Categorie
Archivi

MORTI BIANCHE

1299002101-intervista-PaoloRossi-dariofo-3So che il weekend è tempo di argomenti frivoli, leggeri ma proprio perchè fino ad oggi non ne avevo ancora mai parlato voglio dedicare un pensiero a tutti loro la cui lista, purtroppo, si allunga ogni giorno. Non lo faccio con discorsi o analisi che sono già stati ampiamente sviluppati e sviscerati. Voglio “osare“, voglio provare a farvi riflettere chiedendo aiuto al teatro e prendendo in prestito le parole di un monologo di Paolo Rossi di un suo spettacolo del 1993.
Non ho trovato il testo ma il pezzo mi era piaciuto, me lo ricordavo e provo a riproporvelo sperando di riuscire almeno per un momento a donarvi i brividi e le sensazioni che aveva dato a me ascoltarlo. Buona lettura e, comunque, non dimentichiamoli mai!

Ci sono degli omini piccoli piccoli piccoli, che passano metà della loro giornata a costruire dei pezzettini perfetti ma piccoli piccoli piccoli e quando poi li mettono insieme, e tutto quello che fanno lo fanno a tempo, ne viene fuori un oggetto grandioso, perfetto, lucido, preciso! Gli omini piccoli piccoli lo guardano estasiati è il simbolo della loro capacità. Ma mentre pensano questo arriva un altro omino che gli dice: lo prendo io!
E loro dicono: ma che legge è?
E’ la legge del mercato.
E che società è?
La vostra!
Ah, allora possiamo cambiarla?
Si (facendo segno di no con la testa)
Gli omini piccoli piccoli tornano a casa. Hanno costruito quest’oggetto minuto dopo minuto, giorno dopo giorno, ora dopo ora, anno dopo anno. E pensano: ma è bellissimo, potremmo ricomprarcelo?
Allora torna l’omino di prima: Ottimo! io ve lo rivendo ma siccome siete senza soldi voi me lo pagherete minuto dopo minuto, giorno dopo giorno, ora dopo ora, anno dopo anno.
Gli omini dicono: Grazie, ma dentro di se pensano: stronzo!
E continuano a costruire minuto dopo minuto, giorno dopo giorno, ora dopo ora, anno dopo anno altri pezzettini che messi assieme fanno un oggetto bellissimo, grande, stupendo, preciso, più lucido e perfetto del precedente. E loro dicono: ma abbiamo comprato l’altro, ci piacerebbe comprare anche questo.
Ritorna l’omino di prima e dice: Ottimo!
Loro dicono: Sfiga! sta a vedere che ce lo rioffre.
Si, ve lo rioffro e con uno sconto che pagherete minuto dopo minuto, giorno dopo giorno, ora dopo ora, anno dopo anno.
E gli omini dicono: Grazie, ma dentro di se pensano: prego.
Ritornano a casa e scuotono la testa. Ritornano in fabbrica e costruiscono altri pezzettini piccoli piccoli, perfetti, che messi assieme  costruiscono un’altro oggetto preciso, perfetto, più magnifico e bello del primo e del secondo.
Questa storia potrebbe continuare all’infinito. Potrei continuare a raccontarvela minuto dopo minuto, giorno dopo giorno, ora dopo ora, anno dopo anno. Questa storia potrebbe non finire mai ed in ogni caso non potrebbe finire mai
minuto dopo minuto, giorno dopo giorno, ora dopo ora, anno dopo anno.
Queste storie, quando finiscono, finiscono così!?!

 



Post attualmente letto 10.960 volte

Post simili:

22 Commenti a “MORTI BIANCHE”

  • 😥 😥 😥
    Un saluto in silienzio…. Lisa

  • Non conoscevo questo monologo…bello e triste…
    Ricordo, in silenzio, con te.

  • Bravo Claudio. Ogni tanto bisogna ricordarsene.

  • 😥

    grazie. mai il monologo di un comico fu più appropriato.

  • Chit:

    @Lisa72: grazie!
    @Laura: credo si “sposi” bene con gli accadimenti…
    @entina: ricordarsene SEMPRE, parlarne almeno ogni tanto 😕
    @remyna: grazie a te dei complimenti, ricevuti da una donna di teatro mi inorgogliscono 😳

  • Fa pensare questo monologo..Un pensiero per tutti..dopo il silenzio ci vorrebbe un cambiamento.. 😐

  • GG:

    Grande chit, e grande Paolo Rossi, uno dei miei miti di “giovinezza” (e ho 21 anni :D)

    Il monologo si chiama “Omini”, ed è tratto dal programma “Su la testa”, grande trasmissione condotta da Paolo Rossi e Cochi (quello che era con Renato). Quella mitica trasmissione ha lanciato gente che oggi si chiama Antonio Cornacchione, Antonio Albanese, AldoGiovanniGiacomo, Maurizio Milani, Bebo Storti, Marina Massironi…

    E il laboro era uno schifo, dieci anni fa come ora, come sempre…

  • Chit:

    @Dolcelei: da anni si auspica
    @GG: che si chiamasse ‘omini’ non lo sapevo, potevo arrivarci. Di Su la te sta conservo tutte le videocassette tuttavia questo monologo la prima volta lo sentii a teatro,
    in uno spettacolo di cui ora mi sfugge il titolo. Bravo per la precisazione vista la comunque giovane età, very very compliments 😉

  • GG:

    Molto probabilmente era “Pop & rebelot”.. 😉

  • E a volte arriva l’omino e dice all’omino piccolo piccolo: non ci servi più, né te né i tuoi pezzettini piccoli piccoli. E gli dà un calcione grande grande nel sedere.

  • Grazie del ricordo, e complimenti per il monologo, devono essere parole pesanti per ricordarle tutte.
    Un abbraccio in silenzio.

  • Lascio un altro spunto di riflessione.
    Quanto incide sulla sicurezza la precarietà del lavoro che rende i lavoratori ricattabili?

  • Chit:

    @GG: trovato il biglietto, era “Commedia da due lire” 😉
    @Alianora: quella è un’altra triste variante della stessa triste storia 🙁
    @fjster: a me avevano colpito molto poi sai, una cosa è sentirle e tutt’altra leggerle purtroppo.
    @Franca: qui più che punti di riflessione (che ormai si ‘sprecano’) credo occorrano soluzioni!

  • Sara:

    Hai ragione, non dobbiamo dimenticarci di coloro che vengono uccisi dal proprio lavoro.
    Il pezzo di Paolo Rossi non lo conoscevo… che tristezza però!

    PS n°1: Bellissima la tua foto “Pozzanghera” del Winter Slice

    PS n°2: Ti ho dato “D eci e lode”, passa a trovarmi se ti va

    Buona domenica!

  • questo monologo è bellissimo. TRagicamente poetico.

  • Ciao caro Chit, come stai?Io ho postato un piccolo aggiornamento sul blog…Grazie per il messaggio off line che mi hai lasciato, mi ha fatto molto piacere:-)
    Bacioni e buona domenica

  • Chit:

    @Sara: grazie per commento, voto e complimenti 😳
    @simona: decisamente, forse per questo lo trovo adatto afli accadimenti
    @La Tela di Aracne: buona settimana a te 😉
    @curly: eh eh…
    @romano: ciao e buona giornata anche a te

  • “Quante storie quando finiscono, finiscono così?”

    Troppe, sinceramente davvero troppe oramai….

    Un abbraccio
    Daniele

  • non conoscevo questo monologo cosi raccapricciante.. 😥

  • Io essendo un umile operaio queste cose le vivo se non direttamente, ma se ne parla molto tra colleghi,
    del resto sono nostri colleghi pure loro piu’ di altri dunque siamo tra i primi a discutere di certi fatti.
    L’anno scorso in una ditta sono morti 3 ragazzi, non avevano nemmeno 30anni.
    Che schifo! 👿

Lascia un Commento



Segui il blog via email:

Visita il sito ufficiale
Inserisci il tuo indirizzo email:


Questo blog è
Leggi il post
clicca sul logo
per saperne di più
Questo blog sostiene:
Mi trovi anche su:
Le mie foto su Flickr
Nuovi ospiti nelle acque della città... Billy versione 'spia' header Tramonto triestino     
Premi e Riconoscimenti

In classifica
Tra i primi 10
Uno dei più belli
sito internet

Secondo classificato come

nei prossimi anni non ho intenzione di partecipare al concorso quindi il secondo posto è libero


Premio D eci e Lode
da Giorgia, Sara, Simona, Kit Jr. e Chiara

Thinking Blogger Awards
da Pibua, Giuseppe T. e UMI

foca.jpg
da Sciura Pina e Paola

Premio Symbelmine
da Silvia

logo del premio
da Ed, Giangidoe, Pibua, IvanSantoro, Guccia, Weblogin e Anna

logo del premio
da La Tela di Aracne, Nido di Scricciolo, Synnovea e Serendipity

logo del premio
da Occhidigiada

logo del premio
da Elle, NadiaFlavio, SERENdipity, Dolcelei, Sciura Pina e Oscar

Con molto orgoglio…