Categorie
Archivi

Ignorare non vuol dire risolvere

Se leggi l’articolo 1 della Costituzione italiana scopri che “L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro“. Ma che Repubblica può mai essere se NON tutela i suoi cittadini, se NON si preoccupa della tutela proprio di quelle persone menzionate nel primo articolo, se la sua tv di stato si rifiuta di finanziare e mandare in onda ‘Morire di lavoro’ un docu-film di Daniele Segre su uno degli argomenti più d’attualità del momento (teatrino politico a parte)? Ognuno trovi dentro di se la risposta che più lo soddisfa, io sono già contento se questo piccolo post per almeno un momento vi avrà fatto riflettere e pensare a tutti coloro che fanno notizia sempre e solo da morti. Caro Stato, non è non parlandone e facendo finta di niente che si risolvono o dimenticano le cose! Qui di seguito un breve trailer del docu-film:

http://www.youtube.com/watch?v=DrLGatIkWRQ

Con l’occasione ricordo anche di firmare la petizione lanciata dal sito Articolo21 per la medaglia al valore per Denis Zanon, l’operaio morto a Porto Marghera nel tentativo di salvare il collega. Magari, se non facciamo come loro e giriamo la testa altrove convinti che tanto certe cose capitino solo ad altri bè, avremo già fatto un piccolo passo in avanti contro l’indignazione “a comando” e l’indifferenza! Care Istituzioni credo infatti che la vita non si difenda solo con irruzioni negli ospedali ma anche e sopratutto sensibilizzando le persone su quella che, si acetti o meno, è una della più tristi realtà del nostro Paese.

[tags]italia, attualità, morti bianche, lavoro, sicurezza sul lavoro, morire di lavoro[/tags]



Post attualmente letto 8.888 volte

Post simili:

25 Commenti a “Ignorare non vuol dire risolvere”

  • volevo ricordare che le petizioni online non hanno valore, almeno per quello che ho letto in giro. E’ un metodo per mobilitare un po’ di gente pigra perche’ stare dietro un pc e fare 4 click e’ abbastanza comodo.

  • Mammamia che tristezza per questo paese che dimentica chi fa veramente qualcosa per farlo andare avanti, ed è anche chi lavora veramente e quasi sempre in condizioni di pericolo ogni giorno. Spero che lo stato si svegli e faccia qualcosa, anche in questo siamo il paese che ha il più alto numero di morti sul lavoro. Paese da record il nostro.. 🙁
    Purtroppo non sono riusciuta ad aprire la pagina per la petizione, la finestrella caricava all’infinito senza aprirsi. Devo riprovare.
    Il tuo post è veramente importante..bisogna parlare di questo, non basta mai! Un abbraccio

  • Purtroppo noi siamo un paese che s’indigna col telecomando e si spegne in modo altrettanto facile…

  • Chit:

    @Hidaba: mi sono espresso male, perdonami. Non si tratta di petizione ma di un APPELLO, le firme non hanno valore giuridico (confermo) ma solamente a livello di ‘sostegno’ della richiesta.
    @Dolcelei: c’era un errore nel link, ora l’ho corretto.
    @franca: purtroppo è così!?

  • hai perfettamente ragione e corro subito a firmare

  • Santa pace… Si vede che siamo in Italia, vero?!

  • È una guerra, caro Chit. Dove però i morti non vengono avvolti nella bandiera, nè accolti con picchetti d´onore

  • petizione firmata….
    e’ sempre tutto piu’ triste 😥
    ciao chit..

  • Ma tu pensa, quando sento queste cose …

  • Un altra dimostrazione di come lo Stato non abbia nessun tipo di sensibilità per questo problema!
    E intanto si continuano a contare i morti sul lavoro…
    Corro a firmare.
    Ciao
    Flavio

  • Chit:

    @pibua: lo siamo in molti Stefy!
    @curly: davvero…
    @Capitain’s Charisma: grazie amico mio.
    @Fabioletterario: fin troppo chiaramente purtroppo!
    @oscarferrari: almeno i nquesto blog cercherò di lasciargli un posticcino almeno ogni tanto.
    @giovanna: grazie carissima 😉
    @MAvero: si resta senza parole, lo so
    @nadiaflavio: grazie dell’attenzione!

  • Non so..
    Non mi spiego il perchè.
    Perchè non mandare in onda quel documentario?
    Non capisco..
    E se è per i motivi che penso beh..
    no non può essere.
    Che schifo..io non ne sapevo niente.
    Grazie Chit.

  • flo:

    Iniziano ad essere veramente troppe le “morti bianche” per continuare a far finta che si tratti di incidenti dovuti alla fatalità, qui mancano proprio le più elementari norme di sicurezza e tutela dei diritti di un lavoratore… e come sempre a chi non conosce altro mestiere che recarsi ogni tanto a scaldare una poltrona rossa quando non è in barca a vela a veleggiare o spartirsi mazzette coi propri compari non gliene può fregare di meno. 😕

  • UMI:

    Chit il video non è disponibile, l’ho visto da YouTube.
    Che altro vogliamo aggiungere, le responsabilità sono molte e sappiamo tutti in quale direzione vanno!

  • Ed:

    Poi vado a firmare, grazie della segnalazione e buona serata.

  • Sono Betty,ciao…mi hanno censurato il blog e oggi lo hanno riattivato,se vieni a leggere il mio post ti renderai conto …Buona notte,un bacio Betty

  • Già…morire di lavoro, morire di disiccupazione…l’Italia è il Paese dei contrari (negativi)

  • […] bookmarks tagged dire Ignorare non vuol dire risolvere saved by 3 others     ototochan88 bookmarked on 02/14/08 | […]

  • grazie chit per la tua sempre presente informazione………..firmo subito buona giornata!!
    ps ok prossima settimana metto semino in serra bello al caldo!!

  • Caspita lo Stato Italiano è sempre il solito. Menefreghista e ridicolo. Sto seguendo un paio di vicende dove si dimostra davvero incapace di aiutare e sostenere i suoi cittadini. Firmerò anch’io l’appello e spero che gli diano la medaglia ma ho miei dubbi … non la danno neppure a quelli che mandano loro a fare le missioni di pace (come nassirya) figuriamoci a chi “per loro” vale nulla. Che brutto noi non siamo nulla per lo Stato eppure siamo tutti noi che mandiamo avanti l’italia. Dovremmo iniziare a farci sentire. Grande Chit che hai dato rilievo a questo problema e a questa vicenda. Justine

  • Pù che ‘ignorare’ è ‘censurare’ secondo me. E la censura teme il suo nemico più acerrimo: la democrazia. Concordo con la tua conclusione.

    Ciao

  • Chit:

    @Chiara: grazie a te dell’attenzione.
    @flo: l’unica è però continuare a parlarne credo
    @UMI: grazie della segnalazione, correggo!
    @Ed: grazie a te del passaggio e dell’attenzione
    @betty: veramente in quietante! 🙄
    @Alianora: l’Italia è il paese dei pagliacci!
    @terry: ci provo, ma è difficile star dietro a questi!
    @Justine: brava tu a tenere le antenne dritte, grazie della visita.
    @Romano: vero Romano, amara ma ottima osservazione

  • Bravo Chit! Un post per riflettere ma soprattutto per mostrare l’ipocrisia ancora una volta, di questa classe politica.

Lascia un Commento



Segui il blog via email:

Visita il sito ufficiale
Inserisci il tuo indirizzo email:


Questo blog è
Leggi il post
clicca sul logo
per saperne di più
Questo blog sostiene:
Mi trovi anche su:
Le mie foto su Flickr
Nuovi ospiti nelle acque della città... Billy versione 'spia' header Tramonto triestino     
Premi e Riconoscimenti

In classifica
Tra i primi 10
Uno dei più belli
sito internet

Secondo classificato come

nei prossimi anni non ho intenzione di partecipare al concorso quindi il secondo posto è libero


Premio D eci e Lode
da Giorgia, Sara, Simona, Kit Jr. e Chiara

Thinking Blogger Awards
da Pibua, Giuseppe T. e UMI

foca.jpg
da Sciura Pina e Paola

Premio Symbelmine
da Silvia

logo del premio
da Ed, Giangidoe, Pibua, IvanSantoro, Guccia, Weblogin e Anna

logo del premio
da La Tela di Aracne, Nido di Scricciolo, Synnovea e Serendipity

logo del premio
da Occhidigiada

logo del premio
da Elle, NadiaFlavio, SERENdipity, Dolcelei, Sciura Pina e Oscar

Con molto orgoglio…