Categorie
Archivi

Percorsi

Nasci e ti insegnano a camminare, prima standoti vicino poi, una volta cresciuti, ti lasciano solo. Se si ha fortuna magari ti indicano una via e se non ti piace ti dicono di seguire il tuo istinto. E l’istinto a volte diventa una traccia, un percorso, una filo più o meno visibile che ci guida e ci aiuta nel nostro cammino, una traccia per i nostri passi che ci ritroviamo a seguire fedelmente e ciecamente salvo poi correre il rischio di ritrovarsi così



Post attualmente letto 12.622 volte

Post simili:

32 Commenti a “Percorsi”

  • E’ quasi impossibile resistere alla tentazione di seguire l’istinto. Di chi possiamo fidarci meglio di noi stessi? Di nessuno, ovviamente.
    A volte va bene, a volte si prendono le tramvate.
    C’est la vie.

  • Quello che ha composto il mosaico, alla fine l’han ricoverato vero? 😆

  • Nel dubbio io svolto sempre a sinistra.. 🙂

  • Magari vien fuori un bel passo di danza… 😉

  • Chit:

    @Dalle8alle5: di sicuro, meglio sbagliar con la propria testa che con quella altrui…
    @nadiaflavio: non lo so, posso solo dirti che è un portico della tua città 😛
    @duhangst: il solito komunista! 😉
    @Giulio GMDB©: sembra quasi un dribbling di Robinho….

  • I percorsi arzigogolati sono sempre più interessanti, ma che fatica

  • Ciao chit
    la vita direi anche questo.
    A volte prendi una decisione che ti porta a fare dei giri come quelli del mosaico ma dopo tanto sei arrivato allo stesso punto. Credo che l’importante sia sempre decidere con la propria testa, ascoltare certo, ma poi decidere dove andare e cosa fare
    un saluto

  • ACh - the brother:

    Tranquillo fratello. C’è di peggio.
    Ad esempio trovarsi a camminare sull’anello di Moebius …
    Dai un’occhiata a quato link: http://utenti.quipo.it/base5/topologia/moebius.htm
    saluti

  • Per vivere e andare avanti bisogna scegliere in continuazione che strada prendere. Ci si può anche barcamenare ma allora non si vive, ci si lascia vivere.

  • questa è poesia CHIT! bella poesia!

  • Era un caso che le scarpe siano in tinta col mosaico oppure indicano una compenetrazione emotiva con l’oggetto rappresentato?

  • sembra la mia giornata di oggi

  • Eh bé 🙄 Io seguirei sempre quello che mi suggerisce la mia ‘capoccia’ in accordo con il mio cuore. Non è facile ma si può 😉

  • Chit:

    @Trippi: vero, ma come si dice “se non è difficile che gusto c’è”?!? 😉
    @ACh – the brother: mi son perso alla seconda istruzione 😳
    @alberto: infatti, meglio sbagliare vivendo che sopravvivere senza scegliere
    @daisy: grazie cara, troppo buona 🙂
    @Efesto: assolutamente no, sono pure tornato in albergo a cambiarmele pensa un po’…
    @enrico: è la “giornata tipo” di molti se può consolarti
    @Romano: concordo, non è facile ma si deve!? 🙂

  • Comunque, anche se la strada è tortuosa, anche se si può scegliere dove svoltare, si arriva sempre al punto predestinato…tutto il bello (ed il brutto) sta nel viaggio.

  • Tina:

    Adoro i mosaici, anche quando rappresentano percorsi obbligati, puoi sempre camminare in parallelo e lasciare gli incroci a chi li vuole, l’istinto è insito, reprimerlo…naaa.
    La strada iniziale mi sta bene, il tempo dello svezzamento, poi la vita è mia, nelle vittorie e nelle sconfitte, importante non rinnegare mai niente pena ripetere gli errori. ;-)) 😈

  • Quelli sono i tuoi piedoni ? 😐

  • Aly:

    Ma in fondo il bello forse è che l’intricarsi ci fa sentire vivi…almeno, così la penso, anche se a volte ammetto che l’intricarsi è troppo… diciamo che sottoscrivo le parole d’un poeta che scrisse: “Non so dove i gabbiani abbiano il nido,ove trovino pace.Io sono come loro,in perpetuo volo.La vita la sfioro.Com’essi l’acqua ad acciuffare il cibo.E come forse anch’essi amo la quiete,la gran quiete marina.Ma il mio destino è vivere balenando in burrasca.”
    ( scusa se passo poco sul tuo blog, ma ultimamente sto “balenando nella burrasca”, e la nave su cui sn non è messa tanto bene… 😯 )

  • amatamari:

    A me l’istinto suggerisce bene ma il cervello fa sempre di testa sua…
    😛

  • comunque vada la meta è la stessa, magari la strada potrà essere più o meno tortuosa, ma in questo caso avrai visto più cose, direi vissuto di più!

  • Il problema a volte di seguire il proprio istinto, secondo me invece, non sta nell’incertezza delle nostre idee ma nella difficioltà a realizzarle anche per causa di chi ostacola tali scelte e le vuole soffocare o non le vuole capire; direi che questo discorso si attaglia perfettamente per i transgender purtroppo, osservando purtroppo quanto ostracismo esiste nei loro confronti

    PS. Spero che la passeggiata in Via XX Settembre a Genova sia stata piacevole 🙂

  • io ci fumo su una sigaretta per riflettere, poi sicuramente partirò incrociando le gambe per poi dire Doh!

  • Se i percorsi fossero sempre dritti sarebbe troppo facile…

  • Ma i piedoni sono tuoi? Seguire l’istinto, sempre ragionando. Poi anche un pò di fortuna…

  • uela:

    Chit secondo me invece e` molto semplice.
    Quando si perde la strada o non si sa dove andare, si prende un gatto e ti guida lui.
    😉

  • Chit:

    @pibua: ed anche nelle “condizioni” della strada che ci si trova davanti…
    @Tina: vero, altrimenti come si imparerebbe da essi? 😉
    @ReAnto: come diceva il buon Troisi in non ci resta che piangere… quasi 44!? 😀
    @Aly: diciamocelo, a noi, le cose semplici, non piacciono… In bocca al lupo per il periodo “no”, tutto il resto, non conta. Un abbraccio
    @amatamari: maledetta dissociazione :mrgreen:
    @mauro: indubbio, anche se non vorrei fosse tanto più tortuosa di questo mosaico se possibile…
    @Daniele Verzetti Rockpoeta: esatto, la condizione delle persone trans si presta bene al paragone ed hai indovinato pure la pavimentazione, doppio riconoscimento!? 😉
    @paz83: io ci fumo pure altro se serve, non si sa mai…
    @Laura: tra il dritto ed il labirintico esistono le vie di mezzo però, no?
    @Pino Amoruso: piedoni miei, yess. Per quanto riguarda gli ingredienti della ricetta direi perfetti, soprattutto il richiamo all’ultimo!
    @Uela: sempre che non sia la mia seconda che se non le sposti la SUA coda continua a seguirla all’infinito…

  • ..alto quanto ? .. è lì il problema , non nel numero della scarpa 😉 😆

  • Un istinto a mosaico è molto variegato!

  • Chit:

    @ReAnto: guarda che voto ‘Si’ al ddl intercettazioni per salvaguardare la mia privacy sai?!? 😛
    @LaMeringa: non è l’istinto da “cercare” nel mosaico quanto la linea (nera) 😉

  • Ma il piedone non è privacy è trasparenza :mrgreen:

  • Chit:

    @ReAnto: dipende dal numero!?!? 😉 (44) 😛

Lascia un Commento



Segui il blog via email:

Visita il sito ufficiale
Inserisci il tuo indirizzo email:


Questo blog è
Leggi il post
clicca sul logo
per saperne di più
Questo blog sostiene:
Mi trovi anche su:
Le mie foto su Flickr
Nuovi ospiti nelle acque della città... Billy versione 'spia' header Tramonto triestino     
Premi e Riconoscimenti

In classifica
Tra i primi 10
Uno dei più belli
sito internet

Secondo classificato come

nei prossimi anni non ho intenzione di partecipare al concorso quindi il secondo posto è libero


Premio D eci e Lode
da Giorgia, Sara, Simona, Kit Jr. e Chiara

Thinking Blogger Awards
da Pibua, Giuseppe T. e UMI

foca.jpg
da Sciura Pina e Paola

Premio Symbelmine
da Silvia

logo del premio
da Ed, Giangidoe, Pibua, IvanSantoro, Guccia, Weblogin e Anna

logo del premio
da La Tela di Aracne, Nido di Scricciolo, Synnovea e Serendipity

logo del premio
da Occhidigiada

logo del premio
da Elle, NadiaFlavio, SERENdipity, Dolcelei, Sciura Pina e Oscar

Con molto orgoglio…