Su Twitter
Categorie
Archivi
Con molto orgoglio…

L’Ordine dei giornalisti contro la libera informazione?

Quello della libertà d’espressione in rete e della legge bavaglio (nelle sue varie versioni) è argomento da sempre dibattuto che torna d’attualità più o meno ogni volta ci sia bisogno di una ‘merce di scambio’ tra i politici per appoggiare o meno questa o quella legge.

Per questo la notizia di quanto accaduto a Pordenone qualche giorno orsono non mi ha sul momento stupito più di tanto. Una Web tv, PN Box ed il suo titolare (che rischia ora fino a 6 mesi di carcere) sono stati denunciati per  aver  diffuso [cito]

gratuitamente notizie destinate a formare oggetto di comunicazione interpersonale specie riguardo ad avvenimenti di attualità, politica e spettacolo”.

Ovvero per aver fatto quello che più o meno chiunque di noi che ha un blog fa periodicamente, cioè scrivere prendendo più o meno spunto dalla realtà quotidiana.

Storia vecchia mi state dicendo? Vero, ma con un particolare ‘nuovo’ e, se confermato, a mio avviso un tantino inquietante: a muoversi stavolta non è stato il soggetto “vittima” dell’eventuale cattiva informazione quanto, udite-udite, pare proprio lo stesso Ordine dei Giornalisti che ha accusato il sito di “esercizio abusivo della professione” non essendo lo stesso iscritto all’Ordine e quindi NON avendo l’abilitazione  a fare informazione.

Il presidente dell’Ordine dei giornalisti del Friuli Venezia Giulia, interpellato da un giornalista,  ha risposto (per chi ci crede) che:

Il nostro esposto è a tutela della categoria e dell’ordine. Se viene  meno la garanzia della legge sulla stampa siamo nella giungla. E se le piattaforme online, dalle web tv ai blog, fanno informazione continuativa, allora noi tuteliamo la categoria”.

Ma siccome noi italiani negli anni siamo stati allenati a diffidare delle verità pret-a-porter e dove c’è “difesa” di qualcosa solitamente c’è anche qualche  privilegio, stavolta ho deciso di cercare di capire una volta per tutte cosa difendano costoro. Perché se è vero che per i petrolieri, gli assicuratori, i farmacisti qualcosa s’intuisce o si può intuire, per i giornalisti il discorso mi appariva abbastanza nebuloso e non credo il tutto sia fatto in difesa del diritto alla libera (perchè da tempo non le è più) e corretta (men che meno) informazione

E nebuloso sarebbe probabilmente restato non mi avessero dato (grazie al mio “consulente previdenziale”)  l’imbeccata di andare a vedere il loro sistema previdenziale.

Potete farlo anche voi, non è assolutamente difficile e con pochi semplici click potrete scoprire che mentre si parla di una riforma del lavoro a 360° mirata a prolungare l’età pensionabile in modo di farci schiattare senza aver prelevato un solo euro di pensione,  per “qualcuno” (ad esempio per gli iscritti all’INPGI,  l’Istituto Nazionale di Previdenza dei Giornalisti Italiani “Giovanni Amendola”), rimane valida la possibilità di ottenere la pensione di anzianità con i precedenti requisiti ovvero con 35 anni di contribuzione e 57 anni di età.

Un vantaggio che, viste le tensioni sociali di questi tempi, forse è bene non far sapere troppo in giro tanto per… non diventare troppo “impopolari“. Viene quasi, sbagliando chiaramente, logico e naturale pensare che:

E riflettendoci bene per controllare ancora meglio la circolazione e la diffusione di certe informazioni cosa c’è di meglio che far dare le notizie solo ed esclusivamente agli interessati preventivamente ‘abilitati’?



Post attualmente letto 2.800 volte

Post simili:

10 Commenti a “L’Ordine dei giornalisti contro la libera informazione?”

  • Oops Chit ma c’è un errore hai messo ordine dei giornalisti affianco alla parola informazione!!!!!
    Va beh dai ti perdono…
    un saluto

  • La domanda finale dell’articolo è molto interessante. A che serve l’ordine dei giornalisti infatti?

    Un abbraccione

  • Be’, prima o poi dovevano arrivarci. Sono una casta, fatta e finita.
    Ti ringrazio molto per questo post, anche perchè è “locale”, quindi lo sento più vicino.
    Mi permetto di riportarlo su “Facebook”, se me ne dai il consenso.
    Sai com’è, si scrive troppo: meglio farlo capire a tanti…
    :-D
    [La verità? ai giornalisti la Rete dà fastidio, li minaccia. Anche perchè è evidente che ci sono Blogger (e tanti) molto più bravi di loro. A volte ci vuole poco, comunque].

  • Adesso attento che con questa informazione che stai facendo rischi pure tu di esser denunciato dall’Ordine dei Giornalisti! :mrgreen:
    Quello che mi chiedo piuttosto: noi blogger e twitter potremmo denunciare i giornalisti perchè sfruttano le notizie che pubblichiamo (gratis) per scrivere molti loro articoli e prendersi così a sbasfo la loro lauta paga (e pure avere la pensione agevolata)?

    • Chit:

      Bella domanda!? Tuttavia, in tutta onestà, non credo perché come scritto nel post

      Dove c’è difesa di qualcosa solitamente c’è privilegio

      Ed avranno probabilmente anche l’immunità per ‘azioni’ di questo tipo

  • Tina:

    Per farsene una idea senza sbavature della “cristallinità” della categoria dei disinformatori di professione, basta osservare la metamorfosi di Eugenio Scalfari, da difensore dei diritti civili a difensore dei sopprusi ai civili. :evil:

    Buona serata Claudio :mrgreen:

  • Ma dai, su, anche la libera informazione deve essere “ordinata” non ti pare? ;-)
    Auguri – fanno sempre bene.
    Un abbraccio

Lascia un Commento



Segui il blog via email:

Visita il sito ufficiale
Inserisci il tuo indirizzo email:



Questo blog è
Leggi il post
clicca sul logo
per saperne di più
Questo blog sostiene:
Mi trovi anche su:
Le mie foto su Flickr
Nuovi ospiti nelle acque della città... Billy versione 'spia' header Tramonto triestino     
Premi e Riconoscimenti

In classifica
Tra i primi 10
Uno dei più belli
sito internet

Secondo classificato come

nei prossimi anni non ho intenzione di partecipare al concorso quindi il secondo posto è libero


Premio D eci e Lode
da Giorgia, Sara, Simona, Kit Jr. e Chiara

Thinking Blogger Awards
da Pibua, Giuseppe T. e UMI

foca.jpg
da Sciura Pina e Paola

Premio Symbelmine
da Silvia

logo del premio
da Ed, Giangidoe, Pibua, IvanSantoro, Guccia, Weblogin e Anna

logo del premio
da La Tela di Aracne, Nido di Scricciolo, Synnovea e Serendipity

logo del premio
da Occhidigiada

logo del premio
da Elle, NadiaFlavio, SERENdipity, Dolcelei, Sciura Pina e Oscar

Get Adobe Flash player