Categorie
Archivi

Quel che succede a Lampedusa è in nome dello sport!

La disinformazione in Italia regna sovrana (dicono) ma su una cosa siamo più o meno tutto d’accordo e cioè che poco o nulla in questo Paese accade per caso e men che meno senza il benestare dei “potenti”. Prendiamo Lampedusa ad esempio.
Qualche settimana fa il ministro degli interni, quello con il cognome genitale, parlò ripetutamente ed apertamente di «Prossimo esodo biblico». Viste le difficoltà di queste ultime ore a gestire i più di 5000 immigrati secondo Amnesty (non più di 200 secondo la questura) le possibilità sono due: o Marons ha letto una versione della bibbia autoctona, forse “padana” in cui l’esodo biblico era un’altra cosa oppure, da quando ha proferito quelle parole, qualcosa è cambiato.
Di sicuro non può più dire “non lo sapevo” o “chi se l’aspettava“, anche se hanno dimostrato a più riprese di avere una faccia da bronzo capace di questo e altro.

Secondo l’opposizione (comunista) o gran parte dei media (comunisti di riflesso) e di chi la pensa diversamente (comunista e basta!) s’è parlato e si continua a parlare molto e fare poco (e questa non è più nè notizia nè novità) per cercare di fronteggiare realmente il problema di Lampedusa.

Disfattisti!!!! NULLA di più falso!! In realtà signore e signori, voi non lo sapete ma a Lampedusa si sta lavorando per il futuro sportivo del nostro Paese.

Non date retta a quello che raccontano i media che non sono di mediaset o i tg che non siano quelli di Fede e Minzolini. A Lampedusa, seguendo la (nuova) volontà di buona parte degli attuali vertici dello sport italiano che prevede un unico obbiettivo e cioè vincere, comunque ed a prescindere, infatti gli immigrati vengono tenuti giusto il ‘tempo tecnico’ necessario ad identificarli, fargli una visita medico-sportiva di idoneità allo sport, rifocillarli, fargli fare una doccia rigenerante, una dormita in un letto pulito ed infine una prova pratica per capire quali possano essere i suoi possibili impieghi. Subito dopo vengono trasferiti nei vari campus dove proseguono gli allenamenti in attesa dei prossimi eventi (Olimpiadi o giochi del Mediterraneo) a cui parteciperanno.

Quelle che vedete spacciate dai media tradizionali come prova della fuga dai CpT, infatti altro non sono che gli allenamenti dei fortunati selezionati per il salto con l’asta…

Se c’è chi dice che sono clandestini in fondo possiamo prendere per buona anche questa tesi no?



Post attualmente letto 9.822 volte

Post simili:

17 Commenti a “Quel che succede a Lampedusa è in nome dello sport!”

Lascia un Commento



Segui il blog via email:

Visita il sito ufficiale
Inserisci il tuo indirizzo email:


Questo blog è
Leggi il post
clicca sul logo
per saperne di più
Questo blog sostiene:
Mi trovi anche su:
Le mie foto su Flickr
Nuovi ospiti nelle acque della città... Billy versione 'spia' header Tramonto triestino     
Premi e Riconoscimenti

In classifica
Tra i primi 10
Uno dei più belli
sito internet

Secondo classificato come

nei prossimi anni non ho intenzione di partecipare al concorso quindi il secondo posto è libero


Premio D eci e Lode
da Giorgia, Sara, Simona, Kit Jr. e Chiara

Thinking Blogger Awards
da Pibua, Giuseppe T. e UMI

foca.jpg
da Sciura Pina e Paola

Premio Symbelmine
da Silvia

logo del premio
da Ed, Giangidoe, Pibua, IvanSantoro, Guccia, Weblogin e Anna

logo del premio
da La Tela di Aracne, Nido di Scricciolo, Synnovea e Serendipity

logo del premio
da Occhidigiada

logo del premio
da Elle, NadiaFlavio, SERENdipity, Dolcelei, Sciura Pina e Oscar

Con molto orgoglio…