Categorie
Archivi

Siamo un popolo senza libertà

556 o 156, dipende dalle fonti, comunque sempre troppi mi pare. No, non sono la sigle dei nuovi modelli dell’Alfa Romeo ma è il numero dei divieti emessi tramite ordinanza dai sindaci d’Italia per quest’estate. La fonte dell’articolo, ripresa poi da vari quotidiani, pare sia il Secolo d’Italia e avrei tanto voluto leggere l’articolo originale ma se si prova ad accedere al sito… bè provate anche voi. Da quel che ho appreso però il panorama dei divieti è ricco.

A Voghera ad esempio è vietato sedersi sulle panchine dopo le 23 in più di 3 persone mentre a Viareggio ci si può sedere a qualsiasi ora ma (giustamente!) non ci si possono poggiare i piedi sopra. Mi chiedo se serva fare un’ordinanza o basti un po’ d’educazione per tutto questo…

Se vi capita di avere irresistibilmente fame attenzione a dove siete. A Trapani per esempio dopo mezzanotte niente chiacchiere mangiando un gelato, a Roma niente consumazione di cibo davanti la fontana di Trevi mentre a Venezia divieto assoluto di consumare alimenti e/o bevande sui gradini dei monumenti. Non si sa bene se ad arrabbiarsi siano state fontana e gradini o i locali in zona ma tant’è!?

Ad Eboli anni fa pare si sia fermato Gesù, di sicuro non si fermeranno quest’estate gli innamorati visto che lo scambio pubblico di un bacio può costare fino a 500 Euro di multa.

Nella riviera ligure a Sanremo non si può girare a petto nudo per le strade cittadine né bagnarsi nelle fontane o sedersi sul bordo delle fioriere. Giusto? Non so, forse, quel che però mi stupisce che questi divieti valgono solo dai 13 ai  59 anni, per chi è fuori da questi limiti d’età scatta l’immunità. Evidentemente sono considerati immaturi o rincoglioniti quindi non punibili.

Per concludere l’ennesima norma ad hoc. E’ severamente vietato passeggiare in zoccoli a Positano e in bikini a Lerici, mentre pare ancora consentita la passeggiata di zoccole senza bikini ma solo a Palazzo Grazioli.

Delusi da tutte queste limitazioni estive? Bè, difficile pensare e sperare altro da un provvedimento che si chiama «pacchetto Maroni» no?!

[tags]italia,curiosità, leggi strane,maroni,sicurezza[/tags]



Post attualmente letto 7.414 volte

Post simili:

19 Commenti a “Siamo un popolo senza libertà”

  • Siamo governati dal popolo delle ma siamo un popolo senza libertà…

    Piccola carrellata su ordinanze, leggi e divieti emanati per quest’estate 2009 dai vari sindaci in base al “pacchetto Maroni” del 2008. Ce n’è per tutti i gusti……

  • Siamo governati dal ‘popolo delle’ ma siamo un popolo senza libertà…

    Piccola carrellata su quelle che sono le leggi ed i divieti più bizzarri (ma purtroppo veri) di quest’estate 2009. Sono tanti e riguardano un po’ tutti i luoghi e tutte le attività. E meno male che siamo governati da gente che dice di chiamarsi “Pop…

  • Siamo governati dal popolo della ma siamo un popolo SENZA libertà…

    Carrellata sulle novità in termini di leggi e divieti di quest’estate 2009….

  • Una società di destra restringe i diritti, una di sinistra li allarga. Essere di destra non è una posizione politica ma un sentimento.

  • duhangst:

    “E’ severamente vietato passeggiare in zoccoli a Positano e in bikini a Lerici, mentre pare ancora consentita la passeggiata di zoccole senza bikini ma solo a Palazzo Grazioli.”

    So che c’è poco da ridere ma a me sta battuta lo ha fatto fare.

  • Siamo un popolo di perbenisti e faccendieri, di ipocriti che si scandalizzano a vedere i barboni su una panchina, ma che non battono ciglio di fronte ai tanti cantieri illegali o alle ville abusive.
    Siamo un popolo che si scandalizza se qualcuno va in giro con gli zoccoli ma che vota una presidente puttaniere che si fa ricattare da quattro zoccole.
    Siamo un popolo di piccolo-borghesi ottusi e ignoranti, di un moralismo bacchettone che raggiunge il ridicolo. Siamo un popolo di servi, di cortigiani, di conformisti.

  • Passiamo da restrizioni ridicole a limitazioni davvero vergognose. Dalle ronde che tra poco bastoneranno quelli che a Fontana di Trevi mangiano un cornetto ( se turisti comunitari, in caso contrario si ha invece una sincera “accettazione”… con l’accetta però come diceva un comico tanti anni fa)

    Alcune di queste limitazioni le avevo sentite anch’io come quella di Eboli. Onestamente questa mi sembra la meno grave dato che io non credo che molti abbiano questa smania di passare da Eboli. Si andrà altrove.

    Ti abbraccio
    Daniele

  • ERRATA CORRIGE: E poi le ronde… ecc…

  • Non siamo un popolo senza libertà, siamo un popolo senza senso civico e governati da deficienti (e probabilmente ce lo meritiamo)
    In Austria non occorre scrivere che è vietato raccogliere i fiori dalle aiuole, nessuno si sogna comunque di farlo. A Trieste in certe piazze i fiori sono spariti poche ore dopo essere stati piantati… E questo solo per fare un’esempio della nostra inciviltà. Invece di insegnare ai giovani il senso civico si spara una raffica di divieti (che poi voglio vedere quanto vengono fatti rispettare)

    @Alberto: non ho dati ma credo che le ordinanze assurde provengano da sindaci di entrambi gli schieramenti.

  • darialogia:

    A Morcone, da un anno a questa parte è vietato pensare.
    I servizi segreti locali riferiscono tutto al sindaco mastelliano eletto coi voti del centrodestra e con l’appoggio della gran parte dei compagni di Rifondazione, che dovevano togliersi certi sassolini dalle scarpe con gli ex diessini.
    La punizione la decide Lui, il primo cittadino,a volte i suoi scagnozzi, dopo averlo consultato.
    In genere sono minacce di licenziamento.
    E allora la gente non pensa più, nè tanto meno parla.
    :mrgreen:

  • Ho apprezzato nel pezzo, la volontà e lo sforzo di comportarti da moderato. Ho letto tra i commenti “la destra restringe i diritti e la sinistra li allarga” e sono svenuta. Poi ripresi i sensi…A parte che in Italia nessuno allarga più niente, tantomeno questa sinistra, che negli ultimi 30 anni, soprattutto sulla questione dei diritti stendiamo un velo pietoso. I sindaci si accodano a politiche di regime che riportano al proibizionismo Mussoliniano, canale di regressione che il nostro paese percorre alla grande. Chit ha citato una parola che avrà presto anch’essa un’ordinanza ad oc -LIBERTA’- non più garantita nè da destra nè da sinistra. Si comincia con divieti surreali e si finisce alle politiche deliranti dei padroni.
    In Italia non esiste più la politica,destra, sinistra,centro…o sei con Berlusconi o contro Berlusconi. Però per consolarci, prendiamo un potente cannocchiale e osserviamo lontano anni luce, quel vecchio e a me caro Liberalismo Radicale.
    Un bacio a Chit 🙄

  • il problema è che alla gente i divietiultimamente stanno piacendo un po’ troppo. E mi associo al commento di Alberto, una perla degna di Stielike

  • Chit:

    @alberto: ultimamente mi sa molto anche di “moda” 🙄
    @duhangst: si cerca di ridere per non piangere.
    @Matteo: in poche parole un popolo di coglioni che però vota dalla pare sbagliata!? 😀
    @Rockpoeta: sono tempi duri Daniele, duri e assurdi, confermo!
    @Giulio GMDB©: da tempo la tendenza “repressivista” ha preso la meglio sul buonsenso e sull’educazione
    @darialogia: un altro delirio di onnipotenza o la sagra dell’ignoranza? 🙄
    @lauradenu: benvenuta nel blog e grazie del commento oltremanica 🙂 Vero quello che scrivi, in Italia non esiste più politica e tutto il resto… è noia!? Un abbraccio, divertiti e a presto 😉
    @Oscar Ferrari: tristemente vero Oscar, purtroppo…

  • Abbiamo dato tanto potere ai Sindaci, ma non tutti ne sanno fare buon uso…

  • A quando non ci permetteranno più di respirare?
    ciao Paola

  • Dici bene già dal titolo del post: “siamo un popolo senza libertà”. Quella che c’è è solo un formalismo, di fronte alle leggi, ai decreti e perfino le ordinanze comunali. Questo soprattutto perchè l’Italia è diventata un paese dove a fare le leggi sono gli esecutivi, dal governo al comune. Anzi, i reggenti di quelle istituzioni e cioè presidente del consiglio, fino al sindaco.

  • ma questi divieti non erano stati decisi già l’estate scorsa?

    (rido con DuHangst per la stessa battuta)

  • Sono d’accordo con Lauradenu sulla banalizzazione della politica italiana: parlare di sinistra o destra è diventato quasi anacronistico, perchè tutto ormai viene banalizzato come pro o anti berlusconismo.
    E agli occhi degli stranieri (europei e non) mi rendo sempre più conto di quanto ridicoli appaiano gli episodi legati al nostro premier, e di quanto distraggano dalle vere – e ben più gravi – iniziative politiche del suo governo.

  • Chit:

    @Franca: probabilmente si, questi sicuramente no!?
    @paola: spero di sbagliarmi ma temo a breve.. 🙄
    @Crocco2830: l’Italia è diventata proprietà privata di pochi ignoranti senza scrupoli purtroppo…
    @mauro: alcuni si, in fondo erano contenuti nello stesso DL di abolizione dell’Ici…
    @Giangidoe: qui non credo sia tanto questione di destra e/o sinistra ma di totale assenza di buonsenso!

Lascia una replica per Oscar Ferrari



Segui il blog via email:

Visita il sito ufficiale
Inserisci il tuo indirizzo email:


Questo blog è
Leggi il post
clicca sul logo
per saperne di più
Questo blog sostiene:
Mi trovi anche su:
Le mie foto su Flickr
Nuovi ospiti nelle acque della città... Billy versione 'spia' header Tramonto triestino     
Premi e Riconoscimenti

In classifica
Tra i primi 10
Uno dei più belli
sito internet

Secondo classificato come

nei prossimi anni non ho intenzione di partecipare al concorso quindi il secondo posto è libero


Premio D eci e Lode
da Giorgia, Sara, Simona, Kit Jr. e Chiara

Thinking Blogger Awards
da Pibua, Giuseppe T. e UMI

foca.jpg
da Sciura Pina e Paola

Premio Symbelmine
da Silvia

logo del premio
da Ed, Giangidoe, Pibua, IvanSantoro, Guccia, Weblogin e Anna

logo del premio
da La Tela di Aracne, Nido di Scricciolo, Synnovea e Serendipity

logo del premio
da Occhidigiada

logo del premio
da Elle, NadiaFlavio, SERENdipity, Dolcelei, Sciura Pina e Oscar

Con molto orgoglio…