Categorie
Archivi

Articoli marcati con tag ‘film’

Per la nostra povera Italia é già ieri!

Ennesima tornata elettorale conclusa con la stessa legge elettorale che dal 2005 stabilisce le regole del voto e assicura (tolti casi che confermano la regola) e quindi senza un chiaro vincitore ma un certo e sicuro perdente ovvero noi! (‘noi’ inteso come cittadini in genere ndr)

Ci sei rimasto male che ha vinto Grillo vero? [domanda ricevuta su twitter]

NO, per nulla! Non l’ho votato, non credo lo voterò in futuro non tanto per quel che dice ma per com’è e come gestisce il tutto. Mi fa piacere che ‘volti nuovi’  e nuove idee si affaccino in politica, ben vengano entrambi. Meno bene venga uno che mi fa tornare in mente le parole che un grande giornalista aveva usato per un altro “politico” per necessità altrui (a suo dire):

Io voglio che vinca, faccio voti e faccio fioretti alla Madonna perché lui vinca, in modo che gli italiani vedano chi è questo signore. Berlusconi è una malattia che si cura soltanto con il vaccino, con una bella iniezione di Berlusconi a Palazzo Chigi, Berlusconi anche al Quirinale, Berlusconi dove vuole, Berlusconi al Vaticano. Soltanto dopo saremo immuni. L’immunità che si ottiene col vaccino.

[Indro Montanelli, 2 marzo 2001]

Abbiamo visto com’è andata e ventanni non sono bastati al Paese a produrre un vaccino adeguato, altri venti di tempo spiacenti ma non li abbiamo.

Staremo a vedere cosa succederà intanto non vi nascondo che mi sembra di esser finito in questo film qui:

Leggi il resto di questo articolo »

Cavallotto: del tuo consiglio me ne F…Fate voi la rima!

Ho sempre pensato che il vero compito della politica e dei politici (ma esisteranno ancora? ndr) sia quello di pensare al bene delle persone più che al resto. Eppure vi confesso che dopo l’ultima sparata di Davide Cavallotto qualche dubbio mi è venuto. Ma chi è costui e cos’ha combinato per meritarsi una menzione? Costui altro non è che [riporto dal suo blog] un ” deputato della XVI legislatura, componente della commissione Cultura, scienza e istruzione, risultando il più giovane parlamentare del Piemonte” che, sulla falsariga di quanto dichiarato tempo fa dall’uomo, che a sorpresa ho scoperto non essere più gente come Raul Bova o Luca Argentero, più ‘affascinante’ d’Italia se n’è uscito con la seguente dichiarazione relativamente al film sul Vallanzasca:

«Il mio compito – spiega Cavallotto – è di occuparmi dei messaggi che vengono trasmessi alle giovani generazioni e come parlamentare ho il dovere di denunciare comportamenti che ritengo ingiusti e offensivi della dignità altrui. Non sarà certo un regista a dirmi quali dichiarazioni posso rilasciare o di cosa mi devo occupare … Dopo aver pubblicizzato la mafia in tutto il mondo e reso celebre da Nord a Sud la sanguinaria Banda della Magliana di Roma, non ancora soddisfatto il cattivo maestro Michele Placido è salito in cattedra per elevare a eroe lo spietato assassino Renato Vallanzasca. Utilizzare giovani e affascinanti attori allo scopo di sdoganare l’immagine di personaggi che dovrebbero cadere nell’oblio per i crimini commessi è un insulto alla memoria delle vittime e una crudeltà verso i loro parenti».

Mi complimento con Lei Onorevole!?!
Avrei voluto farlo sul suo “blog” ma come spesso accade le possibilità di interazione con i siti/blog dei politici sono ridotti a zero. Quindi non mi rimane che farlo da queste righe e, così come avrei voluto fare pubblicamente chiederle: scusi, ma dov’era, Lei, quando alla scuola di Adro è stata lesa la dignità altrui? O forse la S.V. ci sta insegnando che esistono ‘dignità‘ di serie A e di serie B?

Leggi il resto di questo articolo »

Meglio qualche giorno da pecora che…

Meglio qualche giorno da pecora che qualche anno da carcerato. Questo, ed è impossibile dargli torto, è quello che hanno pensato

due rapinatori argentini, Maximiliano Pereyra e Ariel Diaz, di 25 e 28 anni, che dopo essere evasi da un carcere di massima sicurezza si sottraggono da una settimana alla cattura travestiti da pecore. Malgrado un’imponente caccia all’uomo che impegna oltre 300 agenti, i due continuano a muoversi liberamente nelle campagne circostanti la prigione mescolandosi ai greggi. Secondo i residenti della zona che li hanno visti, mascherano le proprie fattezze con velli e teste di ovini sottratti da un ranch locale. Una fonte della polizia avrebbe dichiarato che distinguere gli evasi in mezzo a migliaia di pecore è “praticamente impossibile”, ma assicura che la cattura è inevitabile.(fonte notizia)

E, mente malata?, perdonatemi ma ho pensato immediatamente ad una delle scene di uno delle mie pellicole cul(t) perchè… chissà che alla fine non vada proprio a finire così per i due fuggiaschi in questo caso in versione mucca:

Leggi il resto di questo articolo »

Trieste città di matti ma anche di films

Come molti di voi sapranno vivo a Trieste, splendida e tranquilla cittadina sul mare che, tra gli altri accadimenti storici, dopo la metà del secolo scorso è stata sede dell’attività dello psichiatra Franco Basaglia che portò alla promulgazione nel 1978 della Legge 180 che “impose la chiusura dei manicomi e regolamentò il trattamento sanitario obbligatorio, istituendo i servizi di igiene mentale pubblici.”

R2-D2 alias C1-P8Anche per questo motivo la scorsa settimana quando andando a lavorare mi sono imbattuto in piazzetta Verdi in un clone di R2-D2 alias C1-P8 di Guerre Stellari non mi sono stupito più di molto. Si, mi sono stropicciato gli occhi, mi sono guardato con fare sospetto attorno, per un momento ho anche pensato anche che in Piazza San Marco a Venezia i legaioli anni fa fecero irruzione con un carro armato di cartone, insomma rapidamente le ho pensate un po’ tutte. Dopo un consulto tra me e me conclusosi con votazione ad unanimità, ho deciso comunque di far finta di nulla e proseguire la mia via crucis verso il posto di lavoro.

Munnezza in piazzetta Verdi?Sono salito in ufficio, ho aperto come tutte le mattine le finestre su Piazzetta Verdi per il solito cambio d’aria (azione da cui le donne delle pulizie si guardano bene!) e con non meno stupore ho visto un bel cumulo di rifiuti davanti al più noto Teatro cittadino. “c’è qualcosa che non va?” mi son detto. In questo periodo Trieste è meta di parecchie scolaresche, qualche giorno prima un ragazzo campano mi aveva anche chiesto dov’era possibile mangiare una “buona pizza vera!” quasi ne avesse comprensibile nostalgia. Ma nessuno, per quanto abituato e assuefatto, può aver nostalgia di rifiuti in giro per la città che lo facciano sentire più a suo agio vero?!

Galeazzo SindacoMa il momento clou, il momento del dubbio sarebbe arrivato pochi secondi dopo quando girando lo sguardo ho notato l’ennesima stranezza. Nonostante il termine della campagna elettorale, infatti era presente anche un camper, come tanti altri che hanno riempito le nostre città nelle passate settimane, che invitava a votare un tale GALEAZZO come sindaco e promuoveva il suo sito. Inutile dire che cercando lo stesso sul web appariva il messaggio “Pagina non trovata” il che, messo assieme al fatto che il PPI è defunto dal 2002, ha alimentato le mie perplessità.

Siccome Agatha Christie scriveva spesso che “una coincidenza è una coincidenza; due coincidenze sono un indizio; tre coincidenze rassomigliano ad una prova” quindi mi sono messo alla ricerca di una giustificazione fondata e credibile al tutto ed alla fine l’ho trovata. Non si trattava nè di allucinazioni, nè di manie di persecuzione del Chit nè tantomeno di una candid camera; è solamente uno dei set del film “Diverso da chi?“. E non ditemi che voi l’avevate capito subito!?!

[tags]trieste, cinema, claudia gerini, luca argentero, diverso da chi?[/tags]

Segui il blog via email:

Visita il sito ufficiale
Inserisci il tuo indirizzo email:


Questo blog è
Leggi il post
clicca sul logo
per saperne di più
Questo blog sostiene:
Mi trovi anche su:
Le mie foto su Flickr
Nuovi ospiti nelle acque della città... Billy versione 'spia' header Tramonto triestino     
Premi e Riconoscimenti

In classifica
Tra i primi 10
Uno dei più belli
sito internet

Secondo classificato come

nei prossimi anni non ho intenzione di partecipare al concorso quindi il secondo posto è libero


Premio D eci e Lode
da Giorgia, Sara, Simona, Kit Jr. e Chiara

Thinking Blogger Awards
da Pibua, Giuseppe T. e UMI

foca.jpg
da Sciura Pina e Paola

Premio Symbelmine
da Silvia

logo del premio
da Ed, Giangidoe, Pibua, IvanSantoro, Guccia, Weblogin e Anna

logo del premio
da La Tela di Aracne, Nido di Scricciolo, Synnovea e Serendipity

logo del premio
da Occhidigiada

logo del premio
da Elle, NadiaFlavio, SERENdipity, Dolcelei, Sciura Pina e Oscar

Con molto orgoglio…