Su Twitter
Categorie
Archivi
Con molto orgoglio…

Possibili nuove fonti di energia, in Italia poi…

Tempi duri questi per gli amministratori e le amministrazioni locali e non solo in Italia, per i tagli un po’ Tremonti-style (ovvero a mannaia) che un po’ tutte le amministrazioni centrali dei vari Stati hanno fatto.

E così, gli amministratori locali si sono visti obbligati ad ingegnarsi per riuscire a tirare avanti, con idee e pensate magari originali come quella presa dal consiglio comunale della cittadina inglese di Reddicht,  che per riscaldare la piscina comunale ha pensato di unire l’utile al dilettevole. L’utilità è rappresentata dal calore prodotto dal forno crematorio che, nelle idee di chi ha proposto il progetto, poteva essere condotto verso la vicina piscina comunale, procedendo al riscaldamento della stessa con un risparmio di 14.000 sterline. Inevitabili le proteste dell’opposizione (evidentemente tutto il mondo è Paese) che ha bollato come “insultante e insensibile” la proposta, mentre i sostenitori dell’iniziativa hanno voluto evidenziare la riduzione di emissioni di anidride carbonica.

Giusto? Sbagliato? Ognuno di noi può farsi la propria opinione anche se mi vien da pensare che in Italia sarà estremamente difficile che una simile iniziativa venga mai presa in considerazione, per tutta una serie di  motivi che posso provare a ricondurre alla geografia ed alla “vicinanza” dello Santa Sede al nostro Paese e per il fatto che trattasi di iniziativa palesemente ecologica e tolte al massimo le ‘domeniche a piedi’ il nostro Paese non è pronto a produrre energia senza che girino cricche e mazzette (anche se la mazzetta potrebbero sempre darla ai parenti dei defunti).

Confesso, non mi sono perso in elucubrazioni o riflessioni prolungate ma, a sensazione, mi verrebbe da dire che non avrei nessun problema ad appoggiare l’iniziativa. Non vi va bene come fonte energetica il calore del forno per una questione etica o altro? Ok, non la penso così ma sono democratico e rispetto le eventuali remore e le eccezioni di ognuno di voi e, per unire l’utile al dilettevole, propongo invece di bruciare la marea di pagine di telefonate, sms, intercettazioni e quant’altro, di quest’ultima inchiesta e pure di quelle riguardanti la cricca, la D’Addario, la casa di Montecarlo e se me ne sono dimenticato qualcuno aggiungetelo pure voi.

Prenderemmo anche qui due piccioni con una fava: a botte di 350-400-600 pagine a volta credo potremmo tranquillamente coprire il fabbisogno energetico delle piscine italiane (che invece si trovano sempre più in stato di abbandono ed incuria) per le prossime generazioni e i media comincerebbero a dover scrivere di accadimenti che possano anche solo minimamente interessare i cittadini.

O mi volete fare credere che c’è ancora qualcuno di noi contribuenti ed elettori a cui interessa sapere se c’era o non c’era questa o quella bottanazza di turno o quanto hanno ricevuto come ‘compenso’ per la loro presenza ( rigorosamente innocente e casta), le presenti. Si perchè quella “battuta” del Presidente del Consiglio sarà anche stata tale (nelle intenzioni della sua mente palesemente instabile) ma ora che ci penso, morire se ho mai sentito il nome di un maschietto (e non venite a farmi i nomi di Lele Mora e Emilio Fede) tra gli intercettati ed i beneficiari dei bonifici, strano vero?

Vabbè, se è per questo adesso che ci penso bene ho sentito parlare tante volte di ‘prestazioni’ eppure mai di Ritenute d’acconto…



Post attualmente letto 1.633 volte

Post simili:

13 Commenti a “Possibili nuove fonti di energia, in Italia poi…”

  • D’accordo su tutto. Non avrei il minimo problema a frequentare una piscina riscaldata da un forno crematorio. E pure io non ne posso più di quanto si parli e scriva sulle prodezze erotiche di B e compagnia. Come si dice a Trieste: meno ciacole e più fritole! :wink:

  • Anch’io concordo. Dobbiamo abituarci a trovare e ad utilizzare fonti alternative. E’ una questione di civiltà.

    Baci

  • hai detto tutto… con quella cosa chiamata vaticano siano leggermente fermi.
    un saluto

  • Sai come la penso sul nostro impagabile Primo Ministro.
    Accetterei la tua proposta molto volentieri se ci mettesse anche le carte conc ui, finalmente, capiremmo dove cacchio ha preso i miliardi per metter su tutto il suo ambaradan, qualche annetto fa.
    Scommetti che dentro ci sarebbero anche papiri del Vaticano del “PSI”?.
    E sai le fiammate…
    :twisted:

  • “Prenderemmo anche qui due piccioni con una fava: a botte di 350-400-600 pagine a volta credo potremmo tranquillamente coprire il fabbisogno energetico delle piscine italiane (che invece si trovano sempre più in stato di abbandono ed incuria) per le prossime generazioni e i media comincerebbero a dover scrivere di accadimenti che possano anche solo minimamente interessare i cittadini.”

    Ecco, prescindendo dall’utilizzo o meno dell’energia derivante dal forno crematorio, unire o utilizzare in sostituzione la fonte energetiva “alternativa” :mrgreen: suggerita da te mi trova pienamente concorde.

  • eviterei di bruciare la carta, con quello che costa al massimo si può riciclare. Ottima l’idea dei forni crematori, quanto alle carcasse dei nostri politici, quando finalmente lasceranno queste tristi lande penso gli si adatti meglio il detto biblico “polvere alla polvere2 e chissà potrebbero riscattare le loro vite inutili come letame per concimare i campi,

  • Tina:

    Solo un saluto Chit :lol:

    Mi ha preceduta Trippi, aggiungo che anche gli abitanti del vaticano andrebbero bene come combustibile…si intende…dopo morti :twisted:

  • Ma scherzi? Qua in Italia la cremazione è cosa riservata ad atei, agnostici e similaria…al massimo riscaldiamo l’acqua di una bagnarola…
    :wink:

  • Purtroppo l’Italia è indietro..siamo un disastro o quasi..Buona domenica!! :-D

  • Chit:

    @Giulio GMDB: invece mi pare purtroppo sia il contrario perchè almeno io, fritole non ne ho mangiate ancora ;)
    @Kylie: se poi si riesce ad unire l’utile al pubblico interesse… :P
    @Daniele: forse ha raccolto le monetine che avevano lanciato a Craxi prima della sua fuga dall’Italia? Chissà…
    @Daniele Verzetti, Rockpoeta: splendido, primo “socio” trovato!?!?
    @Trippi: considerando che il ns. Paese è il quarto consumatore mondiale di carta & derivati sono quasi sicuro che non faticheremmo a trovare altre “fonti” da cui attingere ;)
    @Tina: ammetto, non conosco il loro potere combustibile…
    @amatamari: sai che anch’io pensavo fosse come scrivi ed invece il business dev’essere talmente grande che pare ultimamente i poteri ecclesiastici siano molto meno “rigidi” di un tempo…
    @Dolcelei: toglierei decisamente il quasi!? Buon weekend a te :mrgreen:

  • Accetterei di corsa il tuo consiglio di godermi questo bel sole, ma vengo da una settimana lavorata tutta di notte e voglio solo cercare di riposare un pò.
    Permettimi un pò di pigrizia.
    Mi rifarò.
    Tu passa una splendida Domenica.
    Un abbraccio.

  • Qui da noi ci scaldiamo il culo pure con la biomassa. Che sarebbe il letame delle mucche che pascolano felici sui nostri altopiani ma che contribuiscono non poco ad alzare i livelli di CO2 nell’aria. Che cos’hanno di bio? Mah. Però visto che comunque sia, anche la cremazione è un processo di combustione e come tale produce calore…sfruttiamolo! Chissà che qualcuno non si sentp più utile da morto…

  • Chit:

    @Daniele; scusatissimo… ;)
    @mangrovie: sarebbe un lungo elenco quello di coloro che potrebbero esserlo… :roll:

Lascia un Commento



Segui il blog via email:

Visita il sito ufficiale
Inserisci il tuo indirizzo email:



Questo blog è
Leggi il post
clicca sul logo
per saperne di più
Questo blog sostiene:
Mi trovi anche su:
Le mie foto su Flickr
Nuovi ospiti nelle acque della città... Billy versione 'spia' header Tramonto triestino     
Premi e Riconoscimenti

In classifica
Tra i primi 10
Uno dei più belli
sito internet

Secondo classificato come

nei prossimi anni non ho intenzione di partecipare al concorso quindi il secondo posto è libero


Premio D eci e Lode
da Giorgia, Sara, Simona, Kit Jr. e Chiara

Thinking Blogger Awards
da Pibua, Giuseppe T. e UMI

foca.jpg
da Sciura Pina e Paola

Premio Symbelmine
da Silvia

logo del premio
da Ed, Giangidoe, Pibua, IvanSantoro, Guccia, Weblogin e Anna

logo del premio
da La Tela di Aracne, Nido di Scricciolo, Synnovea e Serendipity

logo del premio
da Occhidigiada

logo del premio
da Elle, NadiaFlavio, SERENdipity, Dolcelei, Sciura Pina e Oscar

Get Adobe Flash player