Categorie
Archivi

Articoli marcati con tag ‘firenze’

L’occasione fa l’uomo ladro ma…

Tempi difficili questi, per molti aspetti e tra questi sicuramente quello dell’autosufficienza economica è quello che preoccupale persone.

Così la maggior parte delle persone finisce per ingeniarsi ed inventarsi un “lavoro” e quello del ladro è giocoforza uno dei più ambiti anche se, come gli esempi qui sotto evidenziano, non sempre con ottimi risultati.

Succede così che un 41enne in quel di Sassuolo si è dilettato nel furto di un autoradio. Peccato che, nella foga dell’operazione, lo stesso abbia “perso” il suo portafogli nella macchina della derubata. [link alla notizia]
Risultato: catturato nel giro di poche ore.

Non è andata molto meglio Jonathan Huntley, 25 anni, di Charlotte (USA) che ha pensato “bene” (poi neanche molto) di dimenticare la sua maglietta personalizzata sul luogo del furto. [link alla notizia]
A sinistra la sua foto segnaletica, a destra la t-shirt “personalizzata” rinvenuta sul luogo del furto…

1734866381

Leggi il resto di questo articolo »

A Sandra non hanno stuprato il corpo ma la mente!

Tanto per sgombrare il campo da dubbi, alzi la mano chi di voi, chi più chi meno, non ha mai mentito da bambino per coprire qualche marachella?

Io, forse non l’avete visto, ma ne ho alzate due di mani (forse perchè le marachelle sono state numerose e le bugie di conseguenza) ma ho scoperto di non essere l’unico e, soprattutto, di non esser neanche quello che l’ha fatta o detta più grossa per pararsi il sederino.

Oggi parliamo di Sandra, una ragazza fino a qualche tempo fa sconosciuta ai più, da qualche giorno (sei per l’esattezza) un po’ meno sconosciuta a chi ha prestato attenzione agli ultimi accadimenti di cronaca.

Sandra è una ragazza di sedici anni, che ha studiato fino a pochi mesi fa (forse avesse continuato a farlo non era un male ndr), che adesso sogna un posto da barista e vive nella periferia di una grande metropoli ed è religiosa infatti [cito le sue risposte ad un’intervista pubblicata oggi su Repubblica]:

«…Si, come i miei. Andiamo in chiesa, siamo credenti, mi piace che in casa ci siano queste immagini (indica un quadro in cucina con il volto di Gesù)… Cerco di comportarmi onestamente, soprattutto per rispetto ai miei…»

Leggi il resto di questo articolo »

Contro Jersey Shore si scaglia the italian… (la rima fatela voi)

In attesa che la censura americana provveda a selezionare le (parole loro) atrocità che prossimamente con molta probabilità invaderanno i nostri schermi, ecco bella e pronta una nuova polemica italo-americana.

Oggetto del contendere, un reality dal titolo Jersey Shore, che non conoscevo assolutamente e per parlare del quale prendo a prestito (dandole per buone visto che non l’ho mai visto) le parole dell’articolo de ‘Il Corriere’: «Il famosissimo e controverso reality show è stato ambientato finora nelle coste del New Jersey e interpretato da giovani italo-americani di seconda e anche terza generazione. Il programma descrive la vita di ragazzi superpalestrati, tatuati, appassionati di birra e macchine e le loro storie con ragazze, anche loro di origine italiana, stratruccate, con tacchi a spillo e minigonna. Per il linguaggio spesso volgare, a tratti violento, la serie ha provocato nei mesi scorsi le proteste di molte associazioni italoamericane.»

Protagonista della protesta colei che da un po’, peraltro senza nessun rimpianto (almeno da parte mia), non appariva sui vari media ovvero quella nipote-famosa che porta il nome di Alessandra Mussolini. Lei, evidentemente, la serie la segue e la conosce perchè di fronte alla disponibilità di Firenze a far girare alcune puntate nel capoluogo fiorentino s’è mobilitata definendo l’iniziativa “deprimente“, minacciando perfino un’interrogazione parlamentare sulla vicenda per scongiurare l’arrivo delle truppe cinematografiche. E qui sarebbe il caso che qualcuno spiegasse alla suddetta che  ci sono ‘truppe’ e… truppe. Ma la sua reazione ha motivazioni ancora più profonde ovvero [cito testualmente l’agenzia]:

Leggi il resto di questo articolo »

Crisi ed improvvisazione: noi italiani abbiamo già dato!

In periodi di crisi economica come quello degli ultimi tempi la gente si ingegna come può per sfangarla e riuscire a portare a casa la pagnotta.

E’ di qualche mese fa la notizia dei falsi saloni di bellezza, di qualche settimana fa quella della scoperta di falsi dentisti, mentre oggi il menu ci propone da Firenze la scoperta di una casa di appuntamenti dove prestavano la loro opera casalinghe, donne con la pensione minima e disoccupate. Interrogate dagli inquirenti hanno confessato (vero o falso non sta a me dirlo) di non aver avuto scelta non avendo trovato altro metodo di sopravvivenza.

Leggi il resto di questo articolo »

Candidati: oggi parliamo di Donzelli e LI AVETE

Sono giorni che vorrei scrivere qualcosa per questo blog ma sinceramente il panorama dell’attualità è così deprimente che immancabilmente mi riprometto di farlo l’indomani nella speranza che giunga qualche buona nuova. Neanche oggi l’ho trovata quella che la Gabanelli a ‘Report’ definisce la Good News, ma sempre in tema di politica e elezioni ho trovato una notizia se non altro curiosa.

Premetto che non l’ho mai fatto di persona ma penso che organizzare una campagna elettorale non sia facile e l’imprevisto o l’inconveniente sono sempre dietro l’angolo. Occorre fare attenzione credo, ma sopratutto non dare mai nulla e quando dico nulla, intendo NULLA per scontato. Questo è un mio convincimento ‘generale’ e questo è quanto consiglio ai candidati amici dopo la lettura di quanto accaduto a Giovanni Donzelli, candidato del PdL a Firenze. Ebbene, secondo quanto riportato da alcune agenzie stampa:

Dovendo ordinare i biglietti elettorali (i cosiddetti ‘santini’) per i candidati al Quartiere 3 a una tipografia, il consigliere si è sentito chiedere dal tipografo quali fossero ”i nomi da mettere accanto al simbolo”.
Alla risposta di Donzelli ”Li avete”, il tipografo ha ben pensato di stampare 3000 copie del santino per il candidato ‘Li avete’.

L’AdnKronos sostiene che il candidato l’abbia presa con filosofia (e sarebbe corretto se le cose sono veramente andate in questo modo), altre fonti sostengono se la sia presa parecchio (con chi poi?!) e non intenda pagarli essendo inservibili. Ora il dilemma è: figura di cacchina o, in mancanza di una frequentazione della Noemi di turno, un modo come un altro per far parlare di se?

liavete

Approfitto di questo post sulla campagna elettorale per fare il mio personale in bocca al lupo a Franca Bassani (candidata sindaco per Agugliano) e Silvia Panero (candidata al comune di Druento). Auguri di cuore ed occhio ai ‘santini’… anche se conoscendole bene non penso ci vadano molto d’accordo?!

 

Segui il blog via email:

Visita il sito ufficiale
Inserisci il tuo indirizzo email:


Questo blog è
Leggi il post
clicca sul logo
per saperne di più
Questo blog sostiene:
Mi trovi anche su:
Le mie foto su Flickr
Nuovi ospiti nelle acque della città... Billy versione 'spia' header Tramonto triestino     
Premi e Riconoscimenti

In classifica
Tra i primi 10
Uno dei più belli
sito internet

Secondo classificato come

nei prossimi anni non ho intenzione di partecipare al concorso quindi il secondo posto è libero


Premio D eci e Lode
da Giorgia, Sara, Simona, Kit Jr. e Chiara

Thinking Blogger Awards
da Pibua, Giuseppe T. e UMI

foca.jpg
da Sciura Pina e Paola

Premio Symbelmine
da Silvia

logo del premio
da Ed, Giangidoe, Pibua, IvanSantoro, Guccia, Weblogin e Anna

logo del premio
da La Tela di Aracne, Nido di Scricciolo, Synnovea e Serendipity

logo del premio
da Occhidigiada

logo del premio
da Elle, NadiaFlavio, SERENdipity, Dolcelei, Sciura Pina e Oscar

Con molto orgoglio…