Categorie
Archivi

Quando parlano di VITA lo sanno che…

Questo blog ha sempre trattato prevalentemente temi d’attualità, cercando di trovare una chiave di lettura possibilmente ironica. Parlare d’attualità in questi giorni, significa dover parlare della vicenda di Eluana e, sinceramente, fatico non poco a farlo, sopratutto ora che seppur tra mille polemiche il suo calvario sembra forse avere fine. Almeno spero per lei. In questi mesi ho letto e commentato in altri blog ma non ne ho mai volutamente parlato per un semplice motivo:  lo ritengo un fatto strettamente personale in cui non c’è opinione diversa da coloro che  vivono questo dolore in prima persona, che valga. E la rispetto, a prescindere.
Anche perchè se veramente si pensa a “decreti per la vita” allora…

… loro lo sanno che …

(clicca per vedere la vignetta del brother)

[tags]le vignette di ACh, attualità,politica interna ,italia,eluana[/tags]



Post attualmente letto 8.222 volte

Post simili:

28 Commenti a “Quando parlano di VITA lo sanno che…”

  • Neanche io ne ho mai parlato per lo stesso tuo motivo, non si può parlare politicamente di un dolore così privato.

  • Anche io ho accennato a questo dramma, da qualunque lato lo si guardi, solo una volta per rispetto del dramma e del dolore privato.. però un DL d’urgenza per salvare 1 vita mi sembra un po’ mostruoso rispetto alle migliaia di vite che sarebbe facile e giusto salvare.. visto che lo chiedono anche…
    Un abbraccio, Lisa

  • D’accordo con te in e su tutto…

  • Questo credo sia il post più azzeccato che mi è capitato di leggere sulla vicenda. Ovviamente d’accordo!

  • Vanessa Porshia Venditti:

    Sono d’accordo ciao tutti xoxo 😛 8) 😛

  • Chit:

    @duhangst: pienamente d’accordo, anche se il silenzio non volevo sembrasse indifferenza…
    @Lisa72: già…
    @Pino Amoruso: grazie Pino!
    @paz83: c’è poco da scrivere purtroppo…
    @Vanessa: benvenuta!?

  • Xav:

    Strumentalizzazione e ignoranza: questo guidacoloro i quali parlano di “decreti per la vita”. Dobbiamo rifiutare che dispongano delle nostre vite, dei nostri giorni, della stampa in questo modo e se possibile, impedirlo. Perchè queste persone, che esercitano il potere dello stato (che dovrebbe essere NOSTRO, lo stato siamo noi) in ogni piccola cosa, ci stanno rovinando la vita, e rovineranno anche quella dei nostri figli.

  • Come non darti ragione?
    Anch’io fatico a parlare dell’argomento, infatti probabilmente non lo farò se non a vicenda chiusa…

  • Nemmeno io ne ho mai parlato, proprio perchè ritengo che questa vicenda meriti solo il silenzio del dolore di questa famiglia. E poi sarei troppo di parte nel lanciare strali contro chi parla di omicidio o barbarie.

    Però mi inchino alla dignità del Sig. Englaro che sta portando avanti una battaglia per tutti noi.

  • Condivido la tua scelta in pieno e non aggiungo altro se non provare un immensa tristezza per la vicenda.
    Un abbraccio.

  • Io invece ci ho provato, ma da una prospettiva diversa… Avrò fatto male anch’io?

  • Io mio malgrado ne sto parlando un sacco invece in questi giorni , discutendo con mia sorella che ha idee opposte e con il fidanzato che invece raro caso la pensa come me

  • Chit:

    @XaV: perfettamente d’accordo!
    @pibua: l’ho fatto ora perchè la terribile sensazione che non finirà a breve (purtroppo)
    @Signora dei Sogni: infatti sono Eluana (o meglio le sue volontà) e LUI le uniche cose che “contano”!@nadiaflavio: infinita tristezza!
    @Fabioletterario: sicuramente no! Comunque passo a leggere … 😉
    @Barbara: auguri!? 🙂

  • Come ben sai sono riuscito a parlarne grazie a quella lettera..

    ps se passi ci sono delle novità! 😉

  • E’ difficile parlarne, è vero. Ma secondo me occorre farlo, per affermare il diritto di autodeterminazione. Per affermare il diritto ad avere una vita, ma anche una morte dignitosa. Altrimenti si rischia di lasciare l’argomento (in generale, più che il caso particolare) e le coscienze in mano a gestori di un regime teocratico.

  • io credo sia giusto parlarne, anche perchè forse fra noi non esiste quella strumentalizzazione che invece purtroppo segna questa drammatica vicenda.

  • Io sono credente Chit, quindi non posso esser daccordo nel togliere la vita a una persona come si sta facendo. Considero la vita sacra anche quando non è la vita normale del vivere quotidiano e del divertimento della salute perfetta. Trovo che spegnerla per legge, per un magistrato che decide per me..o da parte di chiunque, sia pure un padre che soffre e che rispetto, rimanga sempre tristemente agghiacciante. Ho letto di come è morta Terry Schiavo. Chi dice che non soffrirà, dice chiaramente il falso per una sua opportunità o ideologia. Altrimenti non servirebbe la morfina a Eluana. Acqua e pane non si nega nemmeno a cane..altrimenti ci sarebbe il rischio di esser denunciati dagli animalisti. Una persona conta meno sembra.
    Al mio gatto ammalato e anziano, prima di morire sono state fatte due iniezioni: una per addormentarlo e l’altra mortale. Per Eluana invece ci saranno giorni di sofferenza terribili. Penso che chi ha deciso per lei di portarla alla morte doveva farle subito una iniezione mortale veloce senza sofferenza. Sarebbe stato meno ipocrita. Questa scelta dell’agonia che dovrà subire, che per tanti viene considerata “liberazione”, io ci vedo solo barbarie pura e semplice.
    Grazie per il tuo blog per le riflessioni e la civiltà con cui ognuno può dire la sua.
    Bacioni

  • Chit:

    @l’incarcerato: passo subito a leggere.
    @Crocco1830: perfettamente d’accordo 😉
    @enrico: entro i giusti limiti credo di si, ma ora basta altrimenti si fa il gioco di chi usa quest’argomento per far confusione.
    @Dolcelei: io rispetto qualsiasi opinione ma, come dici tu, non mi va a genio chi ne parla per opprtunità o ideologia. Prima di pensarla così come ho scritto nel post mi sono informato e NON DA ORA. Sono donatore di organi dal 1984 e quindi di morte celebrale e quant’altro qualcosina ne so. Abbastanza per non esser così sicuro che in determinate situazioni esistano sensazioni. Concordo invece sulla puntura ma, purtroppo, l’eutanasia in Italia è parola più tabù di tutte le altre, forse perchè qualcuno, in questa pantomina, ci sguazza benissimo!

  • oh x favore
    la disinformazione la fa da padrona ovunque
    dolore?
    non c’è dolore è impossibile chiunque dica il contrario mente sapendo di mentire
    poi sui problemi religiosi se ne può discutere, ma x favore, evitiamo di dire castronate lette sui giornali, o peggio ancora su internet

  • anche tu cascato nel “parlo del fatto che non ne voglio parlare” ?

  • Io ho ritenuto di intervenire e di scriverci soprattutto per denunciare i vergognosi attacchi da parte di Vaticano e Parlamentari nostrani;

    Stasera Eluana ha cessato il suo lungo calvario. Ma per uno come me favorevole all’eutanasia ed al testamento biologico, la lotta é appena cominciata viste anche le dichiarazioni di stasera di Sacconi…

    I genitori di Eluana hanno combattuto una battaglia importante non solo per loro ma anche per noi.

    Un abbraccio ad Eluana permettimelo anche da queste pagine del tuo blog.
    Daniele

  • Esiste purtroppo troppa confusione ‘pilotata’ con medici cattolici e conniventi. E’ un tema dove quelle poche certezze acquisite con la scienza dovrebbero aiutare a dissipare i dubbi anzichè creare paure.
    Come ho detto da un amico, spero che questa politica inetta e mistificatrice non vanifichi il grande sacrificio fatto da un padre.
    Per Eluana solo il suono del vento tra i capelli, finalmente libera dalla prigione di un corpo senza vita.

  • No Chit, perchè per questi “signori” c’è vita e vita.

    E adesso su Eluana scenda quel rispettoso silenzio che le sarebbe stato sempre dovuto…

  • the brother:

    È evidente che viviamo in un paese nel quale ipocrisia e demagogia hanno preso il sopravvento su rispetto e coerenza; un paese nel quale il presidente del senato chiede un minuto di silenzio per eluana, come a settembre i parlamentari si raccolsero per ricordare le vittime delle torri gemelle, e come si fece per commemorare i morti di nassirya …
    Non è mia intenzione biasimare queste iniziative, ma applicando gli stessi parametri di partecipazione chiedo: perché non raccogliersi per quanti muoiono ogni giorno di malaria o di sete? o per i morti nelle guerre che si combattono qua e là nel mondo? per i morti assassinati nei paesi, anche democratici e libertari (?), dove si applica la pena capitale? per donne, uomini e bambini che muoiono di lavoro per qualche centesimo o per gli stranieri che muoiono attraversando il mediterraneo?
    Perché no?
    Se così si facesse in parlamento regnerebbe il silenzio.
    Che ci pensino…

    Ed il silenzio è ciò che auguro alla famiglia di eluana. Tutto il silenzio di cui hanno bisogno.

  • Chit:

    @Artemisia: concordo, ma informarsi prima di parlare non si usa più…
    @mauro: ho provato a farlo in un mondo “diverso” grazie alla vignetta. 🙄
    @Rockpoeta: doverso abbraccio ed un pensiero, come quello per PierGiorgio sempre presente!
    @Signora dei sogni: si, ora si!
    @Franca: da questo blog, credimi, sarà così!
    @Romano: tutto molto triste, concordo.
    @the brother: … anche perchè glielo hanno fatto “sudare” il silenzio, sempre che ci sia…

  • ho colto Chit, scusami.
    e mi associo al brother, ho fatto lo stesso commento a casa quando ho saputo di questo minuto di silenzio, con tutto il rispetto ma mi è sembrato che si stesse sminuendo la morte di tanti, da quelli che muoiono sul lavoro a quelli che perdiamo nelle nostre famiglie

  • Mauro si vede che ha il dente avvelenato. Anche a me ha fatto lo stesso rimprovero. Eppure, anche il mio post era in linea con il tuo, e entrambi abbiamo cercato di guardarla da un’altra prospettiva…
    Chit, in compenso ho appena pubblicato qualcosa di nuovo. Ovviamente, aspetto i tuoi nomi 😆

Lascia un Commento



Segui il blog via email:

Visita il sito ufficiale
Inserisci il tuo indirizzo email:


Questo blog è
Leggi il post
clicca sul logo
per saperne di più
Questo blog sostiene:
Mi trovi anche su:
Le mie foto su Flickr
Nuovi ospiti nelle acque della città... Billy versione 'spia' header Tramonto triestino     
Premi e Riconoscimenti

In classifica
Tra i primi 10
Uno dei più belli
sito internet

Secondo classificato come

nei prossimi anni non ho intenzione di partecipare al concorso quindi il secondo posto è libero


Premio D eci e Lode
da Giorgia, Sara, Simona, Kit Jr. e Chiara

Thinking Blogger Awards
da Pibua, Giuseppe T. e UMI

foca.jpg
da Sciura Pina e Paola

Premio Symbelmine
da Silvia

logo del premio
da Ed, Giangidoe, Pibua, IvanSantoro, Guccia, Weblogin e Anna

logo del premio
da La Tela di Aracne, Nido di Scricciolo, Synnovea e Serendipity

logo del premio
da Occhidigiada

logo del premio
da Elle, NadiaFlavio, SERENdipity, Dolcelei, Sciura Pina e Oscar

Con molto orgoglio…