Categorie
Archivi

Articoli marcati con tag ‘Ciclismo’

Giro d’Italia: festa di piazza non per Dipiazza

Quest’oggi Trieste sarà meta di tappa del 100° Giro d’Italia. Dovrebbe essere un’occasione di festa e, perchè no, di promozione della città, dei suoi luoghi e delle sue bellezze. Tanto più che, mi risulta, il Giro non arrivi “a sorpresa” bensì essere traguardo di tappa è investitura molto ambita ed onerosa per il Comune che la ospita. E siccome dove c’è possibilità di “guadagno” (d’immagine o economico poco importa) nulla avviene gratis mi risulta che sia il Comune stesso a discuterne ed approvare la scelta ed il relativo stanziamento in sede di Consiglio Comunale. Evidentemente il Sindaco della città Roberto Dipiazza in quei consigli comunali o non c’era o non era così lucido da mantenerne memoria visto che l’altro giorno è sbottato così davanti agli operai (cosa centravano poi loro?!) impegnati nei preparativi. Per completezza d’informazione questo ‘sclero‘ del primo cittadino ne segue uno di pochi giorni prima in merito ad uno dei modi in cui da queste parti viene festeggiato (da sempre! ndr) il primo maggio:

Chiedendo scusa fin da ora a tutti i telespettatori per l’eventuale disturbo o fastidio cromatico che la visione di tali vessilli potrà provocare, mi permetto comunque di porre al sig. Dipiazza  una semplice domanda:

dov’era tutto questo suo alto e nobile senso civico quando in un recente passato (novembre 2008) la città di Trieste è stata ‘ostaggio’ di lavori per un periodo ben più lungo di una mattina e con il solo obbiettivo di predisporre un “parco giochi ” per il nostro Premier?

Intanto, in attesa di risposta (oggi il sindaco sarà per sua ammissione in Austria)… buona domenica e buon giro a tutti!


CIAO PIRATA

Era il 14 febbraio 2004, sabato sera tardi e stavo apprestandomi ad andare a dormire. Non c’è mai un “bel modo” per scoprire la morte di qualcuno, ma quello che la ruota della vita mi riservò quella sera fu veramente vigliacco. Infatti fu così, facendo velocemente zapping, che mi imbattei nella notizia della morte di un grande campione del ciclismo. Il suo nome era MARCO PANTANI!

In questi anni media e giornalisti, persa forse l’ultima vera fonte d’ispirazione per scrivere, hanno più volte processato lui, la sua carriera, la sua vita ponendo sempre come alibi il “dovere di cronaca”.
Io non voglio esprimere pareri in merito QUI e OGGI.
Voglio solo ricordare un ragazzo che il 20 ottobre 1995 conobbi personalmente, in una stanza del C.T.O. di Torino, dopo che per l’ennesima volta la sfiga gli si era abbattuta addosso. Lui era all’indomani dell’intervento alla gamba, triste per la carriera forse definitivamente compromessa e con mille altri dubbi che gli affollavano la mente.Ero passato a portargli un bigliettino d’incoraggiamento, lo consegnai all’infermiera che mi disse “aspetti qui“.
Entrò nella stanza del pirata e ne uscì 1 minuto dopo dicendomi “Prego, si accomodi…ma non stia molto“.
Come “si accomodi”????? mica gli volevo parlargli, ma chissà perchè qualcosa o forse “qualcuno” (che si chiama Cinzia ndr) mi disse “vai” e così feci. Avevo 15 metri di corridoio di “tempo” per pensare a qualcosa di intelligente da dire. Non molti. Non so se la scelta fu felice ma entrando in camera esordii con un “Scusaci Marco ma non tutti i torinesi guidano così sai…“. Lui e Secchiari (compagno d’incidente e di stanza) sorrisero e da lì partì una chiacchierata simpatica e spontanea di cui ricordo ancora oggi attimo per attimo, sguardo per sguardo. Ricordo soprattutto la preoccupazione e la paura che in quel momento c’era in lui non tanto per il ritornare ad una vita da atleta, ma prima di tutto quella di non poter più camminare. Parlammo a lungo della sua fortuna nella sfortuna di vivere in Emilia, terra che a livello sanitario ha nulla da invidiare a nessuno. Ne parlavo visto che avevo vissuto l’esperienza di mio fratello, al Rizzoli prima e a Modena dopo e mi congedai con un “ci vediamo in cima alla prossima vetta Campione!
Da quel giorno non ebbi più tempo e modo di andarlo ad aspettare di persona in cima alle vette sulle quali è scollinato. E ne ha superate tante. Riuscii solo a seguire in tv le sue gesta, la sua perenne rincorsa alla sfiga, la sua ascesa e (senza voler entrare in inutili polemiche) la sua ‘forzata’ caduta del 5 giugno 1999.
Mi ritengo una persona abbastanza obiettiva e dotata di un buon sesto senso e continuo a credere a quegli occhi che guardai seppur pochi minuti ma intensamente. Mi diedero l’idea di una persona che faceva della determinazione e della testardaggine (in senso buono intendo) il suo vero doping.
Inutile dire che da allora di gare di ciclismo ne ho seguite ancora molte (pressochè tutte perchè amo gli sport di fatica) ma, spero nessuno si offenda, se confesso che… non è più “lo stesso sport”!? E non vado oltre.

Ci manchi Marco e so che non è nulla, ma sappi che in questo giorno, in questo blog ci sarà sempre un piccolo pensiero per te.

Ciao PIRATA!

[tags]sport, ciclismo, pantani,personale[/tags]

Segui il blog via email:

Visita il sito ufficiale
Inserisci il tuo indirizzo email:


Questo blog è
Leggi il post
clicca sul logo
per saperne di più
Questo blog sostiene:
Mi trovi anche su:
Le mie foto su Flickr
Nuovi ospiti nelle acque della città... Billy versione 'spia' header Tramonto triestino     
Premi e Riconoscimenti

In classifica
Tra i primi 10
Uno dei più belli
sito internet

Secondo classificato come

nei prossimi anni non ho intenzione di partecipare al concorso quindi il secondo posto è libero


Premio D eci e Lode
da Giorgia, Sara, Simona, Kit Jr. e Chiara

Thinking Blogger Awards
da Pibua, Giuseppe T. e UMI

foca.jpg
da Sciura Pina e Paola

Premio Symbelmine
da Silvia

logo del premio
da Ed, Giangidoe, Pibua, IvanSantoro, Guccia, Weblogin e Anna

logo del premio
da La Tela di Aracne, Nido di Scricciolo, Synnovea e Serendipity

logo del premio
da Occhidigiada

logo del premio
da Elle, NadiaFlavio, SERENdipity, Dolcelei, Sciura Pina e Oscar

Con molto orgoglio…