Categorie
Archivi

L’America cambia, l’Italia sceglie la continuità

Ieri sera non ho potuto non seguire il discorso di insediamento di Obama. Belle parole indubbiamente, ma visto che a dirle non è il primo lo aspetto al banco di prova prima di esprimermi. In questi anni di oratori ne ho sentiti tanti e sono stufo di parole ora voglio dei fatti. Ha fatto comunque un discorso di “speranza”, quasi ad indicare all’America ed al mondo una nuova strada senza però dimenticare quello che la storia ci insegna dalle esperienze del passato.  Auguri Presidente e sappia che non avrà solo Dio come testimone del suo operato ma tutto il mondo, web compreso visto che è il primo Presidente 2.o!

E l’Italia? Il nostro Paese non era presente ufficialmente perchè è si favorevole al cambiamento ma lo è ancora di più riguardo al fatto di non dimenticarsi della storia e del passato, anche se recente ed anche se “doloroso” (per noi cittadini ndr). Infatti ieri il nostro Premier ha pensato bene di disertare la cerimonia a favore dell’inaugurazione di una nuova ala del Pio Albergo Trivulzio dedicata a mamma Rosa e… vi confesso che risentire questo nome anche se dopo più di quindici anni ieri mi ha dato un brivido. Che sia anche questo un segno?

Forse, dico forse, l’America ha imboccato la strada del cambiamento; noi temo che per il momento ancora non can!

[tags]Usa,elezioni usa,obama,barack obama,italia,berlusconi, attualità[/tags]



Post attualmente letto 11.055 volte

Post simili:

28 Commenti a “L’America cambia, l’Italia sceglie la continuità”

  • duhangst:

    Certo ora il motto di Obama dovrà essere “Bisogna fare”.
    Per quanto riguarda noi che vuoi che ti dica, come si può avere un cambiamento, se quando votiamo non possiamo più scegliere la persona.
    Già di persone nuove all’orizzonte non se ne vedono, se non le fanno neanche scegliere poi..

  • Vedremo quello che vorrà, potrà e saprà fare!!!
    In Italia bisognerebbe usare il cassonetto della raccolta indifferenziata e ricominciare da zero partendo dai cittadini…
    Un abbraccio, Lisa
    psOT: oggi è nato un ἄγγελος 😀

  • La notizia bomba da noi è che Kakà resta al Milan.. 😥

  • Anch’io aspetto i fatti per esprimermi…Credo si stia caricando eccessivamente di aspettative la figura di Obama, in fondo la sua “rivoluzione” l’ha già fatta diventando il primo presidente di colore e non è poco.
    Ha tutti gli occhi puntati addosso.
    Stiamo a vedere…Augurandogli buon lavoro.

    In Italia fin quando ci sarà Berlusconi e soprattutto fin quando ci saranno persone a votarlo ed a ritenere degne di rappresentarci persone come lui non si va proprio da nessuna parte.

    Un saluto e bona giornata!

  • Hai detto bene Chit, le parole se le porta via il vento……aspettiamo.

  • flo:

    Anch’io aspetterò i fatti, d’altronde tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare, vedremo…
    per quanto riguarda l’assenza di Berlusconi alla cerimonia, non è mai stata usanza che all’insediamento fossero presenti altri capi di stato 😉

  • Come presidente, aspetterò di vedere i fatti per farmi una opinione, tenendo ben presente le differenze tra gli stati uniti e la vecchia europa…
    Per quanto riguarda la nostra ‘assenza’, mi lascia del tutto indifferente, anzi forse ne sono contenta: meglio nessuno che essere rappresentati da un guitto di varietà di terz’ordine.

    C’è una cosa che comunque mi urta su tutto: il gran parlare di Obama come svolta, come la realizzazione del sogno di Martin Luther King.
    Scordiamoci che con questa abile mossa il razzismo in America sia finito (così come non neghiamo che non stia prendendo campo anche da noi).

  • Chit:

    @duhangst: come darti torto?!
    @Lisa72: chi è nato? 🙄
    @kiara: indubbiamente… 😳
    @Silvia e nadiaflavio: aspettiamo e diamogli fiducia, peggio di Bush difficilmente può fare no!?
    @flo: e poi quando c’è di mezzo la memoria storica…
    @Signora dei Sogni: aspettiamo e vediamo …

  • ops.. scusa.. mi sembrava aveste un contatto assieme: è nato il figlio di Carlo dello Scarabocchio di Comicomix ^_^
    Lo hanno chiamato Angelo, dal greco messaggero: per loro porta il messaggio che “la speranza non muore.. mai…”
    😀

  • Chit:

    @Lisa72: non lo conosco ma gioisco per loro e passerò a dare il benvenuto ad Angelo 🙂

  • Per il momento sono solo parole.
    Io non nutro molte speranze in un cambiamento americano, soprattutto in politica estera…

  • Ed:

    Il mondo ha Obama (sono un po’ scettico come Franca), l’talia ha Kakà!

  • Non ha fatto promesse e anche se non l’ha detto ha fatto intendere che sarà molto dura per l’America riprendersi. Insomma ha parlato chiaro. Se penso qui da noi…

  • E’ giusto aspettare i fatti prima di commentare, comunque già il solo fatto che ci sia Obama come presidente, per tutto quello ce rappresenta, è un grande cambiamento.
    Io sinceramente voglio andare via da questo paese di pupazzi… 😐

  • Chit:

    @Franca: appunto… aspettiamo!?
    @Ed: possiamo almeno naturalizzarlo? 🙄
    @Alberto: qui da noi lo è sicuramente MOLTO MOLTO di più!
    @Serendipity: nun ce lassà Serena, lotta con noi!

  • elle:

    oh mamma! qui è proprio cambiato tutto…:) You can 🙂 beh a parte gli scherzi, noi i passi li facciamo indietro a gambero. un bacione dopo tanto che non passo di qui 🙂

  • guero:

    ..faccio l’avvocato del diavolo, chit:
    in italia son tutti in delirio..obama che balla, obama che cambia, obama su e giù..intanto però mi son chiesto cosa avrebbero fatto in kenia per i bambini con i 45 milioni di dollari della festa di obama.. ma anche in america, l’altra sera ho visto immagini veramente deprimenti di Detroit
    .. stiamo a vedere..ma il Messia è nato per i credenti qualche annetto fa..speriamo!ciao!

  • Chit:

    @elle: bentornataaaa, ricambio con piacere 🙂
    @guero: come detto io son diventato come Tommaso, credo se vedo!!

  • Xav:

    One sunny day in January, 2009 an old man approached the White House
    from Across Pennsylvania Avenue, where he’d been sitting on a park
    bench. He spoke to the U.S. Marine standing guard and said, “I would
    like to go in and meet with President Bush.”

    The Marine looked at the man and said, “Sir, Mr. Bush is no longer
    president and no longer resides here.”

    The old man said, “Okay”, and walked away.

    The following day, the same man approached the White House and said to
    the same Marine, “I would like to go in and meet with President Bush.”

    The Marine again told the man, “Sir, as I said yesterday, Mr. Bush is
    no longer president and no longer resides here.”

    The man thanked him and, again, just walked away.

    The third day, the same man approached the White House and spoke to
    the very same U.S. Marine, saying “I would like to go in and meet with
    President Bush.”

    The Marine, understandably agitated at this point, looked at the man
    and said, “Sir, this is the third day in a row you have been here
    asking to speak to Mr. Bush. I’ve told you already that Mr. Bush is
    no longer the president and no longer resides here. Don’t you
    understand?”

    The old man looked at the Marine and said, “Oh, I know and I
    understand. I just love hearing it.”

    The Marine snapped to attention, saluted, and said, “See you tomorrow, Sir.”
    😛

  • Uso improprio di blog altrui 😀

    @Xav
    my best personal compliments! to you and to the old man… and to the Marine as well 😛

  • Xav:

    @Signora dei Sogni: mi sembrava un modo simpatico per esprimere il seguente concetto: ritengo che una parte (disquisiremo su quanto grande) del successo di Barack è dovuta al fatto che prima di lui ci fosse Dabliu. Ovvero i cittadini statunitensi, al di là dei meriti e del carisma e delle qualità ecc. ecc. di Obama, hanno voluto rispondere con forza alla stoltezza, al vuoto politico e all’assoluta incopentenza della precedente gestione del paese. As the old man, in other words, said 😆

  • Chit:

    @Xav: mi unisco a Signora dei Sogni, complimenti sinceri anche da parte del sottoscritto! ❗

  • @Xav
    Mi trovi d’accordissimo. Non ho subito il fascino di Obama, ma ho visto come la gente, dopo 8 anni di governo scriteriato, si aspettasse qualcosa di diverso, di tangibile, e lui è stato la risposta. Aggiungici anche il fatto che sia di colore e la vittoria è servita.
    Ora vedremo (o subiremo, fai tu…) se saprà rispondere alle aspettative di chi lo ha votato. Dopo una faraonica campagna elettorale che in soldoni ha superato quella storica dei repubblicani, anche lui dovrà rendere conto a qualche lobby…
    Qualcuno ha definito l’America il paese delle opportunità. A me piace vedere che chi decide di cambiare lo fa sul serio 😛

  • Il tuo più che un rimore é una certezza.

  • Xav:

    @Chit & Signora dei Sogni: grazie ancora per i complimenti.
    @Signora dei Sogni: hey, tu mi piaci ! Credo che, in questo momento storico, Obama abbia anche una altra grande fortuna: la crisi economica. Questo significa che le varie lobbies dovranno probabilmente scendere a patti, tra loro e con lui. Questo gli dà grande forza. Inoltre le aspettative degli altri governi si aggiungono a quelle degli statunitensi, e questo è un altro punto a suo vantaggio. Ha grandissime responsabilità ma ha opportunità uniche, come non se ne vedevano dai tempi di Kennedy e può fare tanto e bene: intanto ha chiuso Guantanamo 😉

  • Ecco quanto hai scritto riguardo all’italia è quello che penso anch’io e che ho cercato di scrivere sul commento di risposta al tuo sul mio blog. La storia e il passato dovrebbero servirci per andare avanti e migliorare ma l’Italia preferisce rimanere ferma dov’è ed evitare il cambiamento…
    Un bacione.
    Justine.

    PS Bella la nuova grafica del tuo blog…luminoso, spazioso e … brillante come sempre! Smack

  • Chit:

    @Rockpoeta: triste certezza però… 😳
    @Justine: purtroppo tanti lo pensiamo ma pochi (soprattutto di quelli che “contano”) lo fanno. Grazie 😉

Lascia un Commento



Segui il blog via email:

Visita il sito ufficiale
Inserisci il tuo indirizzo email:


Questo blog è
Leggi il post
clicca sul logo
per saperne di più
Questo blog sostiene:
Mi trovi anche su:
Le mie foto su Flickr
Nuovi ospiti nelle acque della città... Billy versione 'spia' header Tramonto triestino     
Premi e Riconoscimenti

In classifica
Tra i primi 10
Uno dei più belli
sito internet

Secondo classificato come

nei prossimi anni non ho intenzione di partecipare al concorso quindi il secondo posto è libero


Premio D eci e Lode
da Giorgia, Sara, Simona, Kit Jr. e Chiara

Thinking Blogger Awards
da Pibua, Giuseppe T. e UMI

foca.jpg
da Sciura Pina e Paola

Premio Symbelmine
da Silvia

logo del premio
da Ed, Giangidoe, Pibua, IvanSantoro, Guccia, Weblogin e Anna

logo del premio
da La Tela di Aracne, Nido di Scricciolo, Synnovea e Serendipity

logo del premio
da Occhidigiada

logo del premio
da Elle, NadiaFlavio, SERENdipity, Dolcelei, Sciura Pina e Oscar

Con molto orgoglio…