Categorie
Archivi

Articoli marcati con tag ‘massmedia’

Afghanistan, ecco perchè tanto odio contro di noi

Us_in_afghanistanQuello della missione in Afghanistan è da sempre, e spesso a sproposito, argomento dibattuto, Mai nessuno però ha provato a capire quali potrebbero essere le VERE cause (oltre all’ovvia alleanza con i mercenari stars-and-stripes) di tanto astio e odio nei confronti dei nostri soldati che (in linea teorica) sarebberò lì per una missione umanitaria.

Un recente rapporto dei Servizi Segreti al ns. Parlamento ha messo in evidenza come “Rimane elevata la probabilità di attacchi contro militari e civili italiani all’estero, specialmente in aree di grande crisi (ad esempio Afghanistan e Libano), ma anche in altri territori ove insistono nostri interessi“. Paradossalmente tale attività risulta addirittura in aumento negli ultimi tempi, ma come è possibile visto che siamo lì (in linea teorica) a portare Peace & Love?

TROVATO!!!

Sti’ poveri talebani hanno sopportato di tutto in questi anni, compreso il bombardamento fisico (“intelligente” e non ndr) ma quando è cominciato un altro tipo di bombardamento, quello mediatico, bè, lì gli son girati gli zebedei!  Che in Italia si sia messi maluccio è risaputo e passi, ma che non si trovi niente di meglio che mandare a sti poracci un format televisivo a metà tra Sanremo e X-Factor  beh?!…

Penso si sarebbero incazzati di più solo se gli portavamo “P come Protestantesimo”.

 

Carlo e Camilla come il prof di Firenze, FUMATI!

Qui in Italia siccome non abbiamo problemi “veri”, l’economia va bene, abbiamo un comico burlone futuro premier e il prezzo del greggio non ci tocca, non si parla d’altro che di un video di un prof di Firenze (comunque coglione!) che s’è fatto riprendere mentre fumava in classe. Piccola parentesi, non ritengo tanto grave il fatto che fosse uno spinello o un drum, ritengo semmai indicativo che un docente sia così celebroleso da a) fumare in classe b) farsi riprendere dagli studenti (chiusa parentesi).

marleymuseum.JPGCiò doverosamente premesso però noto che ci sono tutti gli estremi perchè si possa pensare che siamo vittime di un delirio generalizzato su larga scala che colpisce in un po’ tutte le zone geografiche ed un po’ tutti i ceti sociali. Eh si, perchè capita a volte che ascoltando una notizia uno pensi “mah, mi sembra così strano“, invece questa volta appena letto la notizia la mia espressione è stata leggermente diversa. “Che [beep] scrivono questi?“. La notizia in questione è quella della visita di Carlo e Camilla alla casa di Bob Marley a Kingston, splendida news se non chè il sottoscritto in Jamaica c’è stato, alla casa di Bob pure (avevate dubbi?) e semplicemente NON E’ lì dove sono andati e dove i media li hanno ripresi punto.

La casa ed il mausoleo VERO del grande Bob infatti sono costruiti di fianco alla casa in cui è nato «in un’area rurale (Nine Miles, nei pressi di Alexandrea, distretto di St. Ann) a 50 chilometri da Kingston. Oggi, oltre alla tomba, esistono un museo a lui dedicato (56 Hope Road, Kingston), una fondazione benefica (Robert Marley Foundation, Ja)». L’abitazione di Kingston è il cosidetto “specchietto per le allodole” per turisti che evidentemente ha ben funzionato. Qualcuno magari adesso avverta l’allegra combriccola che se volessero anche andare da Peter Tosh devono dirigersi verso Belmont, nella parte sud ovest dell’isola. Aggiungo come nota personale che ho seri dubbi che in principe Carlo ed il pitbull che lo accompagna abbiano percorso anche solo poche centinaia di meteri della strada che da Ocho Rios porta a Nine Miles, mentre al contrario mi risulta molto più credibile che assieme a giornalisti e chissà chi altro abbiano fatto largo uso di ciò che flora e fauna offrono spontaneamente in quel paese.

D’altronde, con una come Camilla che ti dorme vicino alterare la realtà più che uno sfizio diventa una necessità!

Un po’ di rispetto per Barack Obama

Prima Hillary che lo scurisce, ora l’Ansa che lo fa parlare come Kunta Kinte insomma…


(clicca sull’immagine per ingrandirla)

 

un po’ di rispetto, borca buttana!

Ipse dixit

Victoria Petroff era andata al programma della Ventura per (parole sue) “sfondare nel mondo dello spettacolo“; è stata di parola anche se… ha cominciato dalla protesi.

A febbraio di quest’anno a Vicenza s’era tenuta una manifestazione contro l’allargamento della base Nato definita ‘ad altro rischio incidenti’ per i cittadini americani in Italia. Alla fine non successe nulla ai cittadini americani… agli altri però non avevano assicurato nulla tant’è che ieri

[tags]attualità, italia, tv, isola dei famosi, dal molin[/tags]

Levi-Prodi: ne parlo ora e poi BASTA!

Probabilmente con questo post non mi farò molti “amici”, qualcuno di quelli che ho se la prenderà e non tornerà più a trovarmi e questo sarà l’inizio della fine del blog di chit ma c’è un limite a tutto!

Ci risiamo: il Sig. Grillo (se non ricordo male, comunque centra anche stavolta!) ha pubblicato un post su un Disegno di Legge che prevede l’iscrizione per coloro che hanno un blog al registro degli Editori al ROC e il pagamento di una tassa equiparando lo stesso ad un giornale. Tale DDL prende il nome di Levi-Prodi e se andate su google (cartina di tornasole della diffusione di ogni argomento) e fate una ricerca in 3 giorni sono state create la bellezza di 458.000 voci (Mascia Ferri ne ha solamente 114.000!?). Ma mi domando e chiedo, Vi sembra normale questo??? 
Ok che in America anni fa un’attore è stato eletto Presidente, però non possiamo mica scegliere un comico come nuovo Messia non trovate?

Alzi la mano chi di Voi s’è stampato e (soprattutto) letto la legge… sono venti pallosissime pagine, ultimate le quali ho piegato i fogli a metà, strappato i suddetti e cestinati forte del fatto che comunque:
– un DDL su 4,5 completa il suo iter parlamentare diventando Legge;
– un DDL su 12 arriva al termine così com’è stato presentato (quindi sarà rettificato e “limato”);
– esiste la scappatoia di spostarsi su server stranieri (estoni o scandinavi mi hanno consigliato) e lì  gridare “tana”!

Quindi, blogger d’Italia, rimettere le pistole nelle fondine, evitate di far nascere petizioni come funghi tanto da non capire più quale firmare e, soprattutto, dormite tranquilli perchè checchè un comico la presenti come “una catastrofe”, per grave che sia il fatto, credo che esistano priorità ben più grosse in Italia.

Detto questo, per quel che mi riguarda, il Sig. Grillo può tornare a fare il comico e la rete può farsi un sano e bel esame di coscienza e ricominciare ad usare il PROPRIO di cervello!!

[tags]italia, blogosfera, levi-prodi, beppe grillo, media, leggi[/tags]

Quotidiani copia-e-incolla

Queste le home page dei due principali, o almeno i più cliccati, quotidiani online italiani. Per un attimo ho pensato d’aver letto lo stesso due volte poi, guardando bene, bè….

A volte mi chiedo se ha poi così senso avere tanti quotidiani (come nome), pagarceli quando poi questi sono i risultati… mah?!

[tags]italia, attualità , giornalismo, massmedia[/tags]

Un pochino di privacy ma non troppa!

Stamattina su un po’ tutti i media è in prima pagina l’intervista della squillo, pardon, ‘escort’ (e io che pensavo fosse una macchina della Ford) protagonista del festino a luci rosse con il deputato Cosimo Mele. “La coca era tanta, troppa” è la sua versione dei fatti riportata dal settimanale ‘Oggi’. Ebbene, pur volendo concederle tutte le attenuanti del caso, mi sono tornate in mente le parole che mi diceva sempre mia mamma; “se è troppa lasciala, non ti riempire” e… parlava di minestra, ma credo che la regola valga un po’ per tutto. E dire che anche i miei genitori  come quelli della ragazza “sono molto religiosi“, forse che anche questo non sia garanzia di buona educazione?
francesca-zenobi.jpgSono poi rimasto colpito anche del fatto che sul Corriere.it si parli della protagonista come di “F.Z.” mentre su Repubblica.it la stessa diventi spudoratamente “Francesca Zenobi“: che sia un nuovo gioco online? Quasi quasi vado a cercare qualche altro indizio, sai mai che ci “scappino” anche indirizzo e numero di cellulare… sai mai. Una cosa è certa, la ragazza prossimamente la vedo protagonista di comparsate tv e calendari vari, vogliamo scommettere??

Ah dimenticavo, c’è una buona notizia; effettuato il test antidroga sui parlamentari, un test serio però, non come quello eseguito di “frodo” qualche mese fa dalle Iene di Italia1. Infatti stavolta il risultato è stato tutti negativi!

Siamo in buone mani, l’estate può proseguire tranquilla fino al prossimo gossip…

Funerali & mode

Ieri sera dopo tempo immemore m’è capitato di sedermi a tavola con la tv sintonizzata su un tg, tg5 per la precisione. Essendo estate e mangiando sul balcone vi confesso che non avevo nessuna voglia di alzarmi a cambiare canale e quindi mi sono beccato le prime notizie e relativi servizi. Due di questi riguardavano funerali, i funerali di Claudia (quella ragazza 16enne morta investita) e di quei due ragazzi di Fiumicino morti nello schianto dell’auto giudata dall’amico, minorenne tra l’altro (ma questo è irrilevante visto che ‘forse‘ era sotto effetto di hashish ndr).
Ebbene, in entrambi i casi, la gente applaudiva il feretro con una foga incredibile, manco fossero alla prima della Scala. Vi confesso che questa “moda”, così come quella di applaudire durante i minuti di silenzio (se si chiamano “di silenzio” che t’applaudi a fare?!), mi sta parecchio indigesta e la trovo pure di cattivo gusto.

Secondo voi trattasi di usanza diffusa o succede solo in presenza dei media?

Giornalisti e informazione

ABOLIAMOLI!

chicco.jpg pegperego_ranger_wanted.jpg

Se esistesse correttezza ed equità nell’informazione da tempo avrei voluto vedere un titolo di giornale così, invece no.

Ieri ho viaggiato in treno ed ho avuto tempo e modo per dedicarmi alla lettura. Devo dire che il tutto non è stato molto edificante perchè ha rafforzato in me l’idea che da tempo mi son fatto circa la (dis)informazione da parte dei media o almeno larga parte di questi. Piatto forte del giorno erano le droghe, senza fare troppe distinzioni tra leggere, pesanti o cos’altro (e questo posso anche accettarlo in linea di massima) ma mettendo bene in evidenza l’aumento di utilizzo nei giovani e la correlazione (NON provata e per questo scorretta!) del passaggio spinelli, cocaina, eroina, morte!
Di secondo il menu offriva gli incidenti stradali; morti due giovani, altri due in fin di vita. A differenza dell’argomento precedente però qui nessuno ha avuto la presunzione di “giustificarne” la morte ricostruendo le tappe della loro vita.

Per logica in questo secondo caso avrei voluto leggere un articolo di forte condanna verso aziende come la Chicco e la PegPerego essendo provata (molto più che sull’argomento droghe) la correlazione passeggino, girello, triciclo, bici, auto. Invece no e questo mi fa molto incazzare!

[tags]Attualità , giornalismo, mass media, droghe[/tags]

Un uomo non vede altro, nuova pubblicita Fx tv… sarà vero?

Che scopo principale di una pubblicità sia quello di “colpire” il pubblico e far comunque parlare di se (bene o male che sia) è fatto ormai noto dai tempi delle campagne di Oliviero Toscani per Benetton. Ebbene, guardate un po’ la nuova campagna pubblicitaria che da qualche giorno campeggia sui muri delle città di Fx tv, il nuovo canale Sky dedicato (così dicono loro) “all’universo maschile” :

Penso che dopo un naturale e spontaneo sorriso, sia doveroso anche qualche attimo di riflessione. Al termine, Vi confesso, personalmente mi sono un po’ incazzato. L’unica cosa è che non ho ancora capito se per la mancanza di gusto o per l’aver letto una verità su un cartellone pubblicitario!?

Segui il blog via email:

Visita il sito ufficiale
Inserisci il tuo indirizzo email:


Questo blog è
Leggi il post
clicca sul logo
per saperne di più
Questo blog sostiene:
Mi trovi anche su:
Le mie foto su Flickr
Nuovi ospiti nelle acque della città... Billy versione 'spia' header Tramonto triestino     
Premi e Riconoscimenti

In classifica
Tra i primi 10
Uno dei più belli
sito internet

Secondo classificato come

nei prossimi anni non ho intenzione di partecipare al concorso quindi il secondo posto è libero


Premio D eci e Lode
da Giorgia, Sara, Simona, Kit Jr. e Chiara

Thinking Blogger Awards
da Pibua, Giuseppe T. e UMI

foca.jpg
da Sciura Pina e Paola

Premio Symbelmine
da Silvia

logo del premio
da Ed, Giangidoe, Pibua, IvanSantoro, Guccia, Weblogin e Anna

logo del premio
da La Tela di Aracne, Nido di Scricciolo, Synnovea e Serendipity

logo del premio
da Occhidigiada

logo del premio
da Elle, NadiaFlavio, SERENdipity, Dolcelei, Sciura Pina e Oscar

Con molto orgoglio…