Categorie
Archivi

Articoli marcati con tag ‘michela vittoria brambilla’

Corrupt Tour: da Praga ecco un’idea per il rilancio del turismo in Italia

La storia di rilanciare il turismo nel nostro Paese in questi ultimi anni è piena di tentativi a 360° ma con risultati, a sentire le varie associazioni del settore, a dir poco insoddisfacenti.

Il primo tentativo in pompa magna di far conoscere il patrimonio culturale e paesaggistico del nostro Paese risale al 2007 con un massiccio investimento di 45milioni di €uro per la realizzazione del portale www.italia.it.  Un sito che ben presto si rivelò incompleto, pieno di inesattezze ed errori geografici e non, anche se l’errore più grande fu quello di affidare all’allora Ministro per i Beni e le attività Culturali Francesco Rutelli lo spot di presentazione. Il video risulta ancora ad oggi uno video CUL-t più cliccati sul web. Con il senno di poi vien da pensare che avessero affidato lo stesso a Edvige Fenech forse avremmo avuto qualche visita in meno sul web ma (grazie alla pronuncia) qualche visita in più nel Paese. Peccato!

Leggi il resto di questo articolo »

Ma non è che la Brambilla porta sfiga?

Governare un Paese, al di là della dietrologia e della critica facile, è compito sicuramente difficile e gravoso. Perché cari amici blogger, è facile starsene seduti e fare come Statler e Waldorf durante il Muppet Show e criticare a 360° gradi tutto e tutto. Ma la politica è, pardon, dovrebbe essere cosa seria, soprattutto, piaccia o non piaccia, vanno assolutamente riconosciuti meriti e risultati, soprattutto quando sono ottenuti con sorprendente velocità.

Infatti non più tardi di ieri la nuova amica degli animali (no, non Licia Colò) travestita da ministro dello sviluppo economico, ha presentato alla stampa il nuovo Codice-riforma del turismo, indispensabile prima dell’estate ma ancor più prima di tornate elettorali. Oddio, più che di presentazione si è trattato di un tristissimo e molto “bulgaro” monologo preceduto da un’introduzione da ‘brividi’

Se per voi va bene vi faccio io tre dichiarazioni sulla riforma

Giornalisti e media accreditati chiaramente si sono guardati bene dal dire che a loro “andasse male” con un ossequio ed un rispetto simile solo a quello riservato dai media americani a Barack Obama ogni qualvolta parla dei dettagli dell’operazione che ha portato all’uccisione di Bin Laden. Forse per il fatto che anche con questo testo si uccide qualcosa, ovvero un’altra buona parte di regole e limitazioni.

Leggi il resto di questo articolo »

In vigore nuovo codice della strada ma non per il Ministero dei Trasporti

L’incompatibilità tra Istituzioni e web è ormai nota da tempo. La storia dei siti ministeriali di questi ultimi anni è piena di vicende che si definiscono ‘buffe’ per non dire altro. Come non ricordare infatti il varo del famoso sito www.italia.it, il portale che doveva diffondere un’immagine positiva del nostro Paese nel mondo peccato che lo spot (a dir poco ‘patetico’) fosse stato affidato a Rutelli. Lodevole il tentativo di MVB di qualche tempo fa di rilanciarlo (dove non è dato a sapersi) chiedendo soccorso stavolta niente popò di meno che al Premier, personaggio notoriamente stimato ed ammirato all’estero.

Ironia e realtà  a parte, più che dell’utilizzo a possibili fini economici del web da parte delle Istituzioni vi confesso che quello che più mi riesce difficile capire è il (dis)uso a fini informativi del web. L’ultimo esempio in ordine di tempo viene dal sito del ministero delle Infrastrutture e trasporti dove (ILLUSO!), dopo averne sentito di cotte e di crude, mi aspettavo di trovare il testo completo del nuovo codice della strada. Invece se andate sul sito del ministero invece lo trovate un codice della strada, peccato che per lo stesso quello in vigore sia ancora quello del 1992!

Leggi il resto di questo articolo »

Vediamo in quanto chiudono www.mangiagatti.com

Che per un momento di popolarità o un piccolo spazio di “pubblicità” oggigiorno si sia disposti pressoché a tutto è purtroppo noto ed arcinoto quindi forse a certe notizie non andrebbe neanche dato troppo risalto.

Ma siccome siamo in un Paese fortunato, dove c’è il “governo del fare” e dove non più tardi di qualche giorno fa il ministro del turismo MVB (l’unica che è riuscita a far fare un sito più brutto di quello di Rutelli ndr) ha espresso la sua opinione riguardo alle varie manifestazioni e feste che vedono impegnati gli animali al fine di proteggerli e salvaguardarli a maggior ragione ebbene io questa news la posto.Insomma… mettiamo alla prova il ministro.

Non più tardi di qualche mese fa vidi una sua comparsata in tv nella quale sosteneva l’importanza di oscurare sul nascere sito e/o gruppi che inneggiavano e incoraggiavano la violenza verso chicchessia, animali o persone. In quel caso si parlava del Premier ma ognuno di noi ha le sue priorità e spero il Sig. ministro non me ne voglia se le mie sono differenti dalle sue. Per questo poco fa le ho scritto un’email chiedendole di oscurare il sito www.mangiagatti.com e, almeno a voi, non credo di dovere spiegazioni sul perché e sul per come di questa mia richiesta.

A Lei, se possibile, ho chiesto di essere anche solo minimamente coerente con quanto detto in televisione l’altra settimana e con quanto è consultabile sul suo sito. Anche se, riflettendoci, non so quanta sia la conoscenza e la coscienza reale del problema e cosa sia in grado di fare una persona che i gattini li va trovare al canile.

Leggi il resto di questo articolo »

www.italia.it pronto il rilancio… nel cestino però

italia_blogAlzi la mano chi non ricorda le polemiche del portale italiano del turismo italia.it. Nato nel 1994 da un’idea del ministro per l’Innovazione e la Tecnologia Lucio Stanca, come il portale che avrebbe dovuto diventare punto di riferimento per i turisti e rivoluzionare l’immagine del nostro Paese non ha mai smesso di incassare critiche giuste ed impietose per la sua gestione approssimativa e lacunosa. Rutelli durante il suo breve ministero ha anche provato a rilanciarlo ma sarà per il suo (ridicolo) messaggio di promo, sarà per i contenuti (sempre uguali quindi approssimativi e lacunosi) tant’è che alla fine si decidette di chiuderlo.

Leggi il resto di questo articolo »

Con Federica Zarri politica & letto binomio perfetto

californication.jpgIeri ho avuto una conversazione telefonica di prima mattina con un mio amico di Roma che mi chiedeva notizie circa la presenza di reggiseni appesi ai passamano dei mezzi pubblici. Complice la data (primo aprile) ho pensato ad uno scherzo tanto più che anche lui come me è dotato di un cellulare senza cioè diavolerie come macchine fotografiche, telecamere, telepass o bancomat incorporati e quindi non era in grado di mandarmene una prova visiva. Ci abbiamo anche scherzato su concludendo che poteva tranquillamente essere una forma di campagna elettorale dopodichè abbiamo deciso di comune accordo che era meglio andare a lavorare occupandoci più del Pil che del pel!

Però, mi conoscete, sono curioso quindi ho indagato e ho scoperto, nell’ordine, che la telefonata non era una bufala (vedasi foto sopra) ma che, per fortuna, non si trattava di un partito bensì della pubblicità di una nuova serie di telefilm dal titolo Californication che va in onda su Jimmy dal mese scorso. Anche perchè, mi son detto, “con tutto quel che ha di serio di cui occuparsi la politica oggigiorno vuoi mica che si occupino di sesso …”.

federica-zarri

Oggi invece scopro con immensa gioia e un po’ di sorpresa (ricordandomi delle polemiche su Wladimir Luxuria) che in Italia c’è anche chi lo sta facendo, ebbene si. Lei è tale Federica Zarri, di professione fa la pornostar e per passatempo la politica, o viceversa non so, fatico sinceramente a capirne le differenze.

Ha infatti ben due siti; www.federicazarri.com (sito erotico) e www.federicazarri.it (sito politico). Qual’è la sua missione politica (visto che l’altra è più facilmente intuibile)? Tenetevi forte, riformare il mercato dell’hard in Italia, con l’aiuto di Michela Vittoria Brambilla e il “sostegno” di Silvio.
L’intraprendente Federica ha fondato un circolo delle Libertà a nome suo nel quale è possibile anche leggere bozza di quella che sarà o dovrebbe essere la ‘Legge Zarri’. Ironia della sorte il circolo in questione ha sede indovinate a Lecco (giuro!), ma d’altra parte non poteva essere diversamente no?

Credo sia il segno inequivocabile che la politica è andata veramente a puttane, forse già tanti anni fa, ma dev’essersi trovata talmente bene che a quanto pare continua a frequentarle anche oggi!

Il Card. Bertone e le rosse

Domenica piena di avvenimenti e relative chicche di cui seleziono le seguenti.

Bertone

Il Cardinale Bertone al meeting di CL ha dichiarato “Giusto pagare le tasse, servono ad aiutare i più poveri“. Gli unici ad esultare sono quelli della Lega (“benedice l’evasione fiscale”) e questo conferma che NON conoscono assolutamente la lingua italiana. Comunque mai come in questo caso è possibile dire … da che pulpito viene la predica?!

brambilla

Altra notizia che ha messo in subbuglio la politica italiana è che “le rosse rischiano di estinguersi” per mancanza dei geni giusti. Michela Vittoria Brambilla, da tutti ormai indicata come futuro leader della CdL (o cosa nascerà), pare abbia preso appuntamento stamane dal parruchiere per… evitare l’estinzione.
Contento Berlusconi, meno il sottoscritto.

 

Segui il blog via email:

Visita il sito ufficiale
Inserisci il tuo indirizzo email:


Questo blog è
Leggi il post
clicca sul logo
per saperne di più
Questo blog sostiene:
Mi trovi anche su:
Le mie foto su Flickr
Nuovi ospiti nelle acque della città... Billy versione 'spia' header Tramonto triestino     
Premi e Riconoscimenti

In classifica
Tra i primi 10
Uno dei più belli
sito internet

Secondo classificato come

nei prossimi anni non ho intenzione di partecipare al concorso quindi il secondo posto è libero


Premio D eci e Lode
da Giorgia, Sara, Simona, Kit Jr. e Chiara

Thinking Blogger Awards
da Pibua, Giuseppe T. e UMI

foca.jpg
da Sciura Pina e Paola

Premio Symbelmine
da Silvia

logo del premio
da Ed, Giangidoe, Pibua, IvanSantoro, Guccia, Weblogin e Anna

logo del premio
da La Tela di Aracne, Nido di Scricciolo, Synnovea e Serendipity

logo del premio
da Occhidigiada

logo del premio
da Elle, NadiaFlavio, SERENdipity, Dolcelei, Sciura Pina e Oscar

Con molto orgoglio…