Categorie
Archivi

Articoli marcati con tag ‘marco paolini’

Nassiriya: altri 19 morti, stavolta uccisi dallo Stato!

Chi mi segue lo sa, in genere i miei post sono abbastanza brevi ma oggi vi chiedo un piccolo sforzo perché ad esser breve e conciso non ci sono riuscito. Premetto: alcuni di voi forse ne sono già al corrente, io purtroppo quando è uscita la notizia (metà marzo) non l’avevo “intercettato”. L’ho fatto solo ora e, visto che non l’ho letta (o forse m’è sfuggita) nei blog, quindi la condivido con voi.

Parliamo del 12 novembre 2003, parliamo di Nassirya, di quello che inizialmente fu bollato (ed in parte lo era) come “vile attentato” tanto da riuscire a compattare emotivamente la nazione intorno alle 19 bare, dimenticare che quella lì, “missione di pace” non lo è più (a patto che lo sia mai stata) e compatti e senza mai troppi indugi (soliti comunisti pacifisti finché ci son stati a parte) continuare a votare il rinnovo della missione.

Leggi il resto di questo articolo »

Morti sul lavoro: il miglioramento percentuale non mi basta!

Non parlandone può anche sembrare che uno sia insensibile o disattento alla realtà, ma io credo a volte le parole, soprattutto su temi come quello delle morti sul lavoro, rischino di risultare vuote e difficili da trovare. Ma siccome non credo che insensibilità e disattenzione mi appartengano (almeno non coscientemente), nell’approssimarsi alla fine dell’anno ed agli inevitabili “bilanci” trionfalistici, mi permetto anch’io di dire la mia.

Leggi il resto di questo articolo »

Muri e Miserabili

Avevo pensato ad un dotto-post-storico per la ricorrenza poi… ho scoperto che han detto tutto gli altri.Ed allora mi permetto di prendere a prestito questa semplice considerazione che poi forse non è poi neanche tanto sbagliata:

… vent’anni fa cadeva un muro, oggi ne abbiamo uno a testa, personalizzato.

Consiglio, visione su La7 del programma ‘I Miserabili’ di Marco Paolini, lunedì ore 21.30. Dello spettacolo ve ne parlai  qualche tempo fa quando ebbi la fortuna di vederlo a teatro ma ve lo risegnalo con piacere.

[tags]attualità, teatro, marco paolini, politica estera, politica interna,musica,mercanti di liquore,la7,economia,lavoro,televisione[/tags]

Siamo proprio dei miserabili

marco-paolini.jpgSabato sera ho assistito a teatro allo spettacolo «Miserabili. Io e Margaret Thatcher» di Marco Paolini.

Quello portato in scena  dall’autore è a mio avviso l’ennesimo capolavoro teatrale che parla della trasformazione etica, sociale e perfino biologica della società a partire dagli anni ’80. Il racconto si snocciola attraverso diversi monologhi tutti legati da un sottile filo conduttore che è quello di come pian piano si sia cominciato a perdere di vista il concetto di società nel suo insieme. Le colpe di questo degrado della vita mascherato da “progresso” l’autore le trova nell’esasperazione del liberismo voluto in primis da Margaret Thatcher, ricordando come secondo i suoi principi «Non esiste la società, ci sono solo uomini, donne e bambini». Attraverso pezzi di repertorio si sente la voce della stessa Thatcher esaltare un mondo in cui l’importante non è tanto il lavoro quanto il far circolare il più rapidamente possibile il denaro, sdoganando il ricorso al debito ed ai soldi di plastica (bancomat e carte di credito). Su queste basi di racconto riesce ad innestare anche un’impossibile intervista con la stessa Thatcher che concluderà con una condivisibile definizione dell’ex premier inglese come «lady di ferro fuori, ma di merda dentro!».

C’è poi la ballata del lavoratore precario, ci sono citazioni di Carl Marx e Victor Hugo e riesce a mettere in “dubbio” anche i principi della termodinamica («se ho un acquario e decido di fare una frittura, difficilmente poi riavrò l’acquario di prima»). L’autore completa le due ore e mezza di spettacolo con una lettura in chiave ironica di un ipotetico incidente sul lavoro, tema  a lui molto caro. Il pezzo è semplicemente esilarante, sono diverse le volte in cui il racconto s’interrompe per l’ilarità della situazione. Lo scopo è quello di evidenziare come possa succedere che, sul lavoro come in una missione di pace, si compia qualche “monada” (sciocchezza, leggerezza) che può costar cara. Quel che stupisce è che quelli delle missioni di pace li avvolgono nelle bandiere mentre i morti sul lavoro no!

Paolini ancora una volta riesce a catturare l’attenzione alternando ironia a parole che hanno l’effetto di un macigno senza far mai perdere di vista il soggetto al quale, inevitabilmente e spesso bruscamente, riconduce sempre lo spettatore. In questo suo spettacolo intervalla i suoi monologhi con pezzi musicali e ballate grazie al magnifico accompagnamento dei Mercanti di Liquore, già famosi per alcune cover del grande Fabrizio DeAndrè.

Alla fine la sensazione è quella di esser stati comunque testimoni di un cambiamento storico di cui forse, aldilà di quel che ognuno di noi pensi, siamo stati forse più complici che vittime.

 

Vajont, 9 ottobre 1963

Dovevo ancora nascere ma avendo vissuto a Trieste la gioventù ebbi modo di andarci, di sentire e di sapere. Le statistiche parlano di 1909 morti ma forse, più di questo, quello che negli anni è emerso è stata l’impotenza della gente comune di fronte a quello che molti chiamavano “progresso”. Si sapeva dei pericoli ma si è voluto ignorarli. Per anni s’è parlato di “sciagura”; poi pian piano si è scoperto tutto (o quasi) e nel febbraio del 1997 si è concluso il processo. Occorre ringraziare l’operato di chi negli anni ha cercato non senza difficoltà la verità con tenacia e contro i cosiddetti “poteri forti”. Per questa e per molte altri stragi impunite in Italia vorrei prendere in prestito le parole di Marco Paolini, che parlando dell’importanza del ricordo disse:

…non è vero che nessuna storia ha una faccia dietro.
E’ solo la svista di un attimo, la logica dell’informazione
e tutto il resto.
Ma poi, con pazienza e con calma,
a saperle cercare escono le facce
solo che servono facce pulite come le nostre
che le vadano cercare.
Non dimentichiamoli! …

… per non dimenticare

 


Segui il blog via email:

Visita il sito ufficiale
Inserisci il tuo indirizzo email:


Questo blog è
Leggi il post
clicca sul logo
per saperne di più
Questo blog sostiene:
Mi trovi anche su:
Le mie foto su Flickr
Nuovi ospiti nelle acque della città... Billy versione 'spia' header Tramonto triestino     
Premi e Riconoscimenti

In classifica
Tra i primi 10
Uno dei più belli
sito internet

Secondo classificato come

nei prossimi anni non ho intenzione di partecipare al concorso quindi il secondo posto è libero


Premio D eci e Lode
da Giorgia, Sara, Simona, Kit Jr. e Chiara

Thinking Blogger Awards
da Pibua, Giuseppe T. e UMI

foca.jpg
da Sciura Pina e Paola

Premio Symbelmine
da Silvia

logo del premio
da Ed, Giangidoe, Pibua, IvanSantoro, Guccia, Weblogin e Anna

logo del premio
da La Tela di Aracne, Nido di Scricciolo, Synnovea e Serendipity

logo del premio
da Occhidigiada

logo del premio
da Elle, NadiaFlavio, SERENdipity, Dolcelei, Sciura Pina e Oscar

Con molto orgoglio…