina e Oscar

Con molto orgoglio…