Categorie
Archivi

Articoli marcati con tag ‘missioni di pace’

Afghanistan o Italia: chi è più talebano?

Chi mi conosce sa della mia avversione verso le guerre. Tanti i motivi, tutti se vogliamo opinabili e discutibili ma così è sempre stato. Nel caso dell’Afghanistan si è partiti, oltre che per moda, con il miraggio di BinLaden  e per rendere libera e moderna una nazione. Ora, ai guerrafondai sempre pronti a partire ed esportare con le armi i valori occidentali, chiedo se sia il caso di aggiungere altri morti (finora tredici) e spendere altri soldi (solo nel 2007 e metà del 2008 abbiamo speso 591 milioni di euro) per arrivare a risultati come questi?

Mi stupiscono molto questi risultati, ma poi leggo alcune dichiarazioni del miniministro Brunetta rivolte alle donne della P.A. del tipo «Se vincete tanti concorsi come mai siete così poche ai vertici della carriera?» o ancora «Far finta di essere malate per accudire i figli o i mariti vuol dire buttare via la propria professionalità: bisogna rompere queste compensazioni perverse» e capisco che la differenza tra noi e gli afgani forse sta solo nel burqa.

Perchè Sig. miniministro, credo che se veramente vuole fare qualcosa di risolutivo sia giunto il momento di tirare fuori dai suoi tornelli (che non dimentichiamolo al momento, aldilà delle parole, sono la sua più “grande rivoluzione”) nomi e cognomi, indipendentemente dal sesso. Perchè  abbiamo tutti gli occhi e vedo spesso anche tanti ometti ai bar in orario di lavoro.  Basta con attacchi sensazionalistici a 360° e provocazioni. Lei dice che cerca «di rompere un equilibrio perverso». Personalmente così facendo credo rompa tutt’altro, almeno a me!!

Spero che le donne, molte donne, tante le cui madri o sorelle hanno lottato per certi diritti  si ricordino  la prossima volta che dovranno mettere una X su una scheda elettorale di quest’atteggiamento sessista e siano loro a rompere “qualcosa” a Lei!

E mi chiedo, facendo le dovute proporzioni, chi è più talebano tra loro e uno come Brunetta?

[tags]afghanistan,missioni di pace,democrazia,brunetta,talebani[/tags]

Ore 12.27: fine operazione “Antica Babilonia”… era ora!!

Finalmente oggi è stata posta la parola FINE all’operazione “Antica Babilonia”. E’ atterrato infatti l’aereo che riporta in Italia gli ultimi militari italiani rimasti in Iraq. Ferma restando la mia posizione da sempre CONTRO l’intervento armato, quello che sono andato a fare oggi (dopo aver gioito per una “promessa” di un Governo mantenuta) è stato cercare le cifre di questa “missione”. Si perchè le cifre sono la cosa da scoprire; i “risultati” li troviamo in cronaca estera e sono sotto gli occhi di tutti; attentati, morti, guerre interne tra le varie fazioni, etc. insomma…tutto, o quasi, come prima.
Pronti per la cifra?? Bè, tenetevi forte. Questo il riepilogo dei costi delle principali missioni di “pace” di questi anni:

– Kosovo (dal 2000 al 2006): 5.204 miliardi delle vecchie Lire
– Bosnia: 196 milioni di Euro
– Albania: 263 milioni di Euro
– Iraq (2003-2006): 1.535 milioni di Euro

Pensavate fosse finita, ma non è così: ci sono moltissime altre spese che sosteniamo inconsapevolmente. Il SISMI per i servizi d’intelligence militare in Afghanistan ha ricevuto 23 milioni di euro. Interessante è pure la stratosferica bolletta del telefono per i collegamenti satellitari delle attività militari che ha raggiunto gli 11 milioni di euro! Anche la ricostruzione virtuale in 3D del museo di Baghdad fa la voce grossa: 800.000 euro! Uno dei più importanti musei al mondo, che conservava opere dal valore storico-culturale di inestimabile valore, è stato lasciato svuotare da ladri e ladroni, nella noncuranza (e anche partecipazione) delle stesse forze militari anglo-americane. Ultimo ma non per importanza, sono le spese della Croce Rossa italiana: ben 32 milioni di euro, per (soli) 70 addetti ai lavori, e per il solo ospedale di Nassiriya. Ospedale che fornisce assistenza medica ai militari e non ai civili, infatti tale struttura ha effettuato solamente 450 ricoveri civili in 3 anni di attività !

Penso possa bastare, anche se il documento ufficiale pubblicato nel sito del Ministero della Difesa è veramente senza fondo. Ma senza fondi siamo anche noi italiani, che vediamo costantemente diminuire le nostre entrate e aumentare invece le uscite sottoforma di tasse e spese in genere. Per cui è bene ricordare ai signori che comandano, che anche vivere in Italia oggi è una lotta quotidiana per la sopravvivenza. Per cui un consiglio: prima che tale lotta si trasformi in una vera e propria guerra, è meglio inserire tra le missioni, forse la più importante: l’ITALIA.

Comunque sia… BENTORNATI RAGAZZI!

Link documento ufficiale Ministero della difesa al 23/10/2006 (Antica Babilonia pagine 83-96)

 

Segui il blog via email:

Visita il sito ufficiale
Inserisci il tuo indirizzo email:


Questo blog è
Leggi il post
clicca sul logo
per saperne di più
Questo blog sostiene:
Mi trovi anche su:
Le mie foto su Flickr
Nuovi ospiti nelle acque della città... Billy versione 'spia' header Tramonto triestino     
Premi e Riconoscimenti

In classifica
Tra i primi 10
Uno dei più belli
sito internet

Secondo classificato come

nei prossimi anni non ho intenzione di partecipare al concorso quindi il secondo posto è libero


Premio D eci e Lode
da Giorgia, Sara, Simona, Kit Jr. e Chiara

Thinking Blogger Awards
da Pibua, Giuseppe T. e UMI

foca.jpg
da Sciura Pina e Paola

Premio Symbelmine
da Silvia

logo del premio
da Ed, Giangidoe, Pibua, IvanSantoro, Guccia, Weblogin e Anna

logo del premio
da La Tela di Aracne, Nido di Scricciolo, Synnovea e Serendipity

logo del premio
da Occhidigiada

logo del premio
da Elle, NadiaFlavio, SERENdipity, Dolcelei, Sciura Pina e Oscar

Con molto orgoglio…