Categorie
Archivi

Siamo proprio dei miserabili

marco-paolini.jpgSabato sera ho assistito a teatro allo spettacolo «Miserabili. Io e Margaret Thatcher» di Marco Paolini.

Quello portato in scena  dall’autore è a mio avviso l’ennesimo capolavoro teatrale che parla della trasformazione etica, sociale e perfino biologica della società a partire dagli anni ’80. Il racconto si snocciola attraverso diversi monologhi tutti legati da un sottile filo conduttore che è quello di come pian piano si sia cominciato a perdere di vista il concetto di società nel suo insieme. Le colpe di questo degrado della vita mascherato da “progresso” l’autore le trova nell’esasperazione del liberismo voluto in primis da Margaret Thatcher, ricordando come secondo i suoi principi «Non esiste la società, ci sono solo uomini, donne e bambini». Attraverso pezzi di repertorio si sente la voce della stessa Thatcher esaltare un mondo in cui l’importante non è tanto il lavoro quanto il far circolare il più rapidamente possibile il denaro, sdoganando il ricorso al debito ed ai soldi di plastica (bancomat e carte di credito). Su queste basi di racconto riesce ad innestare anche un’impossibile intervista con la stessa Thatcher che concluderà con una condivisibile definizione dell’ex premier inglese come «lady di ferro fuori, ma di merda dentro!».

C’è poi la ballata del lavoratore precario, ci sono citazioni di Carl Marx e Victor Hugo e riesce a mettere in “dubbio” anche i principi della termodinamica («se ho un acquario e decido di fare una frittura, difficilmente poi riavrò l’acquario di prima»). L’autore completa le due ore e mezza di spettacolo con una lettura in chiave ironica di un ipotetico incidente sul lavoro, tema  a lui molto caro. Il pezzo è semplicemente esilarante, sono diverse le volte in cui il racconto s’interrompe per l’ilarità della situazione. Lo scopo è quello di evidenziare come possa succedere che, sul lavoro come in una missione di pace, si compia qualche “monada” (sciocchezza, leggerezza) che può costar cara. Quel che stupisce è che quelli delle missioni di pace li avvolgono nelle bandiere mentre i morti sul lavoro no!

Paolini ancora una volta riesce a catturare l’attenzione alternando ironia a parole che hanno l’effetto di un macigno senza far mai perdere di vista il soggetto al quale, inevitabilmente e spesso bruscamente, riconduce sempre lo spettatore. In questo suo spettacolo intervalla i suoi monologhi con pezzi musicali e ballate grazie al magnifico accompagnamento dei Mercanti di Liquore, già famosi per alcune cover del grande Fabrizio DeAndrè.

Alla fine la sensazione è quella di esser stati comunque testimoni di un cambiamento storico di cui forse, aldilà di quel che ognuno di noi pensi, siamo stati forse più complici che vittime.

 



Post attualmente letto 12.546 volte

Post simili:

27 Commenti a “Siamo proprio dei miserabili”

  • Adoro Paolini…..ho imparato ad apprezzarlo dal suo spettacolo sul Vajont, su Ustica e via via gli altri…bravissimo!

  • Di Marco Paolini ho visto la trasposizione teatrale della tragedia della diga del Vajont che i miei hanno registrato anni fa. E’ veramente bravo bravo..
    Bacioni a te 8)

  • Sarai daccordo con me nel dire che marco paolini è un pezzo del patrimonio madeinnordestitaly da tutelare.

    “lady di ferro fuori, ma di merda dentro” è meravigliosa!

    potrei tentare dia nadarlo a sentire a fine aprile che si esibisce non molto lontano da me!

  • Chit:

    @nadiaflavio: concordo totalmente!
    @Dolcelei: non è l’uinca sua opera e se ti capita ti consiglio di vedere anche le altre 😉
    @Richard Gekko: un solo consiglio VAI!

  • chiara matrice marxista…

  • Ogni volta mi viene la tua stessa identica rabbia. I morti sul lavoro, evidentemente, non hanno la stessa dignità. Adoro Paolini, verrà in Facoltà, non me lo perdo.

  • Quello dell’acquario la sapevo. Insomma, sei proprio entusiasta eh?

  • Paolini è semplicemente straordinario. E concordo con te sul fatto che siamo stati più complici che vittime, ma con una piccola aggiunta: io direi complici involontari o cmq raggirati, illusi che quelle parole fossero la madre di tutte le soluzioni. Invece non è stato così, ed il tempo lo sta ahimè dimostrando.

  • Quando si nega o si vuole distruggere l’esistenza di una ‘società’ a favore dell’indidividuo singolo, è l’inizio della fine. 🙁

  • Chit:

    @john doe: ben venga!
    @guccia: te lo consiglio vivamente anzi, se c’è un posto quasi quasi “replico” anche io 😀
    @Alianora: si, decisamente un’ulteriore conferma della sua immensa bravura!
    @Rockpoeta: purtroppo si Daniele, vero… 😕
    @Romano: ed è quello che sta succedendo ormai da tempo, infatti…

  • elle:

    beh a quanto pare sei riuscito a divertirti. I pezzi esilaranti fanno sempre bene alla salute 🙂
    Un bacione

  • Chit…
    non me lo dire che volevo andare a vederlo ma è tutto esaurito! :-((

    Paola

  • Chit:

    @elle: sottolineo trattarsi di “sorrisi amari” comunque 😳 (prima che qualcuno pensi di andare a vedere un varietà)
    @gattanera: posso immaginarlo, comunque uscirà il dvd (consolazione)

  • Visto a Bergamo un anno fa: molto bello!

  • e paolini non sarebbe neanche l’unica voce che c’è
    purtroppo è l’unico che riesce a farsi ascoltare
    mi sembrano tanti san giovanni che gridano nel deserto…

  • flo:

    Direi una splendida occasione per riflettere divertendosi, bello il post Chit 🙂

  • be che dire ? io di questa cosa so poco, ma poaolini spesso fa spettacolo di qualità per cui non mi stupisco delle sensazioni positive che ti hanno colpito.
    ciao
    chit
    giulio

  • Quel che stupisce è che quelli delle missioni di pace li avvolgono nelle bandiere mentre i morti sul lavoro no!
    i morti sul lavoro non portano voti

  • Paolini è un grande…
    Per quanto riguarda i morti sul lavoro è proprio vero: le cifre sono da bollettino di guerra, ma per loro non ci sono funerali di Stato!

  • oby:

    tu pensa che io sono andato a teatro forse 3 volte in tutta la mia vita…devo decisamenre recuperare

  • Giò:

    Su Paolini niente da aggiungere: è un grande!
    Ciao Chit, bacione 😉
    Giò

  • Chit:

    @Fabrizio: non posso che darti ragione piena! 😉
    @Artemisia65: anche lui non è che abbia poi molta visibilità, ne ha di più Frizzi a confronto… 🙄
    @flo: si, decisamente! grazie 😉
    @Giulio: anch’io ne sapevo poco di questo periodo storico abbastanza dimenticato…
    @Oscar Ferrari: può essere che sia per questo, vero?!
    @Franca: tristemente vero!
    @oby: anch’io non sono un grande frequentatore ma uno come Paolini lo nadrei ad ascoltare anche in chiesa! 😀
    @giò: concordo!

  • Paolini è davvero un grande, lo seguo dai tempi del monologo sul Vajont ed ogni volta che lo ascolto mi affascina.
    Buona giornata 😉

  • kit:

    davvero bellissimo come spettacolo… lui è davvero un genio 😀

  • Loredana:

    Ora che ci penso… non conosco nessuno al quale Paolini non piaccia…
    O forse con “certa gente” non mi è capitato di parlare di Paolini.

  • Chit:

    @pibua: decisamente un grandissimo narratore, mai noioso, mai banale, sempre preciso!
    @kit: concordo O’F 😉
    @Loredana: purtroppo c’è più di qualcuno visto che in Tv continuano a dare ‘Grande Fratello’ e ‘Chi l’ha visto’ piuttosto che i suoi spettacoli, non trovi?! 🙄

  • […] del programma ‘I Miserabili’ di Marco Paolini, ogni lunedì ore 21.30. Dello spettacolo ve ne parlai  qualche tempo fa quando ebbi la fortuna di vederlo a teatro ma ve lo risegnalo con […]

Lascia un Commento



Segui il blog via email:

Visita il sito ufficiale
Inserisci il tuo indirizzo email:


Questo blog è
Leggi il post
clicca sul logo
per saperne di più
Questo blog sostiene:
Mi trovi anche su:
Le mie foto su Flickr
Nuovi ospiti nelle acque della città... Billy versione 'spia' header Tramonto triestino     
Premi e Riconoscimenti

In classifica
Tra i primi 10
Uno dei più belli
sito internet

Secondo classificato come

nei prossimi anni non ho intenzione di partecipare al concorso quindi il secondo posto è libero


Premio D eci e Lode
da Giorgia, Sara, Simona, Kit Jr. e Chiara

Thinking Blogger Awards
da Pibua, Giuseppe T. e UMI

foca.jpg
da Sciura Pina e Paola

Premio Symbelmine
da Silvia

logo del premio
da Ed, Giangidoe, Pibua, IvanSantoro, Guccia, Weblogin e Anna

logo del premio
da La Tela di Aracne, Nido di Scricciolo, Synnovea e Serendipity

logo del premio
da Occhidigiada

logo del premio
da Elle, NadiaFlavio, SERENdipity, Dolcelei, Sciura Pina e Oscar

Con molto orgoglio…