Categorie
Archivi

Made in Italy: what is this?!?

Fino a qualche tempo fa con il termine ‘made in Italy’ s’intendeva (cito Wikipedia) “… quel processo di rivalutazione della produzione artigianale e industriale italiana che ha spesso portato (soprattutto negli anni 1980) i prodotti italiani ad eccellere nella competizione commerciale internazionale.”

Produzione, quindi, ho sempre pensato come un qualcosa che veniva prodotto cioè costruito in Italia. Per questo quando il Sig. Ad-Personam (quello che si fa le leggi per intenderci) ha addirittura nominato ElleCiDiEmme niente popò di meno che ambrasciatore del made in Italy nel mondo (mica pizza e cachi) ho sperato ad un suo rilancio!?!

Invece, come spesso succede in Italia, le cose sono esattamente il contrario di quello che ci raccontano. Si perchè spulciando i ritagli di cronaca qua e là si scopre che alcuni giudici non la pensano così e nemmeno l’ambasciatore in fondo la pensa così.

Non è che in attesa di far sparire l’Italia (come nazione) si stanno portando avanti con il lavoro e fanno sparire il marchio? Si perchè a me queste mosse più che verso un ri-lancio mi sembra vadano nella direzione di un vero e proprio lancio… dalla finestra però!!

[tags]italia, politica estera, luca cordero di montezemolo, made in italy[/tags]



Post attualmente letto 6.319 volte

Post simili:

17 Commenti a “Made in Italy: what is this?!?”

  • Considerando che il “made in Italy” famoso nel mondo è legato quasi sempre a soli prodotti di lusso e ad appannaggio di gente per lo più modaiola e facoltosa, non mi stupisce la “candidatura” di Luca Cordero a ministro di questo universo di valori.
    Quando si arriverà a capire che l’Italia deve essere competitiva e apprezzata anche sui prodotti per comuni mortali, avremo bisogno di ben altro che un ambasciatore.

  • Se lo dice l’ambasciatore…

  • Bè quando si parla della Cina il made in Italy scompare anche con l’olio d’oliva e il grana padano.
    A proposito di lcdm e in modo particolare la Ferrari (forse l’ultimo vero esempio di made in casa nostra), guarda dove fanno i gadget, dal cappellino, alla maglietta, al portachiavi fino ai modellini

  • Caro Chit.. in fondo l’Italia non è famosa per l’arte di arrangiarsi?… ci arrangiamo….
    Un abbraccio, Lisa

  • Ed:

    Te lo ricordi quando voleva mettere il logo della Ferrari sulle Fiat per ri-lanciarle? 🙂

  • Chit:

    @Giangidoe: quando lo si farà sarà sempre e comunque troppo troppo tardi!
    @Franca: vero?!
    @enrico: sicuramente secondo i “dettami” del nuovo made-in-italy 😉
    @Lisa72: quello è poco ma sicuro…
    @Ed: ricordo ricordo…

  • Made in Italy??? cos’è?

  • beh noi siamo made in italy
    evviva evviva

  • Mi sfugge una cosa: che senso ha allora creare un ambasciatore del made in Italy se poi la pensa così? Tanto vale lasciare le cose come prima….

  • Non so cosa abbiano in mente ma…pizza e cachi? Non l’avevo mai sentita 🙂

  • Mah…mi sa che di ‘made in Italy’ ci sia solo l’inganno.

    😥

  • sono personaggi come lcdm che affossano gli italiani, che bisogno ci sarebbe di andare a produrre in romania o in cina prodotti di lusso che costano pochi euro e vengono venduti per migliaia?

  • Vin:

    Il made in Italy? secondo me per rilanciarlo, bisogna chiedere una consulenza alle onorate società. Loro si che saprebbero come rilanciarlo (purtroppo)!! 👿

  • ecco il nostro chit, quanto mi sei mancato! 😀

  • Chit:

    @curly: me lo chiedo anch’io cara… 🙄
    @Artemisia65: vero, io addirittura made-in-padania 😕
    @Laura: troppo facile amica mia, troppo facile…
    @Alianorah: ‘pizza & fichi’ è troppo inflazionata come espressione 😉
    @romano: quello resisterà sempre! (purtroppo)
    @ammiragliok: è la globalizzazione no!? 🙄
    @Vin: potrebbe essere una soluzione…
    @occhidigiada: sempre trooooppo buona… 😳

  • Un ambasciatore del made in Italy, vuoel dire che ha un budget di spesa e un obiettivo da perseguire che attualmente mi sfugge, perchè tutto quello che si ritiene italiano viene realizzato altrove, il 40% dell’Olio d’oliva toscano arriva dalla Spagna, tante che c’è stato una lotta all’acquisto dei marchi d’olio d’liva da parte di aziende straniere, per non parlare dei vestiti fatti in romania che di italiano hanno forse il fatto che le sede dei marchi sono in Italia ma null’altro, mi piacerebbe che il valore aggiunto Italia sui prodotti fosse vero e frutto dell’ingegno dei nostri artigiani

  • Beh il made in Italy è oramai inteso come “idea” (ma quale idea? 😈 ) ma come produzione ahimè non più tanto….

Lascia una replica per Franca



Segui il blog via email:

Visita il sito ufficiale
Inserisci il tuo indirizzo email:


Questo blog è
Leggi il post
clicca sul logo
per saperne di più
Questo blog sostiene:
Mi trovi anche su:
Le mie foto su Flickr
Nuovi ospiti nelle acque della città... Billy versione 'spia' header Tramonto triestino     
Premi e Riconoscimenti

In classifica
Tra i primi 10
Uno dei più belli
sito internet

Secondo classificato come

nei prossimi anni non ho intenzione di partecipare al concorso quindi il secondo posto è libero


Premio D eci e Lode
da Giorgia, Sara, Simona, Kit Jr. e Chiara

Thinking Blogger Awards
da Pibua, Giuseppe T. e UMI

foca.jpg
da Sciura Pina e Paola

Premio Symbelmine
da Silvia

logo del premio
da Ed, Giangidoe, Pibua, IvanSantoro, Guccia, Weblogin e Anna

logo del premio
da La Tela di Aracne, Nido di Scricciolo, Synnovea e Serendipity

logo del premio
da Occhidigiada

logo del premio
da Elle, NadiaFlavio, SERENdipity, Dolcelei, Sciura Pina e Oscar

Con molto orgoglio…