Categorie
Archivi

Articoli marcati con tag ‘giornalismo’

Raccolta di locandine e titoli di giornale divertenti

Raccolta di titoli di giornali e locandine dei quotidiani trovati in giro per strada e sul web, dove il risultato non è stato forse all’altezza delle speranze.
O forse si, dipende dall’obbiettivo che si voleva raggiungere; informare o divertire, questo l’eterno dubbio…

Comunque sia andata RINGRAZIAMOLI per queste “chicche” e buona visione!

Leggi il resto di questo articolo »

L’Ordine dei giornalisti contro la libera informazione?

Quello della libertà d’espressione in rete e della legge bavaglio (nelle sue varie versioni) è argomento da sempre dibattuto che torna d’attualità più o meno ogni volta ci sia bisogno di una ‘merce di scambio’ tra i politici per appoggiare o meno questa o quella legge.

Per questo la notizia di quanto accaduto a Pordenone qualche giorno orsono non mi ha sul momento stupito più di tanto. Una Web tv, PN Box ed il suo titolare (che rischia ora fino a 6 mesi di carcere) sono stati denunciati per  aver  diffuso [cito]

gratuitamente notizie destinate a formare oggetto di comunicazione interpersonale specie riguardo ad avvenimenti di attualità, politica e spettacolo”.

Ovvero per aver fatto quello che più o meno chiunque di noi che ha un blog fa periodicamente, cioè scrivere prendendo più o meno spunto dalla realtà quotidiana.

Storia vecchia mi state dicendo? Vero, ma con un particolare ‘nuovo’ e, se confermato, a mio avviso un tantino inquietante: a muoversi stavolta non è stato il soggetto “vittima” dell’eventuale cattiva informazione quanto, udite-udite, pare proprio lo stesso Ordine dei Giornalisti che ha accusato il sito di “esercizio abusivo della professione” non essendo lo stesso iscritto all’Ordine e quindi NON avendo l’abilitazione  a fare informazione.

Il presidente dell’Ordine dei giornalisti del Friuli Venezia Giulia, interpellato da un giornalista,  ha risposto (per chi ci crede) che:

Leggi il resto di questo articolo »

Vittime sacrificali in periodo pasquale

Come periodo, sia storico che di calendario ci siamo quasi…

E’ stato osannato per aver fatto quello che pochi prima di lui avevano fatto, per aver fatto vedere e credere che tutto fosse possibile, anche i miracoli.

Forse ci aveva creduto anche lui o più semplicemente faceva comodo crederci.

Per lungo tempo è stato seguito da folle di seguaci che credevano in lui, nelle sue parole ed in quello che raccontava e predicava.

E’ stato messo in discussione ma non ha mai rinnegato le sue idee, le sue convinzioni, il suo credo. Diceva che lo faceva per noi  e che forse noi stessi l’avremmo capito non subito, ci sarebbe voluto tempo, soprattutto sarebbe stato tutto molto più chiaro quando lui non sarebbe più stato con noi.

Leggi il resto di questo articolo »

Io cogito ergo twitto!

Giornate frenetiche queste, anche per chi come me non è occupato nell’organizzazione di improbabili avvenimenti sportivi nella capitale o festival canori.

Un po’ (tanto) il lavoro, un altro po’ stanchezza e (molta) poca ispirazione è da un po’ che non mi affacciavo sulle pagine di questo blog. E chi mi conosce bene sa che questo è per me un grossissimo sacrificio, quasi come chiedere ai vari Giovanardi, Monti e Fornero (tutte e due, madre e figlia, non ne bastava una!!) & Co. di non dire cazzate!

Come vedete, io nel mio piccolo il sacrificio del silenzio l’ho (giocoforza) fatto, loro invece… niente da fare, dev’essere, anzi sicuramente è, più forte di loro; aprono bocca ed eruttano la loro ignoranza (nel primo caso) o insensibilità (nel secondo) ma comunque niente o ben poco che sia in linea con il buonsenso. E non e non parlo del buongusto che ormai se n’è andato da tempo a farsi benedire e non ha più fatto ritorno.

Ma non ho voluto parlarne anche perchè credo che la portanza e l’importanza di certe esternazioni risieda anche nel “peso”, nella considerazione e nella successiva diffusione che gli viene data credo che con queste poche righe io ho espresso il mio parere e fatto il mio dovere di denuncia.

Chi vuol capire capisca, chi vuol intendere intenda e chi non vuole… non volga e si rivolga altrove!

Leggi il resto di questo articolo »

In bocca al lupo Vittorio!

Sei laggiù e tanti di noi leggono i tuoi resoconti precisi e scomodi, come l’operazione “Piombo fuso”, le vicende di Freedom Flottilla o le violenze israeliane “gratuite” contro i bambini di Gaza. Hai fatto di più, hai spesso aggiunto PROVE dal campo, inequivocabili diventando, almeno per me, un punto di riferimento di quel che succede da quelle parti. Sicuro che avrei letto un racconto obbiettivo e, soprattutto, vero.

Le notizie di stasera sono poche, frammentarie ma anche per questo più le si legge più  sale la preoccupazione e non potrebbe essere altrimenti. No,  non me la sento ora di esprimere un parere. Voglio solo pensare che ne hai viste tante in questi anni mi auguro di tutto cuore che questa possa essere un’altra, anche questa brutta, esperienza da aggiungere all’elenco.

In questo momento non posso dire e fare altro che farti il mio più sincero in bocca al lupo nostro amico blogger!

Link al blog Guerriglia radio

Robot giornalista e giornalista-robot

I ricercatori dell’Intelligent Systems Informatics Lab (ISI) della Tokyo University pare abbiano messo a punto il primo prototipo di robot-giornalista. Leggendo l’articolo si scopre tra l’altro che:

…hanno sviluppato un automa capace di registrare tutto ciò che accade e individuare in tempo reale anomalie e novità….  L’unico problema è che il robot non sa ancora pensare, e questa resta sempre una gran differenza.

Lo ammetto, in questi casi divento molto curioso quindi clicca qua, clicca là, ho trovato anche uno scatto dell’unico esemplare (al momento) di robot-giornalista, eccolo:

Non mi ritengo un genio ma persona di buona memoria e siccome quest’aspetto non mi è nuovo m’è venuto in mente questo accostamento (sperando che stavolta non se ne abbia a male il prototipo giapponese ndr):

Leggi il resto di questo articolo »

Stretta di Maroni & inchini davanti ai gay di Schwarzenegger

A meno che non ci si chiami Beppe Grillo e quindi i post te li scrivano gli altri la maggior parte di noi prende, chi più chi meno, spunto dall’attualità. La maggior parte purtroppo però o non legge o non capisce perchè altrimenti non si spiega come si può essere preoccupati della propria sicurezza in un Paese in cui il capo della polizia si chiama Manganelli e la home page de ‘La Stampa’ oggi titola così:

008
(clicca per ingrandire)

Non so voi ma io, fossi un clandestino, tra ‘Manganelli’ e ‘Strette di Maroni’ cambierei Stato da solo!

Dagli Stati Uniti invece arriva una dichiarazione choch del governatore della California Arnold Schwarzenegger dopo l’approvazione della legge sui matrimoni gay:

008

Stamane, puntuale, la correzione che dà tutto un altro senso alla dichiarazione e, probabilmente, tranquillizza anche la consorte:

008

LIBERO ma solo di dire cazzate

logolibero.png

Definire Libero un giornale credo sia un po’ come definire Milingo un santone, si vorrebbe anche ma per tanto che ci si sforzi non si riesce. A giustificazione di quanto dico basta il nome del suo direttore, tale sig. Feltri Vittorio che nel 2000 era pressochè disoccupato e fu salvato da una futura vita di stenti grazie all’opera pia di alcuni parlamentari (Martino e DeMichelis tra gli altri) che gli regalarono il “giocattolo” a norma di legge, tant’è che entrò a pieno diritto nella spartizione dei contributi per l’editoria prendendo un bel po’ di soldini. Libero nasce infatti come organo del Movimento Monarchico Italiano, a fine 2006 diventa una srl che poi viene affiancata da una ONLUS per figurare ‘fondazione’ e continuare a prendere i contributi. Questo non lo dico io ma lo dice una puntata di Report in cui il sig. Feltri, intervistato, fece tutt’altro che una bella figura.

Leggi il resto di questo articolo »

Quotidiani copia-e-incolla

Queste le home page dei due principali, o almeno i più cliccati, quotidiani online italiani. Per un attimo ho pensato d’aver letto lo stesso due volte poi, guardando bene, bè….

A volte mi chiedo se ha poi così senso avere tanti quotidiani (come nome), pagarceli quando poi questi sono i risultati… mah?!

[tags]italia, attualità , giornalismo, massmedia[/tags]

Giornalisti e informazione

ABOLIAMOLI!

chicco.jpg pegperego_ranger_wanted.jpg

Se esistesse correttezza ed equità nell’informazione da tempo avrei voluto vedere un titolo di giornale così, invece no.

Ieri ho viaggiato in treno ed ho avuto tempo e modo per dedicarmi alla lettura. Devo dire che il tutto non è stato molto edificante perchè ha rafforzato in me l’idea che da tempo mi son fatto circa la (dis)informazione da parte dei media o almeno larga parte di questi. Piatto forte del giorno erano le droghe, senza fare troppe distinzioni tra leggere, pesanti o cos’altro (e questo posso anche accettarlo in linea di massima) ma mettendo bene in evidenza l’aumento di utilizzo nei giovani e la correlazione (NON provata e per questo scorretta!) del passaggio spinelli, cocaina, eroina, morte!
Di secondo il menu offriva gli incidenti stradali; morti due giovani, altri due in fin di vita. A differenza dell’argomento precedente però qui nessuno ha avuto la presunzione di “giustificarne” la morte ricostruendo le tappe della loro vita.

Per logica in questo secondo caso avrei voluto leggere un articolo di forte condanna verso aziende come la Chicco e la PegPerego essendo provata (molto più che sull’argomento droghe) la correlazione passeggino, girello, triciclo, bici, auto. Invece no e questo mi fa molto incazzare!

[tags]Attualità , giornalismo, mass media, droghe[/tags]

Segui il blog via email:

Visita il sito ufficiale
Inserisci il tuo indirizzo email:


Questo blog è
Leggi il post
clicca sul logo
per saperne di più
Questo blog sostiene:
Mi trovi anche su:
Le mie foto su Flickr
Nuovi ospiti nelle acque della città... Billy versione 'spia' header Tramonto triestino     
Premi e Riconoscimenti

In classifica
Tra i primi 10
Uno dei più belli
sito internet

Secondo classificato come

nei prossimi anni non ho intenzione di partecipare al concorso quindi il secondo posto è libero


Premio D eci e Lode
da Giorgia, Sara, Simona, Kit Jr. e Chiara

Thinking Blogger Awards
da Pibua, Giuseppe T. e UMI

foca.jpg
da Sciura Pina e Paola

Premio Symbelmine
da Silvia

logo del premio
da Ed, Giangidoe, Pibua, IvanSantoro, Guccia, Weblogin e Anna

logo del premio
da La Tela di Aracne, Nido di Scricciolo, Synnovea e Serendipity

logo del premio
da Occhidigiada

logo del premio
da Elle, NadiaFlavio, SERENdipity, Dolcelei, Sciura Pina e Oscar

Con molto orgoglio…