Categorie
Archivi

Articoli marcati con tag ‘donne’

Don Corsi e ricorsi storici (per non dimenticare)

Nel 1975 l’Italia fu scossa da un increscioso fatto di cronaca, il Massacro del Circeo, uno stupro in cui perse la vita Rosaria Lopez e si salvò (fingendosi morta) Donatella Colasanti.

Nel 1978 ebbe luogo a  Roma il processo in cui erano imputati Andrea Ghira, Angelo Izzo e Gianni Guido. Un processo (parole di coloro che furono presenti in aula), “a tratti surreale” che venne trasmesso anche dalla Rai e nel corso del quale, come ricordò l’avvocato Tina Agostena Bassi qualche anno fa, emerse chiaramente che:

la trasmissione in tv del processo fu scioccante perché si rendeva visibile come gli avvocati difensori potevano essere altrettanto violenti degli stupratori nei confronti delle donne, inquisendo sui dettagli della violenza e sulla vita privata della parte lesa, trasformandola in imputato: l’atteggiamento mentale che emergeva in aula era che una donna “di buoni costumi” non poteva essere violentata; che se c’era stata una violenza, questa doveva evidentemente essere stata provocata da un atteggiamento sconveniente da parte della donna; che se non c’era una dimostrazione di avvenuta violenza fisica o di ribellione, la vittima doveva essere consenziente

Ci volle tempo, tante proteste, tante altre vittime e tanto tanto lavoro per non permettere a quest’atteggiamento di dilagare.Ed é per questo non si può e non si deve permettere a NESSUNO in assoluto e di riproporre anche solo per una svista l’ombra di un pensiero così vile e vigliacco!

Per chi non l’avesse capito mi riferisco al volantino affisso dal parroco di Lerici, tale Don Piero Corsi, qualche giorno fa e di cui per completezza vi copio-e-incollo qui di seguito il testo:

Leggi il resto di questo articolo »

Speriamo l’indignazione duri anche a San Valentino

Come molti di voi sanno, oggi, è la giornata in cui le donne scenderanno in piazza per… credo per sfinimento , per saturazione mediatica di un’immagine di se stessa spesso relegata ad oggetto o strumento più che a persona. Ed è curioso  che gli eventi abbiano fatto scegliere per questa giornata il giorno prima di San Valentino, festa degli innamorati. Ma andiamo per ordine.

Leggendo e ascoltando i media pare che oggi, buona parte delle donne, sfilerà nei cortei e seguirà nelle varie piazze, gli  appuntamenti organizzati in questa manifestazione che prende il titolo di ‘un urlo per difendere la dignità‘.  Manifestazione giusta, sbagliata? Ognuno può pensarla come vuole, personalmente ritengo ogni manifestazione civile giusta, anche se mi avvalgo della facoltà di non condividerne magari modi e finalità. Quello che mi preme come sempre  è più che altro vedere una consecutio logica tra pensieri e comportamenti, quindi  ben vengano manifestazioni di questo tipo anche se  quest’atteggiamento mi piacerebbe tanto tanto durasse nel tempo, non necessariamente a lungo, magari anche solo fino a domani.

Leggi il resto di questo articolo »

Evoluzione o INvoluzione femminile?

Le donne degli anni 1970-80 sfilavano così:

femministe

Le donne degli anni 2008-09 sfilano così:

donne2009

Tante di quelle donne che hanno sfilato e lottato negli anni ’70 e hanno portato queste giovin donzelle del duemila a “far visita” al leader libico Gheddafi probabilmente oggi non sono più tra noi (e si vede!), ma sicuro che si sarebbero incazzate e non poco.
Perchè dico questo? Perchè non ho sentito o letto nulla a riguardo, tant’è che questa che vedete nella foto è la seconda serata (evidentemente nella prima non erano state soddisfatte tutte le richieste).

Mi sfugge qualcosa o forse i tempi sono veramente cambiati?


Non sempre è reato picchiare la moglie

Non sempre è reato picchiare la moglie se la lite tra i coniugi nasce da una discussione per questioni religiose.

Con una sentenza la Corte di Cassazione ha infatti dichiarato inammissibile il ricorso presentato contro l’assoluzione di un uomo che aveva avuto ripetuti diverbi con la moglie, testimone di Geova, in merito all’educazione dei figli. In particolare secondo la Corte i provati episodi di percosse da parte dell’uomo non erano riconducibili a un’unica intenzione criminosa di ledere sistematicamente l’integrità fisica e morale della congiunta al fine di avvilirla e di sopraffarla, ma erano espressioni reattive a una situazione di reciproche malversazioni e di disagio familiare, il che escludeva la sussistenza del dolo di maltrattamenti.

Link alla notizia

Mai avrei pensato di dover postare una notizia del genere, semmai l’avrei “immaginata” nella categoria ‘Notizie buffe, strane ma vere’ e invece… bè, da grande, colorato, bizzarro Paese quale siamo, abbiamo partorito anche questa chicca giuridica. Non male in un periodo in cui si cerca o almeno si dovrebbe farlo, di sradicare la violenza, il bullismo, etc.

Una sentenza di questo tipo mi sembra veramente in linea con il sentimento comune, complimenti!

 

Segui il blog via email:

Visita il sito ufficiale
Inserisci il tuo indirizzo email:


Questo blog è
Leggi il post
clicca sul logo
per saperne di più
Questo blog sostiene:
Mi trovi anche su:
Le mie foto su Flickr
Nuovi ospiti nelle acque della città... Billy versione 'spia' header Tramonto triestino     
Premi e Riconoscimenti

In classifica
Tra i primi 10
Uno dei più belli
sito internet

Secondo classificato come

nei prossimi anni non ho intenzione di partecipare al concorso quindi il secondo posto è libero


Premio D eci e Lode
da Giorgia, Sara, Simona, Kit Jr. e Chiara

Thinking Blogger Awards
da Pibua, Giuseppe T. e UMI

foca.jpg
da Sciura Pina e Paola

Premio Symbelmine
da Silvia

logo del premio
da Ed, Giangidoe, Pibua, IvanSantoro, Guccia, Weblogin e Anna

logo del premio
da La Tela di Aracne, Nido di Scricciolo, Synnovea e Serendipity

logo del premio
da Occhidigiada

logo del premio
da Elle, NadiaFlavio, SERENdipity, Dolcelei, Sciura Pina e Oscar

Con molto orgoglio…