Categorie
Archivi

Articoli marcati con tag ‘fascismo’

Primo maggio di…

Di memoria per i tanti, sempre troppi morti sul lavoro. Primo maggio con il pensiero sempre vivo per i fratelli abruzzesi. Primo maggio con il ricordo e per non dimenticare Nicola Tommasoli e il vile suo assassinio di un anno fa a Verona da parte dei soliti (ex) “ragazzi perbene”. Qualcuno ha fatto di tutto perchè dimenticassimo questa vicenda, perchè dimenticassimo che il problema del razzismo c’è ed è ancora terribilmente attuale, perchè che se ne dica una bandiera bruciata non vale come una vita umana!

Purtroppo non sono a Verona e non riuscirò ad esserci ma per chi potesse esserci segnalo questa manifestazione:

Link al sito della manifestazione

Riuscire a fare si che tutto ciò non accada più, ecco il lavoro che ognuno di noi dovrebbe fare, ecco le  vere grandi opere che ci aspettano. Altro che ponti e gallerie!

Buon primo maggio a tutti.

[tags]italia,verona,nicola tommasoli,politica interna,fascismo,primo maggio[/tags]

Aguzzate la vista

A frequentare le home page dei media il rischio di confondersi un po’ c’è…


Quelli che… guidano il Paese

Sono anche quelli che…

  • vietano canzoni partigiane come ‘Bella Ciao’ perchè istiga alla violenza;
  • quelli che a parole sono per la legalità e politicamente hanno le idee chiare, magari poco condivisibili ma (a loro avviso) chiare;
  • quelli che in campagna elettorale dicevano “la sicurezza prima di tutto” (forse intendevano solo la loro però);
  • quelli che definiscono “marginali” rispetto al problema dell’immigrazione e della sicurezza, episodi come quelli di Verona (Roberto Castelli, Lega Nord, GR2 ore 7.30);
  • quelli che dopo aver detto una minchiata del genere poi diventano ministri;
  • quelli che si dimenticano che QUALSIASI vita, NON E’ MAI MARGINALE!
  • quelli che le forze dell’ordine ed i servizi segreti li tenevano d’occhio da tempo e avvisano: “colpiranno di nuovo“;
  • quelli che nonostante questo il sindaco parla di “episodi isolati“;
  • quelli che sono uniti e coesi su tutti i temi del programma elettorale, compresa la Turchia (il premier dice ‘Si, loro dicono ‘No’) e l’allargamento base Nato di Vicenza;
  • quelli che se succede qualcosa di brutto poi si dice sempre  “non li conoscevamo” (alla faccia del “cameratismo”!);
  • quelli che le confessioni degli arrestati dicono tutt’altro!
  • quelli che dicono e pubblicano bannerini con su scritto “No all’aborto”  perchè ci pensano in prima persona alla ‘selezione naturale’;
  • quelli che per un’intera legislatura, ci hanno rotto i coglioni con il pericolo anarco-insurrezionalista;
  • quelli che se gli autori di questo pestaggio fossero stati di sinistra, con l’aria che tira di questi tempi, ripristinavano la pena di morte;
  • quelli che hanno il culo che tra poco i media si dimenticheranno di loro mentre del G8 se ne (stra)parla ancora;
  • quelli che l’Italia, con le ultime elezioni, gli ha affidato il rilancio del Paese;
  • quelli che la vicinanza con l’unto del Signore li ha redenti ma evidentemente non così tanto come vogliono farci credere!

Ore 19.27: ringrazio Mary per questa preziosa segnalazione che mi ha tolto il dubbio forse di aver esagerato.

 

Le nuove verità storiche

Ebbene si, confesso di essere uno di coloro che guarda spesso e volentieri il canale tematico History Channel. Lo trovo uno dei quei pochi angoli di televisione dai quali è ancora possibile attingere qualche informazione utile che non sia solo relativa alle misure di questa o quella vip.

Il documentario di ieri l’ho seguito volentieri perché in un certo senso è d’attualità (purtroppo). Aveva come protagonista Mussolini e ne ripercorreva i passi principali dalla sua ascesa al potere fino alla sua morte. Avvenuta “insieme alla sua amante Claretta Petacci furono fucilati a Milano da una folla inferocita, impiccati per i piedi ed esposti al mondo” così recitava il documentario ed il promo della puntata. Insomma, se non un martire poco ci manca. Eppure qualcosa nonostante la tarda ora non mi quadrava, Mussolini e il fascismo erano stati anche argomento del mio colloquio di maturità, mi ricordavo esattamente di Dongo (che all’epoca confondevo spesso con Congo ma questa è un’altra storia!) dove lo stesso era stato catturato assieme alla sua compagna durante la fuga. E lì la mia memoria “posizionava” storicamente l’uccisione, l’esposizione pubblica dei corpi in piazzale Loreto me la ricordavo solo come “restituzione” del fatto che poco tempo prima a quelle corde lo stesso Mussolini aveva appeso i corpi di alcuni partigiani.

Ieri sera era poi era tardi, non avevo nè tempo nè voglia di andare a verificare quanto ascoltato. Tra l’altro la fonte è anche solitamente precisa ed autorevole quindi mi sembrava una perdita di tempo mettere in discussione quanto sentito. Stamattina però è un altro giorno, avevo tempo e voglia, ho verificato e posso con ragionevole certezza dire (anche se con i tempi che corrono forse sarebbe meglio evitarlo) che le possibilità sono due: o  History Channel ha detto una mirabolante cazzata storica oppure qualcuno è già a buon punto con il suo lavoro!

p.s. ore 10: poco fa ho dato un’occhiata al quotidiano ‘La Stampa’ e evidentemente Massimo Gramellini ed io ieri sera abbiamo avuto i medesimi pensieri. Ne sono onorato!


Segui il blog via email:

Visita il sito ufficiale
Inserisci il tuo indirizzo email:


Questo blog è
Leggi il post
clicca sul logo
per saperne di più
Questo blog sostiene:
Mi trovi anche su:
Le mie foto su Flickr
Nuovi ospiti nelle acque della città... Billy versione 'spia' header Tramonto triestino     
Premi e Riconoscimenti

In classifica
Tra i primi 10
Uno dei più belli
sito internet

Secondo classificato come

nei prossimi anni non ho intenzione di partecipare al concorso quindi il secondo posto è libero


Premio D eci e Lode
da Giorgia, Sara, Simona, Kit Jr. e Chiara

Thinking Blogger Awards
da Pibua, Giuseppe T. e UMI

foca.jpg
da Sciura Pina e Paola

Premio Symbelmine
da Silvia

logo del premio
da Ed, Giangidoe, Pibua, IvanSantoro, Guccia, Weblogin e Anna

logo del premio
da La Tela di Aracne, Nido di Scricciolo, Synnovea e Serendipity

logo del premio
da Occhidigiada

logo del premio
da Elle, NadiaFlavio, SERENdipity, Dolcelei, Sciura Pina e Oscar

Con molto orgoglio…