Categorie
Archivi

Articoli marcati con tag ‘australia’

Sesso e documenti nei continenti

Non sempre l’anzianità è sinonimo di saggezza, lungimiranza e quant’altro di positivo l’esperienza dovrebbe (il condizionale è d’obbligo) portare.

Capita così che il vecchio continente europeo si ritrovi, soprattutto in tema di diritti civili, ad inseguire scelte e decisioni di altri continenti.

Per carità, non che mi lamenti! Credo nell’effetto emulazione o domino delle leggi e quindi è con molto piacere che ho accolto la notizia che, dopo l’Australia, anche la Gran Bretagna ha allo studio una legge che se non tutela perlomeno fuoriesce dallo stereotipo uomo/donna e permette alle persone transessuali di identificarsi con una “x” accanto alle ordinarie definizioni di maschile e femminile.

E qui si aprono due scenari: quello che vede questa notizia in un’ottica ottimista (finalmente vedono riconosciuto il loro status) e chi inorridisce al solo pensiero reputando questa un’ulteriore discriminazione.

Personalmente sono dell’opinione che ognuno dovrebbe potersi chiamare, vestire e vivere come più e meglio crede, chiaramente nei limiti del rispetto altrui, ma credo che obbiettivamente questo sia un piccolo, piccolissimo segnale che va in una direzione giusta. E chi segue le tematiche legate all’identità di genere sa che i segnali ed i passi sono sempre molto misurati e piccoli quindi si finisce gioco forza per “gioire” o trarre positività da tutto quello che autorizza a farlo.

Leggi il resto di questo articolo »

ACRUX: il deodorante che cura la libido (e i suoi effetti collaterali)

La notizia è di qualche giorno fa, arriva dall’Australia e sembra destinata a rivoluzionare la vita sessuale di molte persone negli anni a venire. Secondo uno studio condotto dalla Acrux, compagnia australiana di biotecnologia infatti:

il 39% degli uomini oltre i 50 anni soffre di deficienza di testosterone. I sintomi includono, oltre a perdita di libido, letargia, perdita di peso, oscillazioni dell’umore e depressione. L’unico trattamento attualmente disponibile in Australia senza ricetta medica e’ una gelatina che si applica sulla parte superiore del corpo e impiega 10 minuti ad asciugarsi...

Per dare il via alla distribuzione del prodotto in 143 Paesi del mondo alla casa madre occorre l’autorizzazione del Food and Drug Authority degli Usa anche perchè, per prodotti di questo ‘tipo’, non bisogna dimenticare possibili effetti collaterali come quello illustrato in quest’altro spot: 

Leggi il resto di questo articolo »

Spot tv australiana: Guidi veloce? Allora ce l’hai piccolo!

«Speeding – no one thinks big of you» che tradotto significa “Guida veloce, nessuno pensa a qualcosa grande di te”.
E’ questo il nuovo spot prodotto dalla “South Wales Roads and Traffic Authority”, l’agenzia governativa australiana responsabile della campagna per la guida sicura. Nel video si vedono dei ragazzi correre in auto e delle donne che agitano il dito mignolo, gesto che nel linguaggio giovanile sta ad indicare persone poco dotate sessualmente.
La tv australiana che è famosa per aver trasmesso in passato campagne choch ha completamente cambiato linea, affermando che le immagini “forti” sono ormai diventare la quotidianità (purtroppo ndr) e pertanto non colpiscono più. Al contrario se si rapporta il gesto alla virilità sessuale il messaggio dovrebbe risultare molto più forte.

Chissà se funzionerebbe anche in Italia, il paese dove secondo luogo comune i machi “do it better“? Magari si potrebbe prendere Alex Drastico come testimonial, in fondo il “tu ce l’hai piccolo” è un suo copyright …

2604_biennale_mg_8686

Fonte notizia: Corriere.it

 

A Justin Mosley basta uno scarafaggio per bloccare l’informazione

Ognuno di noi ha le sue paure che cerca, chi più chi meno, di nascondere.

Questo presentatore (Justin Mosley) delle previsioni del tempo della tv australiana ha avuto la sfortuna di doverle vivere in diretta. Guardate un po’ cosa gli è successo (consiglio di accendere l’audio):

Per la serie: come al giorno d’oggi basti poco a bloccare l’informazione…  per l’esattezza un innocuo scarafaggio

 

Gli si rompe il cambio, prova ad andare in retromarcia

SYDNEY – Doveva arrivare a Perth a tutti i costi. Quando gli si è rotto il cambio, non ha avuto esitazioni: la retromarcia funzionava ancora e ha deciso di farsi i 500 km mancanti procedendo all’indietro nel deserto. Ma il viaggio di un 22enne australiano si è concluso dopo una ventina di chilometri, quando è stato fermato da alcuni stupefatti agenti della polizia. L’auto del ragazzo, il cui nome non è stato comunicato dalle autorità locali, si è rotta di fronte a un ristorante nella citt? di Kalgoorlie, nel sudest dell’Australia. Invece di cercare un meccanico, il giovane pilota ha deciso di procedere con l’unica marcia funzionante, la retro. Si è così avviato lungo la strada a quasi 60 km orari andando all’indietro.Con quel ritmo, sarebbe arrivato a destinazione in poco meno di nove ore e, probabilmente, con un discreto torcicollo. Invece, a 20 km di distanza, è stato notato da una pattuglia della polizia, che l’ha subito fermato. Agli agenti ha candidamente spiegato di essere diretto a Perth e di avere comunque prudentemente ridotto la velocità perchè in retromarcia a 80 km l’ora la sua Ford del 1988 tendeva pericolosamente a sbandare. 

Ma ve la immaginate la faccia dei poliziotti che si sono visti sfrecciare un’auto in retromarcia?! 🙂 😉

Fonte notizia: La Repubblica

[tags]notizie curiose, Australia[/tags]

Segui il blog via email:

Visita il sito ufficiale
Inserisci il tuo indirizzo email:


Questo blog è
Leggi il post
clicca sul logo
per saperne di più
Questo blog sostiene:
Mi trovi anche su:
Le mie foto su Flickr
Nuovi ospiti nelle acque della città... Billy versione 'spia' header Tramonto triestino     
Premi e Riconoscimenti

In classifica
Tra i primi 10
Uno dei più belli
sito internet

Secondo classificato come

nei prossimi anni non ho intenzione di partecipare al concorso quindi il secondo posto è libero


Premio D eci e Lode
da Giorgia, Sara, Simona, Kit Jr. e Chiara

Thinking Blogger Awards
da Pibua, Giuseppe T. e UMI

foca.jpg
da Sciura Pina e Paola

Premio Symbelmine
da Silvia

logo del premio
da Ed, Giangidoe, Pibua, IvanSantoro, Guccia, Weblogin e Anna

logo del premio
da La Tela di Aracne, Nido di Scricciolo, Synnovea e Serendipity

logo del premio
da Occhidigiada

logo del premio
da Elle, NadiaFlavio, SERENdipity, Dolcelei, Sciura Pina e Oscar

Con molto orgoglio…