Categorie
Archivi

Articoli marcati con tag ‘Iraq’

Tempi che cambiano: Nassiriya 2003-2009

… Nassirya ieri
e…
Nassirya domani…

(clicca per vedere le due vignette del brother)

Non c’è niente da ridere, comunque!

Il copyright di aver parlato pubblicamente di un gesto personale ed intimo come il “pianto” spetta a Domenico Modugno; correva l’anno 1975 e portò al successo la canzone ‘Piange il telefono‘.

Più avanti venne il periodo delle ‘madonnine piangenti’; Civitavecchia, Forlì, Medjugorje, etc.  Poi è arrivata l’era delle lacrime in tv; Raffaella Carrà e Maria DeFilippi ne hanno fatto un ‘must’ nelle loro trasmissioni ma un po’ tutti non disdegnano un po’ di sane lacrime, fa audience! Ieri per un momento ho pensato avessero cominciato anche i monumenti come la Fontana di Trevi


(clicca sull’immagine per ingrandire)

invece s’è trattata della ‘bravata’ (peraltro abbastanza idiota!) di un fantomatico gruppo ‘FTM Azione Futurista’ in segno di protesta nei confronti degli organizzatori della festa del cinema.

Qualche “esperto” dice che la gente vuole veder piangere gli altri perchè non sà più piangere in prima persona. Sarà?!?  Però credo che se ognuno di noi guardasse un po’ più se stessi ed un po’ meno gli altri forse, di motivi per piangere, ne troverebbe molti. No perchè volevo solo segnalare a tutti questi fabbricatori di lacrime, vere o presunte, che NON è il caso d’inventarseli i motivi; se non vi vengono in mente da soli pensate per un momento al Darfur, al  Myanmar, all’Iraq, ai vari conflitti bellici nel mondo, alla crisi economica insomma… credo che possiamo tranquillamente fare a meno di aiuti, grazie!

 

Usa-Iraq ora si combatte su YouTube

E’ di qualche settimana fa la notizia dell’esistenza degli ‘Oscar del terrore‘. Per intenderci sono quelli ideati dal gruppo terroristico iracheno denominato ‘Ansar al-Sunna‘ che ha dato vita ad una gara non solo terroristica ma anche mediatica tra le sue cellule attive in Iraq.  Una vera e propria classifica dove vengono mostrati i “migliori” venti attentati e ad ognuno viene assegnata una posizione. Inutile dire che la notizia ha provocato no poca indignazione ed unanumi giudizi di condanna. Per completezza d’informazione (e non per spettacolirazzare ndr) posto qui di seguito i due filmati che tuttavia vi sconsiglio di vedere se non siete più che forti di stomaco:

http://www.youtube.com/watch?v=0hQjFATRW6s

Bene, siccome all’idiozia ed il cattivo gusto non hanno limit e gli Usa, in questo vanno forte, ecco la contromossa.
E’ di ieri la notizia che il comando americano per le azioni in Iraq ha ideato ‘ Mnfiraq (Multi-National Force Iraq), una sigla che è diventata anche un tag con la quale verranno postati su YouTube i filmati dei soldati americani ripresi durante le azioni in Iraq. Si, non ci volevo credere neanch’io ma è tutto vero! Infatti basta andare sul sito www.youtube.com e cercare la sigla ‘Mnfiraq’ ed esce una lista infinita (e poco invidiabile) di filmati che… bè, credo si commentino da soli. Ve ne posto uno solo e lascio a voi il “piacere” o lo “schifo” di andarvi a vedere gli altri.

Non so voi ma io tra le due iniziative vedo ben poca differenza. Di pessimo gusto quella irachena, allo stesso, se non di più essendo un remake quella americana. L’ho già detto tante volte e lo ripeto: più passa il tempo e più tutto mi sembra fuorchè una missione di pace e diffusone di democrazia almeno nel significato che io attribuisco alle due parole . Il resto lo lascio al vostro giudizio.
Un’ultima considerazione: parlando di “immagini” si è tanto detto anni fa di Woodstock, dello “scandalo” nel vedere certe immagini e certi comportamenti. Ebbene, triste constatare che se si fosse proseguiti sulla quella linea anzichè su quella del falso moralismo oggigiorno avremmo forse qualche spinello e qualche figlio dei fiori in più ma tante tante guerre e violenze in meno. O no??

[tags]Iraq, Mfniraq, youtube,  Ansar al-sunna,video[/tags]

Grazie George W. Bush, ora sono piu’ tranquillo

Stanotte alle ore 21 di Washington, le 3 qui in Italia, George W. Bush ha tenuto un discorso alla nazione americana in cui ha spiegato le “nuove” strategie da adottare per la guerra in Iraq.

Io ero rimasto che a breve gli americani avrebbero lasciato il Paese per permettere al neonato Governo iracheno di cominciare a vivere con le proprie forze. Il Presidente americano invece ha esordito definendo “inaccettabile la situazione in Iraq” e annunciando “l’invio di oltre 20.000 soldati Usa…” (forse lo fa per aiutare a fare i bagagli per tornare a casa?? ndr). Inoltre ha annunciato “un’offensiva per impedire a Siria e Iran di sostenere gli insorti, e l’invio di sistemi di difesa missilistici Patriot nella regione” (ed io fossi in “quelle” regioni non ne sarei tanto felice).
Insomma, il tutto mi sembra in piena linea di azione e di pensiero con la promozione e lo sviluppo nella Pace nel mondo anche se, a mio avviso, secondo il “SUO” concetto di pace.
Comunque avevo bisogno di segnali di speranza per questo nuovo anno; ora sono molto piu’ tranquillo…

Intanto dalla Somalia fanno sapere che loro la pensano cosi’:

somalia
 

Giustiziato Saddam Hussein

saddam.jpgL’impiccagione di Saddam Hussein e’ stata annunciata dalla televisione irachena al Hurra. Un giudice negli Stati Uniti aveva respinto un appello dell’ultim’ora dell’ex presidente iracheno per evitare l’esecuzione. Saddam era stato condannato a morte per il massacro nel 1982 di 148 uomini e ragazzi sciiti. La tv pubblica irachena, al Iraqia, ha confermato che Saddam Hussein e’ stato impiccato oggi all’alba.
Il presidente George W. Bush ha definito l’impiccagione di Saddam Hussein ”l’atto di giustizia che lo stesso Saddam aveva negato alle vittime del suo brutale regime”. Secondo la Cnn, che cita testimoni all’esecuzione, ”si e’ ballato e cantato per la gioia” attorno al cadavere di Saddam Hussein. Scene di giubilo sono esplose tra le strade della cittadina di Dearborn (Michigan), dove vive la piu’ numerosa comunita’ di immigrati iracheni, alla notizia della esecuzione di Saddam Hussein.

Che non fosse nella rosa dei possibili premi Nobel per la pace è un fatto; che tutto ciò che è stato fatto e come è stato fatto, “puzzi” di giustizialismo sommario è un’altro. L’unica speranza è che ora finalmente Bush sia contento e se ne tornino tutti a casa.

Fonte La Repubblica

 

Ore 12.27: fine operazione “Antica Babilonia”… era ora!!

Finalmente oggi è stata posta la parola FINE all’operazione “Antica Babilonia”. E’ atterrato infatti l’aereo che riporta in Italia gli ultimi militari italiani rimasti in Iraq. Ferma restando la mia posizione da sempre CONTRO l’intervento armato, quello che sono andato a fare oggi (dopo aver gioito per una “promessa” di un Governo mantenuta) è stato cercare le cifre di questa “missione”. Si perchè le cifre sono la cosa da scoprire; i “risultati” li troviamo in cronaca estera e sono sotto gli occhi di tutti; attentati, morti, guerre interne tra le varie fazioni, etc. insomma…tutto, o quasi, come prima.
Pronti per la cifra?? Bè, tenetevi forte. Questo il riepilogo dei costi delle principali missioni di “pace” di questi anni:

– Kosovo (dal 2000 al 2006): 5.204 miliardi delle vecchie Lire
– Bosnia: 196 milioni di Euro
– Albania: 263 milioni di Euro
– Iraq (2003-2006): 1.535 milioni di Euro

Pensavate fosse finita, ma non è così: ci sono moltissime altre spese che sosteniamo inconsapevolmente. Il SISMI per i servizi d’intelligence militare in Afghanistan ha ricevuto 23 milioni di euro. Interessante è pure la stratosferica bolletta del telefono per i collegamenti satellitari delle attività militari che ha raggiunto gli 11 milioni di euro! Anche la ricostruzione virtuale in 3D del museo di Baghdad fa la voce grossa: 800.000 euro! Uno dei più importanti musei al mondo, che conservava opere dal valore storico-culturale di inestimabile valore, è stato lasciato svuotare da ladri e ladroni, nella noncuranza (e anche partecipazione) delle stesse forze militari anglo-americane. Ultimo ma non per importanza, sono le spese della Croce Rossa italiana: ben 32 milioni di euro, per (soli) 70 addetti ai lavori, e per il solo ospedale di Nassiriya. Ospedale che fornisce assistenza medica ai militari e non ai civili, infatti tale struttura ha effettuato solamente 450 ricoveri civili in 3 anni di attività !

Penso possa bastare, anche se il documento ufficiale pubblicato nel sito del Ministero della Difesa è veramente senza fondo. Ma senza fondi siamo anche noi italiani, che vediamo costantemente diminuire le nostre entrate e aumentare invece le uscite sottoforma di tasse e spese in genere. Per cui è bene ricordare ai signori che comandano, che anche vivere in Italia oggi è una lotta quotidiana per la sopravvivenza. Per cui un consiglio: prima che tale lotta si trasformi in una vera e propria guerra, è meglio inserire tra le missioni, forse la più importante: l’ITALIA.

Comunque sia… BENTORNATI RAGAZZI!

Link documento ufficiale Ministero della difesa al 23/10/2006 (Antica Babilonia pagine 83-96)

 

Nassiriya 12/11/03-12/11/06

Così se non sbaglio recitano le lapidi dei cimiteri e così evidentemente si vuole ricordare i 19 caduti di Nassirya. Io invece credo che i morti vadano dapprima rispettati e poi ricordati.

Aldilà di manifestazioni, parole, discorsi, “inevitabili” polemiche (che in Italia non mancano mai) e quant’altro sono passati tre anni da quel giorno e cosa è stato fatto per queste vittime e per le loro famiglie? Ho provato a fare una ricerca in rete e non senza difficoltà ho scoperto: NULLA!

“No Chit, non hai cercato bene – mi sono detto- C’è da andare più a fondo qui hanno dato una medaglia al valore a gente come Fabrizio Quattrocchi, vuoi che non si siano ricordati di quei poveri Cristi e, sopratutto, delle loro famiglie?”.

Cerca che ti cerca, leggi qui, leggi là (intanto mi cresceva anche non poco l’incazzatura) cosa ti scopro? La risposta ad una interrogazione parlamentare nella quale si “giustificava” questo mancato riconoscimento con il fatto che “il decesso dei suddetti militari era avvenuto nel corso di una missione di pace”.   Però, cazzarola, li hanno ricompensati con la “Croce d’Onore“, mica bao-bao-micio-micio.

Lasciamo stare poi altre supposizioni e congetture varie nelle quali mi sono imbattuto, non ultime il fatto che la morte non è avvenuta per mano degli attentatori quanto per “inosservanza delle regole” (avendo messo il deposito esplosivi all’entrata del Presidio  😯  ndr). Oggi, per quel che conta visto che difficilmente leggeranno queste righe, qui, voglio solo esprimere alle Vedove, alle loro famiglie ed ai figli il MIO piccolo ma molto più sincero ricordo per coloro che nel mio cuore e nella mia mente rimangono 19 EROI!

E scusatemi se per me oggi … “tutto il resto, è noia“!?!

Nassirya, oggi (La Repubblica)
Nassirya, perchè senza medaglia (Il Corriere)

 

Segui il blog via email:

Visita il sito ufficiale
Inserisci il tuo indirizzo email:


Questo blog è
Leggi il post
clicca sul logo
per saperne di più
Questo blog sostiene:
Mi trovi anche su:
Le mie foto su Flickr
Nuovi ospiti nelle acque della città... Billy versione 'spia' header Tramonto triestino     
Premi e Riconoscimenti

In classifica
Tra i primi 10
Uno dei più belli
sito internet

Secondo classificato come

nei prossimi anni non ho intenzione di partecipare al concorso quindi il secondo posto è libero


Premio D eci e Lode
da Giorgia, Sara, Simona, Kit Jr. e Chiara

Thinking Blogger Awards
da Pibua, Giuseppe T. e UMI

foca.jpg
da Sciura Pina e Paola

Premio Symbelmine
da Silvia

logo del premio
da Ed, Giangidoe, Pibua, IvanSantoro, Guccia, Weblogin e Anna

logo del premio
da La Tela di Aracne, Nido di Scricciolo, Synnovea e Serendipity

logo del premio
da Occhidigiada

logo del premio
da Elle, NadiaFlavio, SERENdipity, Dolcelei, Sciura Pina e Oscar

Con molto orgoglio…