Categorie
Archivi

Articoli marcati con tag ‘massmedia’

Per un futuro migliore ‘Live Curious’

Gli spot televisivi sono pensati ed ideati per sorprendere o comunque colpire  l’attenzione dello spettatore. Questo che mi permetto di proporvi, almeno con me, c’è riuscito molto bene. E’ lo spot in onda da qualche settimana sul canale italiano (a me molto caro) di National Geographics dal titolo ‘Live Curious‘ che mi ha colpito per la sua geniale semplicità.

Questo lo spot:

Leggi il resto di questo articolo »

Libertà di stampa e punti di (s)vista

Settembre 2009 - Libertà di stampa e.. punti di vista
– clicca sull’immagine per vedere la vignetta del brother –

(cliccare qui per vedere la raccolta completa)

[tags]le vignette di ACh,italia,politica interna,libertà di stampa,massmedia,governo,informazione[/tags]

Prima coglione, ora farabutto… I love this land!

Non so Voi ma quando mi fanno un complimento mi piace evidenziarlo e ringraziare…

chit_farabutto

Per tutti coloro che volessero appoggiare l’iniziativa di Repubblica cliccare qui

Acqua: parliamone anche scherzando ma parliamone!

Quello dell’ambiente è un problema che troppo spesso viene affrontato dai media quando la natura si ribella e lo dimostra con qualche calamità come tsunami, uragani, valanghe o terremoti.  Ormai i media e chi avrebbe, tra gli altri, il compito di educare e sensibilizzare su questi temi preferisce cavalcare le notizie (spesso drammatiche) di questi eventi piuttosto che fare in modo che tutto ciò non accada.

Leggi il resto di questo articolo »

Bossi ha ragione ma di chi parla?

Che in Italia ci sia un clima volutamente (o ignorantemente, fate voi!) sempre più d’intolleranza verso chi non è come se stessi e che permette di vivere ai margini della giustizia (qualcuno anche oltre gli stessi) diciamocelo chiaramente è cosa nota. Quindi con tutti questi sceriffi e “volontari del manganello”, più o meno legalizzati, c’era d’aspettarselo che prima o poi sarebbe potuto succedere anche questo.

Quello che non capisco bene è solo questo titolo dell’Ansa di stamattina:

bossi_massa_carrara

Secondo voi quando parla di “pirla” si riferisce ai rondaioli di destra, a quelli di sinistra, ai poliziotti o comincia ad emergere nel suo subconscio qualche senso di colpa?

[tags]italia,massa carrara,politica interna,ronde,sicurezza,bossi,ansa,media[/tags]

Droga, alcool, microbi e poi cosa?

Periodicamente, quasi a fomentare un clima già teso di suo, i media ci offrono il loro menu di “orrori”. Ultimamente va forte l’argomento “stupri”, di cui mi riservo di parlare ‘seriamente’ non appena raccolta qualche informazione che mi manca. Intanto però se ne può parlare da un altro punto di vista, magari analizzando l’enfasi con cui queste notizie vengono date.

Solitamente dipende da: provenienza etnica dello stupratore, numero degli stessi (ammettiamolo, le violenze del “branco” vendono meglio), a volte dall’età. Nella notizia raramente si parla delle vittime, talvolta ci si infila in mezzo pure un po’ di “sballo” , dalla quale si parte per questo o quel proclama politico. Questo il “format” tipo del mondo dell’informazione.

In tema stupri ultimamente l’aggravante è spesso l’alcool che scavalca in classifica la droga. Alcool che poi rientra anche nei tg della domenica con le immancabili stragi del sabato sera. E allora mi chiedo: l’alcool mi sembra pericoloso quanto certe droghe leggere, mi sembra evidente. Ed allora perchè nessuno alza un dito per “regolamentarlo” mentre per uno spinello si rischia il carcere? Direi che, per coerenza, sarebbero battaglie proibizionistiche da mandare avanti di pari passo e con pari determinazione no?

Ma la coerenza al comando del paese è poca e poi, poi è impossibile! Perchè se si ragiona così non si finirebbe più di fare battaglie proibizionistiche visto che ogni giorno si scopre un nuovo pericolo.

Riepilogando: l’alcool è legale , una pianta (la marijuana) fuorilegge, con i microbi si sta studiando e alla fine, nessuno parli mai di educazione.

[tags]italia,attualità,politica interna ,alcool,droghe,stupri,informazione,media,microbi,curiosità[/tags]

Geografia mutante o giornalisti ignoranti?

 
 
Questo è stato il mio dubbio quando ad agosto avevo letto la notizia di due alpinisti morti sotto la neve sul Col del Lys. Poi per varie vicissitudini avevo accantonato la notizia ma si sa, un buon blogger non dimentica giusto?

 
Leggi il resto di questo articolo »

Stretta di Maroni & inchini davanti ai gay di Schwarzenegger

A meno che non ci si chiami Beppe Grillo e quindi i post te li scrivano gli altri la maggior parte di noi prende, chi più chi meno, spunto dall’attualità. La maggior parte purtroppo però o non legge o non capisce perchè altrimenti non si spiega come si può essere preoccupati della propria sicurezza in un Paese in cui il capo della polizia si chiama Manganelli e la home page de ‘La Stampa’ oggi titola così:

008
(clicca per ingrandire)

Non so voi ma io, fossi un clandestino, tra ‘Manganelli’ e ‘Strette di Maroni’ cambierei Stato da solo!

Dagli Stati Uniti invece arriva una dichiarazione choch del governatore della California Arnold Schwarzenegger dopo l’approvazione della legge sui matrimoni gay:

008

Stamane, puntuale, la correzione che dà tutto un altro senso alla dichiarazione e, probabilmente, tranquillizza anche la consorte:

008

LIBERO ma solo di dire cazzate

logolibero.png

Definire Libero un giornale credo sia un po’ come definire Milingo un santone, si vorrebbe anche ma per tanto che ci si sforzi non si riesce. A giustificazione di quanto dico basta il nome del suo direttore, tale sig. Feltri Vittorio che nel 2000 era pressochè disoccupato e fu salvato da una futura vita di stenti grazie all’opera pia di alcuni parlamentari (Martino e DeMichelis tra gli altri) che gli regalarono il “giocattolo” a norma di legge, tant’è che entrò a pieno diritto nella spartizione dei contributi per l’editoria prendendo un bel po’ di soldini. Libero nasce infatti come organo del Movimento Monarchico Italiano, a fine 2006 diventa una srl che poi viene affiancata da una ONLUS per figurare ‘fondazione’ e continuare a prendere i contributi. Questo non lo dico io ma lo dice una puntata di Report in cui il sig. Feltri, intervistato, fece tutt’altro che una bella figura.

Leggi il resto di questo articolo »

GHB ovvero la droga dello stupro

ghbSi chiama GHB (Acido Gamma Idrossi Butirrico) ed è a tutti gli effetti una droga originariamente nata per la cura di malattie come l’alcolismo.

Perchè ve ne parlo? Bè, semplicemente perchè sempre più frequentemente viste le sue proprietà questa droga viene usata per stordire ed annebbiare persone che successivamente diventano vittime di stupri e violenze.

E’ un liquido incolore, insapore, inodore che viene venduto in bottigliette ed assunto per via orale, ha l’aspetto dell’acqua e un gusto salato. Dà senso di stordimento ed ebbrezza descritta come simile a quella alcolica. I consumatori enfatizzano le riferite proprietà afrodisiache del composto. E’ più probabile un generale sedazione dell’assuntore. L’inibizione viene eliminata e la sostanza porta ad un rilassamento tale da far cadere addormentato il soggetto. E di facile reperibilità sul mercato e, come potete immaginare, è ancor meno difficile da somministrare alle vittime.

Leggi il resto di questo articolo »

Segui il blog via email:

Visita il sito ufficiale
Inserisci il tuo indirizzo email:


Questo blog è
Leggi il post
clicca sul logo
per saperne di più
Questo blog sostiene:
Mi trovi anche su:
Le mie foto su Flickr
Nuovi ospiti nelle acque della città... Billy versione 'spia' header Tramonto triestino     
Premi e Riconoscimenti

In classifica
Tra i primi 10
Uno dei più belli
sito internet

Secondo classificato come

nei prossimi anni non ho intenzione di partecipare al concorso quindi il secondo posto è libero


Premio D eci e Lode
da Giorgia, Sara, Simona, Kit Jr. e Chiara

Thinking Blogger Awards
da Pibua, Giuseppe T. e UMI

foca.jpg
da Sciura Pina e Paola

Premio Symbelmine
da Silvia

logo del premio
da Ed, Giangidoe, Pibua, IvanSantoro, Guccia, Weblogin e Anna

logo del premio
da La Tela di Aracne, Nido di Scricciolo, Synnovea e Serendipity

logo del premio
da Occhidigiada

logo del premio
da Elle, NadiaFlavio, SERENdipity, Dolcelei, Sciura Pina e Oscar

Con molto orgoglio…