Categorie
Archivi

Articoli marcati con tag ‘curiosità’

Italia e Ucraina viste dal web

Come molti di voi sapranno il prossimo 8 giugno prenderà il via in Ucraina e Polonia la 14ª edizione dei campionati europei di calcio e da qualche giorno è in corso una polemica tra Olanda ed Ucraina per questo spot della NLE (compagnia energetica olandese, sponsor della federazione) che… vabbè, guardate voi stessi:

Leggi il resto di questo articolo »

Una motivazione per scioperare che mette tutti d’accordo

E’ un gran parlare, come spesso accade in Italia, sull’opportunità o meno di protestare attraverso lo strumento dello sciopero nei confronti del governo e della manovra che sta varando per cercare di combattere una crisi che non c’era.

Personalmente ritengo che più e prima della forma di ogni protesta occorra andare a vedere le motivazioni dello stesso, motivazioni che leggendo i giornali sembrano più che valide visto che a prendersela nello sgniao saranno i soliti noti (ovvero noi ceto che ha scoperto di essere sotto la media, perchè almeno io 90.000 di reddito non li porto a casa ndr). E’ altresì vero che questo esecutivo ci ha abituato a presentare bozze di leggi e decreti salvo poi, in base alle reazioni ed agli umori dell’elettorato, cambiarne contenuti prima della discussione (quando hanno avuto la cortesia di permetterla) in Parlamento.

Leggi il resto di questo articolo »

Alla ricerca del fiume nascosto!

Può capitare e forse sarà già capitato anche a voi, che crescendo nella vita ci si abitui così tanto a certe realtà che, con l’andar del tempo, si corra il rischio  di  considerarle scontate, di non dargli più la giusta importanza.
Può così capitare come nel mio caso di crescere in una zona come quella del Carso, che magari presenta anche delle caratteristiche se non uniche per lo meno ‘originali’, di studiare (volente o nolente) gran parte di questi fenomeni  perché ai miei tempi geografia e storia del luogo si studiavano ancora,  salvo poi crescendo, complice il fatto che uno si ritrova a passarci davanti quasi ogni giorno magari immerso nei propri pensieri, non vedere più quelle realtà con la curiosità e la sete di sapere che si aveva da bambini.

Leggi il resto di questo articolo »

Offerte di lavoro ministeriali: burla o cos’altro?

Visto il particolare periodo storico-economico, ritrovarsi con un lavoro è già cosa importante, guardarsi attorno è tuttavia sempre vivamente consigliato. Curiosando qua e là, alla faccia di chi dice che questo esecutivo non pensa a nuove opportunità di lavoro, mi sono imbattuto nella sezione “offerte di lavoro” del sito della Cooperazione Italiana allo sviluppo, sito gestito dal Ministero degli affari esteri.

Devono essere stati un po’ impegnati nella corrispondenza con la governance di Santa Lucia e probabilmente non hanno trovato il tempo per aggiornare la pagine delle opportunità professionali in essere, se una di queste è la seguente

Leggi il resto di questo articolo »

Jeferson Camillo ovvero il Fausto Papetti della politica

In base al famoso detto secondo il quale “Tira più un pel di fi*a che un carro di buoi in salita”, sempre più frequentemente negli ultimi anni è capitato di incontrare nelle varie pubblicità immagini di nudi più o meno espliciti, doppi sensi o allusioni sessuali. D’altra parte dall’esperienza del passato è stato tramandato chiaro e nitido il messaggio che “bene o male ma l’importante è che se ne parli”. Uno dei precursori (forse inconsapevole) di questo binomio eros-pubblicità è stato a mio avviso Fausto Papetti.

Questo blog raccoglie lettori di varia età e a questo punto mi immagino l’espressione divertita (spero ndr) dei più “anziani” e quella della serie “che pupazzo dici?” dei più giovani. Bè, chi è stato Fausto Papetti lo potete scoprire facilmente cliccando sul link; io posso dirvi come mai tanti della mia generazione lo ricordano ovvero per il fatto che negli anni 70-80 era uno dei pochi insieme al catalogo Postal Market-pagina dell’intimo, che utilizzava per le copertine dei suoi dischi immagini di nudo. E non credo d’esser l’unico a ricordarlo per questo piuttosto che per i suoi brani… E ad onor del vero pare abbia venduto anche parecchio in quegli anni grazie alla sua musica (che peraltro non conosco e non posso giudicare) ma anche sicuramente a qualche tetta e qualche chiappa che non guastano mai.

Leggi il resto di questo articolo »

Paese che vai, legge strana che trovi – 3a parte

Sono passati ormai tre anni dalle precedenti raccolte e siccome la legge non ammette ignoranza (semmai subisce quella di alcuni legislatori) aggiorno la carrellata di castronerie legislative dal mondo raccolte qua e la in rete. Patria del delirio legislativo si confermano gli States dove la legge ha un suo valore e si legifera su tutto pur di sgomberare il campo da ogni dubbio sui confini della legalità.

Negli Usa si fa sempre molta attenzione sul tema della sicurezza stradale, così in California una legge vieta alle donne di guidare un’autovettura in vestaglia (sono ammessi bigodini e cotone tra le unghie) mentre in Alabama pare non sia possibile in auto fare manovra bendati. Restando negli Usa e nel ramo auto, in Arizona segnalano il divieto di amoreggiare in auto se la stessa ha un pneumatico sgonfio; in questo caso se sorpresi sul sedile posteriore con (attenzione!) macchina in movimento la multa è di 50U$D la prima volta, poi, in perfetto stile-Equitalia, la stessa passa a 100 la seconda, 150 la terza e così via; se invece si tuba sui sedili anteriori con macchina parcheggiata la sanzione è di 25 dollari fissi! Sempre in tema di love & car, guai a San Francisco indossare biancheria precedentemente impiegata per pulire l’automobile in un autolavaggio. In Florida è fatto divieto assoluto di avere rapporti sessuali con porcospini mentre è possibile parcheggiare un elefante pagando però una tariffa pari a quella delle autovetture. In Alaska, per la precisione a Fairbanks, le alci non possono avere rapporti sessuali nelle strade cittadine ed è severamente vietato offrire birre alle alci. In Wyoming vige la regola del ‘respect the rabbit’, infatti guai fotografare i conigli nel mese di giugno mese dell’accoppiamento, giusto lasciarli tubare in santa pace, approvo! In Georgia non si può camminare con un cono gelato infilato nella tasca posteriore dei pantaloni la domenica mentre a  Chicago è illegale mangiare in un luogo  che sta andando a fuoco (forse bastava caldamente sconsigliarlo!).

Leggi il resto di questo articolo »

AAA lavoro offresi in periodo di crisi

Quando si parla “diritti dei lavoratori” (ma se ne parla ancora? ndr) forse Pomigliano altro non è che la punta di iceberg chiamato crisi che da tempo li ha schiacciati. La foto che vedete sotto è stata scattata a Trieste e decidete voi se ridere o piangere. Io come sempre mi sforzo di vedere il lato “comico


(clicca sull’immagine per ingrandirla)

[foto gentilmente concessa da Sara & Eccio]


Unpostupido ma forse divertente

Scusate ma sono stato preso da altri impegni in questi giorni ed in tema di attualità mi trovo leggermente impreparato quindi parleremo un po’ di teorie e di scienza, chiaramente con la conoscenza e nei termini in cui potreste aspettarvi su  un blog come questo. Quindi, niente di troppo scientifico ma solo uno “spunto di riflessione” e,  perché no, magari di un sorriso infatti parliamo di gatti, burro e moto perpetuo.

Quella di cui voglio parlare oggi è una delle teorie riguardanti il moto perpetuo, ad essere più precisi quella del ‘ motore a gatto imburrato‘.

Leggi il resto di questo articolo »

Siamo un popolo senza libertà

556 o 156, dipende dalle fonti, comunque sempre troppi mi pare. No, non sono la sigle dei nuovi modelli dell’Alfa Romeo ma è il numero dei divieti emessi tramite ordinanza dai sindaci d’Italia per quest’estate. La fonte dell’articolo, ripresa poi da vari quotidiani, pare sia il Secolo d’Italia e avrei tanto voluto leggere l’articolo originale ma se si prova ad accedere al sito… bè provate anche voi. Da quel che ho appreso però il panorama dei divieti è ricco.

A Voghera ad esempio è vietato sedersi sulle panchine dopo le 23 in più di 3 persone mentre a Viareggio ci si può sedere a qualsiasi ora ma (giustamente!) non ci si possono poggiare i piedi sopra. Mi chiedo se serva fare un’ordinanza o basti un po’ d’educazione per tutto questo…

Se vi capita di avere irresistibilmente fame attenzione a dove siete. A Trapani per esempio dopo mezzanotte niente chiacchiere mangiando un gelato, a Roma niente consumazione di cibo davanti la fontana di Trevi mentre a Venezia divieto assoluto di consumare alimenti e/o bevande sui gradini dei monumenti. Non si sa bene se ad arrabbiarsi siano state fontana e gradini o i locali in zona ma tant’è!?

Leggi il resto di questo articolo »

Bentornata ora legale

Da questa notte è ufficialmente tornata in vigore l’ora estiva, più comunemente definita ora legale.

Per primo pensò a questa soluzione nel 1784 Benjamin Franklin ma non ottenne molto successo. L’idea venne successivamente ripresa nel 1907 da William Willet, inglese, che dopo 10 anni di battaglie nel 1916 riuscì a farla approvare dalla Camera dei Comuni con la definizione di “British Summer Time” . Essendo quello periodo di guerre ed essendo considerato il risparmio energetico una priorità quest’esempio fu seguito a ruota da molti altri paesi. In Italia fu adottata per la prima volta nel 1916, poi abbandonata e ripresa più volte fino alla definitiva adozione a partire dall’anno 1996 quando si stabilì di prolungarne ulteriormente la durata dall’ultima domenica di marzo all’ultima di ottobre. In molti Paesi della Comunità Europea l’adozione dell’ora legale è armonizzata da anni, nonostante molte polemiche di alcuni stati membri. Nel resto del mondo invece non sono in vigore le stesse regole e nemmeno l’ora legale stessa è comunemente utilizzata.

Nell’immagine qui sotto possiamo meglio vedere le regioni che utilizzano l’ora legale, le regioni che utilizzavano l’ora legale e quelle che non hanno mai utilizzato l’ora legale:

 oralegale.jpg
(clicca sulla foto per vederla)

I vantaggi sono riconducibili ad una diminuzione dei consumi di energia elettrica quantificati (per l’Italia) attorno ai 655.000 MWh annui, pari a circa 83 milioni di Euro. Qualche piccolo vantaggio deve sicuramente portarlo visto che dal 2005 gli Stati Uniti applicano questo sistema con due settimane di anticipo rispetto all’Europa. Di contro ci sono le teorie di una parte dei medici che paragonano il cambio dell’ora ed i suoi scompensi per l’organismo a quelli dell’effetto Jet-Lag di cambio del fuso orario.

Io non sono nè scienziato nè medico quindi parlo in base a sensazione e non a dati scientifici ma, potessi, l’adotterei tutto l’anno e voi?

Fonte: Wikipedia

 

Segui il blog via email:

Visita il sito ufficiale
Inserisci il tuo indirizzo email:


Questo blog è
Leggi il post
clicca sul logo
per saperne di più
Questo blog sostiene:
Mi trovi anche su:
Le mie foto su Flickr
Nuovi ospiti nelle acque della città... Billy versione 'spia' header Tramonto triestino     
Premi e Riconoscimenti

In classifica
Tra i primi 10
Uno dei più belli
sito internet

Secondo classificato come

nei prossimi anni non ho intenzione di partecipare al concorso quindi il secondo posto è libero


Premio D eci e Lode
da Giorgia, Sara, Simona, Kit Jr. e Chiara

Thinking Blogger Awards
da Pibua, Giuseppe T. e UMI

foca.jpg
da Sciura Pina e Paola

Premio Symbelmine
da Silvia

logo del premio
da Ed, Giangidoe, Pibua, IvanSantoro, Guccia, Weblogin e Anna

logo del premio
da La Tela di Aracne, Nido di Scricciolo, Synnovea e Serendipity

logo del premio
da Occhidigiada

logo del premio
da Elle, NadiaFlavio, SERENdipity, Dolcelei, Sciura Pina e Oscar

Con molto orgoglio…