Categorie
Archivi

Stazione di Bologna, per non dimenticare

Seppur in “colpevole” ritardo (di solito certi post li pubblico giorni prima ndr) mi sono ricordato che stavo lasciando scivolare via questa giornata dimenticandomi di ciò che succedeva 26 anni fa alle 10,25 del mattino.
Una delle pagine più buie della storia della Repubblica Italiana che ci lascia in eredità 85 morti, oltre 200 feriti (se non ricordo male) ma soprattutto TANTA TANTA RABBIA!!
All’epoca avevo 13 anni e “realizzai” poco dell’accaduto. Quattro anni dopo il destino mi portò a Bologna, dove con un po’ più di maturità mi soffermai a leggere la lapide con i nomi e le date di nascita. Era il periodo del “chit scrittore”. Quadernetto tascabile e matita erano sempre pronti nei miei viaggi on the road e venne fuori questo bozzetto.
Non sarà un granchè ma… le ripoto ugualmente qui sotto.

UN RAGAZZO

Quando senti
di un ragazzo che muore,
un ragazzo della tua età
che muore perchè si trovava in una stazione
mentre scoppiava una bomba,
non puoi non fermarti a pensare.
Pensare alla vita,
a quella lotteria che comincia
con un atto d’amore
e termina nel momento in cui
una causa accidentale
blocca ogni pensiero.
Ma la morte di quel ragazzo
va aldilà
di queste fredde considerazioni
sulla vita.
La sua morte
ti fa rabbrividire
perchè assurda;
perchè incomprensibile e vigliacco
è il gesto che l’ha determinata.
Ma il tempo passa,
la vita continua
e il tuo dolore svanisce.
Di lui non resterà
che il ricordo
di una data
e una lapide.
Il mondo non si ferma
e non potrebbe essere altrimenti,
ma in te resta la rabbia
per quella morte assurda
e per esser passato, tu,
attraverso questa vita
senza aver potuto
far niente per lui,
per impedire quella morte.

PER NON DIMENTICARE…

[post già inserito nel blog precedente, chiedo scusa a chi lo avesse già letto ma ci tenevo a riproporlo]

[tags]Italia, Bologna, stragi,[/tags]



Post attualmente letto 12.090 volte

Post simili:

31 Commenti a “Stazione di Bologna, per non dimenticare”

  • Elle:

    Già allora eri bravo, sensibile e attento.
    Hai ragione non dimentichiamo purtroppo. Un bacione 😥

  • kit:

    mi pareva d’averla già letta…ciò nonostante mi continua a dare i brividi…. 😐

  • bravo Chit,

    pensare che quella poesia l’hai scritta a 17 anni… cavolo, eri davvero già un sacco bravo!!

    Non ti stavi perdendo la data, è successo il 2 agosto. Ma questo non importa. Importa che non si dimentichi, in un periodo dove si tenta di fare andare tutto a finire a tarallucci e vino…

    Ricordo che ero a Torino quando udii alla radio quello che era successo. Non ci si vuole credere a cose del genere, la mia mente aveva registrato le parole del cronista come attentato in Polonia. Non potevo accettare che fosse successo, di nuovo, per l’ennesima volta, da noi. A Bologna, non in Polonia. Anche se il suono era simile e la radio lontana.

    E giova, in un anniversario così infausto, ricordare le altre di stragi, impunite, quasi dimenticate, ormai relitti derelitti di anni infami. Piazza Fontana. Piazza della Loggia a Brescia. L’Italicus. L’aereo Itavia. E forse ne dimentico anche io altre… E chiedo scusa a quei morti.

    Quanti morti. Quanta sofferenza. E i colpevoli? Decenni per non venire a capo di nulla. Ci hanno preso per il culo per trent’anni.

    Che tristezza. Che schifo.

    Per non dimenticare.

    Ciao Chit,
    HP

  • In queste tue righe c’è tutto: la rabbia e l’impotenza di fronte alla cattiveria umana di chi è stato mandante, degli esecutori materiali e di chi da quasi trent’anni sa e non parla.

    Bravo!

  • Mi si è gelato il sangue.. cidenti Chit, che parole..
    baci

  • Anch’io oggi ho fatto un post sulla strage, ma non trovando parole appropriate rimando semplicemente al sito dei familiari delle vittime

  • Chit:

    @Elle: è il minimo che possiamo fare no? 🙄

    @kit: si, penso sia il modo per ricordarli

    @homing pigeon:domani non ci sarei stato. Comunque grazie per i complimenti

    @pibua: grazie Stefy 🙂

    @kiara: erano uscite così 😳

    @Franca: è un modo come un altro per non dimenticare

  • Non dimentichiamo!
    Buona giornata Chit!
    Solidea

  • S.B.:

    Ricordi di una giornata terribile … 🙁

  • Ado:

    …molto bella la poesia…

  • […] rimando inoltre alla poesia che scrisse mio zio, quando, dopo tre anni visitò […]

  • Chit:

    @SolideaVitali: si, proviamoci …

    @S.B.: non posso che concordare appieno purtroppo…

    @Ado: grazie Ado, i tuoi complimenti per me valgono doppio 😉

  • Ed:

    In effetti è difficile ricordare le date di tutte le stragi avvenute in Italia. Preferirei non doverne ricordare neppure una.

  • Come ho già scritto sul blog di Stefania, sono molte più le ricorrenze negative da commemorare che non le festività da ricordare. Si invertirà mai questa triste tendenza?

  • Oby:

    mai dimenticare certe cose..mai! Dimenticare é come permettere che succeda ancora.
    Bravo chit.

  • Non sei in ritardo, perché è oggi l’anniversario.

    Io ricordo bene, ero parecchio più grande di te; vivevo a Firenze, ma i miei genitori sarebbero partiti in quei giorni dalla Romagna, per andare a Ginevra.
    Non conoscevo la data esatta della loro partenza e, per qualche angosciante minuto, prima di parlarci al telefono, ho temuto per la loro vita.

    Ricordiamo anche questi:
    – la strage dell’Italicus nella notte del 4 agosto 1974 a San Benedetto Val di Sambro (fra 2 giorni ricorre il 33° anniversario)
    – la strage del “treno di Natale” il 23 Dicembre 1984, sotto la lunga galleria di S.Benedetto Val di Sambro.

  • Anche il mio pensiero vola a quella mattina di 26 anni fà…. per quei ragazzi e quelle ragazze che non sono potuti diventare genitori di una nuova generazione.. per quelle donne e quegli uomini che oggi non possono tenere in braccio i loro nipoti per raccontargli qualcosa in più della vita… per tutta quella gente a cui è stato strappato il futuro dalle mani. Ricordiamoci di non dimenticare.

  • Per me la Stazione di Bologna è carica di ricordi; fin da bambina era la mia fermata obbligata, quando tornavo da Ginevra, per la coincidenza col treno locale.
    Nell’adolescenza, arrivavo col mio babbo verso le 4 di mattina…andavamo a mangiare le lasagne al ristorante della stazione e aspettavamo il primo treno per Bagnacavallo.
    Non dovevano far del male alla “mia” stazione, alla “mia” gente! Mi sono sentita come se mi avessero pugnalato al cuore…

  • Chit:

    @Ed: neanch’io Ed ma “questa” non riesco a dimenticarla…

    @Alianora: purtroppo questa è l’Italia che ci consegna la storia 😳

    @Oby; thanks a lot amico mio! 😉

    @gianfranca1801: si lo so, solo che ho fatto il copia-incolla del post dello scorso anno 😉

    @Monicanta: concordo! Grazie della visita

    @gianfranca1801: è la stessa sensazione che ho avuto anch’io in quella sala d’aspetto quel giorno 🙁

  • A volte la rabbia fa rispondere sangue con sangue,
    per fortuna stiamo imparando che non serve a nulla,
    o perlomeno non portano in vita chi e’ morto ingiustamente.
    Le tue parole sono segno di saggezza,
    pur riconoscendo la rabbia che hai/avevi in quel momento.
    Ciao e grazie. 😉

  • complimenti … veramente bella!

  • Chit:

    @fjster: purtroppo il mio era solo uno sfogo

    @Andrea Opletal: ti ringrazio dei complimenti

  • é bellissima,e credo che valga la pena ripeterla … perchè scusarsi delle cose belle,pur se ripetute?

  • elvira:

    ciao a tutti avevo 20 anni e mi trovavo a Trieste (vacanza da parenti) , il mio ricordo è molto chiaro e traumatico ancora oggi immagini che scorrono in tv….! e urlo di paura…quel giorno doveva partire il mio ragazzo per la Calabria e il passava alla stazione di Bologna! ..il tempo e le immagini scorrono in tv…sino a sera non ho avuto notizie..Vedova non ero diventata (anche perchè dopo è diventato mio marito)….Lui era passato a Bologna con il treno prima …di quello con la bomba! sollievo momentaneo… 😐 poi la sofferenza e la rabbia…!
    Ricordiamo…

  • Fà tristezza ricordare cosa sia successo, fà tristezza vedere quella lapide e quel quadro ancora annerito dall’esposione che rimane lì, in quella stazione che continua ad essere un via vai di gente, e fà ancora di più tristezza sapere che dopo 26 anni ci sono ancora molte ombre su questa strage!!!
    Ps: Il bozzettto è molto reale e toccante!

  • Mi unisco al ricordo. Quando passo alla stazione di Bologna (e d’inverno ci passo quasi tutti i giorni) mi fermo sempre un minuto davanti allo squarcio.

  • Chit:

    @valentina: più che una scusa era una precisazione. Faceva parte del “vecchio” blog e ci tenevo a riproporla ai nuovi lettori. Grazie dei complimenti, sono contento ti sia piaciuta

    @elvira: ed io proprio da lì sono partito … 😳

    @mariarosaria: lo so ma credo sia giusto così…

    @guccia: la prossima volta se puoi fai 2 minuti

  • Anche io ho scritto un brevissimo post sulal strage di Bologna, perche’ in questa societa’ e certi “poteri” tendono a “far dimenticare” certe cose a loro indubbio e vergognoso vantaggia..e sappiamo tutti di che raggruppamenti politici parliamo…
    PER NON DIMENTICARE perche’ la memoria collettiva ed individuale non vada mai perduta.
    Un salutone, bel blog, mi piace!
    Giano

  • Chit:

    @Giano: società e poteri la possono pensare come vogliono, per fortuna la mia memoria funziona ancora e certe cose NON LE DIMENTICA 😉 Grazie del passaggio.

  • Le morti giovani e ingiustificate lasciano sempre il segno..possiamo fare poco..loro se ne sono già andati..ma il fatto che il nostro pensiero sia rivolto a queste persone che persone non sono più almeno indica che possediamo un’anima ancora bella!

  • Chit:

    @annalisa: mi sembra non solo corretto ma doveroso, visto ch emolti altri hanno dimenticato fin troppo facilmente!

Lascia un Commento



Segui il blog via email:

Visita il sito ufficiale
Inserisci il tuo indirizzo email:


Questo blog è
Leggi il post
clicca sul logo
per saperne di più
Questo blog sostiene:
Mi trovi anche su:
Le mie foto su Flickr
Nuovi ospiti nelle acque della città... Billy versione 'spia' header Tramonto triestino     
Premi e Riconoscimenti

In classifica
Tra i primi 10
Uno dei più belli
sito internet

Secondo classificato come

nei prossimi anni non ho intenzione di partecipare al concorso quindi il secondo posto è libero


Premio D eci e Lode
da Giorgia, Sara, Simona, Kit Jr. e Chiara

Thinking Blogger Awards
da Pibua, Giuseppe T. e UMI

foca.jpg
da Sciura Pina e Paola

Premio Symbelmine
da Silvia

logo del premio
da Ed, Giangidoe, Pibua, IvanSantoro, Guccia, Weblogin e Anna

logo del premio
da La Tela di Aracne, Nido di Scricciolo, Synnovea e Serendipity

logo del premio
da Occhidigiada

logo del premio
da Elle, NadiaFlavio, SERENdipity, Dolcelei, Sciura Pina e Oscar

Con molto orgoglio…