Categorie
Archivi

Articoli marcati con tag ‘lavoro’

Pomigliano: referendum e fraintendimenti (di ACh)

Giugno 2010 - Referendum Fiat a Pomigliano d'Arco
– clicca sull’immagine per vedere la vignetta del brother –

(cliccare qui per vedere la raccolta completa)

Morti sul lavoro: il miglioramento percentuale non mi basta!

Non parlandone può anche sembrare che uno sia insensibile o disattento alla realtà, ma io credo a volte le parole, soprattutto su temi come quello delle morti sul lavoro, rischino di risultare vuote e difficili da trovare. Ma siccome non credo che insensibilità e disattenzione mi appartengano (almeno non coscientemente), nell’approssimarsi alla fine dell’anno ed agli inevitabili “bilanci” trionfalistici, mi permetto anch’io di dire la mia.

Leggi il resto di questo articolo »

Muri e Miserabili

Avevo pensato ad un dotto-post-storico per la ricorrenza poi… ho scoperto che han detto tutto gli altri.Ed allora mi permetto di prendere a prestito questa semplice considerazione che poi forse non è poi neanche tanto sbagliata:

… vent’anni fa cadeva un muro, oggi ne abbiamo uno a testa, personalizzato.

Consiglio, visione su La7 del programma ‘I Miserabili’ di Marco Paolini, lunedì ore 21.30. Dello spettacolo ve ne parlai  qualche tempo fa quando ebbi la fortuna di vederlo a teatro ma ve lo risegnalo con piacere.

[tags]attualità, teatro, marco paolini, politica estera, politica interna,musica,mercanti di liquore,la7,economia,lavoro,televisione[/tags]

Le chiamerò morti grigie

Siamo ormai un mondo che da e vive di numeri. Non c’è notizia o quasi che non riporti dati di qualsivoglia sondaggio o statistica quasi a rafforzare la credibilità della notizia stessa. Ma come ben sapete i dati vanno comunque sempre letti ed interpretati con attenzione. E proprio da questa considerazione parte la mia domanda.

Infatti vi chiedo, visto che esistono le morti inserite nella cosiddetta  categoria di ‘cronaca nera,’ esistono quelle cosiddette ‘bianche’ in quale categoria mettereste quelle, e sono sempre di più, che nascono da uno stato di frustrazione e d’inutilità derivate dalla mancanza del lavoro? (esempio 1 ed esempio 2)

Leggi il resto di questo articolo »

Amaramente ciao

Forse non dovrei neanche provarci perchè come cantava Guccini “è inutile cercare parole che non trovo per dirti cose vecchie con il vestito nuovo“. E noi in questi ultimi tempi parole ce ne siamo dette, tante, mai banali o vuote. L’ultimo tuo sms diceva “incrocia le dita!”. L’ho fatto amico mio, non osavo quasi scriverti per chiederti com’era andato il colloquio.
Ora so non esser andato come doveva, ora so l’ennesimo “NO” aver colpito in profondità ed irrimediabilmente la fiducia in te stesso e in questo mondo, proprio quella fiducia  nel “giusto” di cui parlavamo spesso, perchè non possono essere stati sbagliati tutti gli insegnamenti che abbiamo ricevuto vero?

Mi mancheranno le nostre chiacchierate, ma soprattutto mi mancherai tu e mi mancherà la certezza che non potevo evitare nulla di quanto successo. Ora mi maledico per aver sempre rimandato il famoso weekend da fare insieme e per non averti potuto dire di persona quel “grazie” per l’aiuto che mi hai dato quando poco tempo fa ne avevo bisogno.

E mica è facile farne a meno ora sai?!?  La tua capacità di ascoltare, di far parlare, di leggere dentro le pause senza bisogno di farle seguire da parole inutili quando parole adatte non esistevano.

Ciao amico mio, vittima un po’ di tutti!


 

 

 

Dedicata a tutti i miserabili

Sottotitolo potrebbe essere “post sperimentale”

Premetto subito che se siete venuti qui in cerca di “analisi di voto” o gossip oggi non ce n’è! Quello che vi lascio voleva essere un esperimento. Si, perchè credo che quando ci si appassiona a qualcosa è inevitabile che si cerchi di capire, di provare, di sperimentare, di cercare cose nuove. Io qualche tempo fa mi sono appassionato al mondo dei blog, purtroppo di “creare” tecnicamente software non sono in grado ma idee, giuste o sbagliate non sta a me dirlo, bè qualcuna credo di averla. Quella che m’è venuta tempo fa, non di facile applicazione era quella di provare a coniugare musica e post.  Io non so quale sia il risultato ma oggi, anche se non avrei voluto cominciare con una canzone così, m’è capitata l’occasione e ci provo.

Quella che segue è più o meno la storia che mi ha raccontato stamattina Marco al bar. Non lo conoscevo, non l’ho mai visto prima ma una battuta e un sorriso e uscendo ne è nata una breve conversazione, inevitabilmente di politica, elezioni, sociale. Più che una conversazione un monologo, suo. Credo ne avesse bisogno e forse non ha fatto poi così male neanche a me, anche se tornando verso l’ufficio mi sono venuti i lucciconi.

Questa (cantata dai Mercanti di Liquore) è la sua storia e probabilmente la storia di tanti altri Angelino

(link per il download se il player non funzionasse)

Vorrei poter fare di più ma posso solo un semplice ma sincero in bocca al lupo a te Marco e a tutti gli Angelino!

n.b. “miserabile” è un termine che si è dato lui


Berlusconi dice che si può fare di più…

…ma possono tutti??

(clicca per vedere la vignetta del brother)


Meritocrazia addio!

E’ quello che ho pensato stamane quando ho scoperto quello che ha combinato un’agenzia belga di pubblicità che ritrovandosi in difficoltà finanziarie ha preso la decisione di licenziare un proprio dipendente. Secondo voi con quali modalità? Precisione nel lavoro, puntalità, assenze, redditività??

Macchè! Che se ne dica non son questi i tempi in cui premiare chi lavora veramente, i cosidetti tempi della meritocrazia. Secondo quello che più si avvicina a ciò che va tanto di moda e cioè al televoto! Si, perchè pensavate che una moda come quella lanciate da grandi fratelli, isole e talpe varie non sarebbe entrata prima o poi prepotentemente anche nel nostro quotidiano?  Io, sinceramente, lo temevo ma speravo restasse un sottile confine tra ciò che (di peggio) si pensa e ciò che realmente accade.

Invece quest’agenzia ha deciso di lanciare la campagna “You chose, we fire” (tu scegli, noi licenziamo) tramite la quale chiede aiuto al web per inidirizzare la scelta. Accedendo al sito è infatti possibile vedere le facce (comprensibilmente poco giulive peraltro) dei dipendenti “a rischio” e scegliere quello da licenziare. A differenza di situazioni simili, ricordatevi che qui non sono previste poi comparsate, apparizioni o reciclaggi in programmi tv vari anzi… l’eliminazione pare sia diretta e definitiva.

Ora, trattandosi di agenzia pubblicitaria io voglio credere con tutta la mia forza che si tratti di una trovata pubblicitaria. Vero è che, se così non fosse, sarà meglio che l’agenzia pubblicitaria in questione cambi la propria ragione sociale perchè ‘So Nice’ significa più o meno ‘In modo piacevole’ anche se qui di tale ci vedo molto molto poco.

[tags]belgio,attualità,lavoro,reality,blogosfera[/tags]

Ignorare non vuol dire risolvere

Se leggi l’articolo 1 della Costituzione italiana scopri che “L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro“. Ma che Repubblica può mai essere se NON tutela i suoi cittadini, se NON si preoccupa della tutela proprio di quelle persone menzionate nel primo articolo, se la sua tv di stato si rifiuta di finanziare e mandare in onda ‘Morire di lavoro’ un docu-film di Daniele Segre su uno degli argomenti più d’attualità del momento (teatrino politico a parte)? Ognuno trovi dentro di se la risposta che più lo soddisfa, io sono già contento se questo piccolo post per almeno un momento vi avrà fatto riflettere e pensare a tutti coloro che fanno notizia sempre e solo da morti. Caro Stato, non è non parlandone e facendo finta di niente che si risolvono o dimenticano le cose! Qui di seguito un breve trailer del docu-film:
Leggi il resto di questo articolo »

MORTI BIANCHE

1299002101-intervista-PaoloRossi-dariofo-3So che il weekend è tempo di argomenti frivoli, leggeri ma proprio perchè fino ad oggi non ne avevo ancora mai parlato voglio dedicare un pensiero a tutti loro la cui lista, purtroppo, si allunga ogni giorno. Non lo faccio con discorsi o analisi che sono già stati ampiamente sviluppati e sviscerati. Voglio “osare“, voglio provare a farvi riflettere chiedendo aiuto al teatro e prendendo in prestito le parole di un monologo di Paolo Rossi di un suo spettacolo del 1993.
Non ho trovato il testo ma il pezzo mi era piaciuto, me lo ricordavo e provo a riproporvelo sperando di riuscire almeno per un momento a donarvi i brividi e le sensazioni che aveva dato a me ascoltarlo. Buona lettura e, comunque, non dimentichiamoli mai!

Leggi il resto di questo articolo »

Segui il blog via email:

Visita il sito ufficiale
Inserisci il tuo indirizzo email:


Questo blog è
Leggi il post
clicca sul logo
per saperne di più
Questo blog sostiene:
Mi trovi anche su:
Le mie foto su Flickr
Nuovi ospiti nelle acque della città... Billy versione 'spia' header Tramonto triestino     
Premi e Riconoscimenti

In classifica
Tra i primi 10
Uno dei più belli
sito internet

Secondo classificato come

nei prossimi anni non ho intenzione di partecipare al concorso quindi il secondo posto è libero


Premio D eci e Lode
da Giorgia, Sara, Simona, Kit Jr. e Chiara

Thinking Blogger Awards
da Pibua, Giuseppe T. e UMI

foca.jpg
da Sciura Pina e Paola

Premio Symbelmine
da Silvia

logo del premio
da Ed, Giangidoe, Pibua, IvanSantoro, Guccia, Weblogin e Anna

logo del premio
da La Tela di Aracne, Nido di Scricciolo, Synnovea e Serendipity

logo del premio
da Occhidigiada

logo del premio
da Elle, NadiaFlavio, SERENdipity, Dolcelei, Sciura Pina e Oscar

Con molto orgoglio…