Categorie
Archivi

Articoli marcati con tag ‘myanmar’

Post di servizio (in nome e per conto degli amici birmani)

Siccome si dia il caso che i nostri amici birmani in questi giorni siano (purtroppo per loro) in altre faccende più serie affaccendati, in merito alla presente iniziativa dell’Onu mi faccio loro portavoce e rispondo io per loro conto:

ONU: V A F F A N C U L O!

[tags]Birmania, myanmar, Onu, attualità, nargis[/tags]

Birmania, appunti dell’ultimo viaggio

birmaniaSono passati solo cinque mesi dalle prime agenzie stampa che parlavano della rivolta in Birmania. Il mondo dei media così come quello dei blog si mobilitò per loro ma cosa sta succedendo laggiù ora che i riflettori si sono spenti e non filtrano più notizie?
Esistono due possibilità; provare ad immaginarlo (ma il rischio è di immaginare sempre “troppo poco”) o avere la fortuna di chiederlo a chi quelle zone le conosce e le frequenta da anni. E’ una persona convinta come me che il bene si fa e non si racconta ed ho dovuto insistere un po’ per avere il racconto del suo ultimo viaggio di un mese fa. Spero avrete tempo e sopratutto la voglia di leggerlo perchè credo se lo meriti lui e se lo meritino anche loro per sentirsi meno soli, meno abbandonati.

[Per un errore di copia-e-incolla in fase di pubblicazione mancava la prima parte, scusate]

Durante un viaggio abbastanza particolare o butti giù al volo le sensazioni, i pensieri, gli incubi oppure questi si annacquano nel tempo…..
Ho imbrattato qualche foglio mentre gli accadimenti mi seppellivano ma certo non sono stato capace di raccoglierli tutti…..perchè c’è la rabbia dell’impotenza….. perché il cuore ti scoppia dentro…. perché……La maglietta del CHE sgualcita e strappata su una spalla sta appesa ad un giovane canuto e bruciato dal sole, regalo di qualche turista o, più improbabile, raccattata negli immondezzai delle stradine che portano al mare e che costeggiano i molti alberghi tutti orfani di turisti. Laggiù niente di utile viene buttato via….
Non sarà per codardia o per timidezza che non scriverò il mio nome, nomi di persone a me care, nomi luoghi, sarà per salvaguardare gli amici che vivono la, dove è gia tutto programmato dai potenti e dove le cose non cambieranno mai, e se cambieranno, cambieranno in peggio, anzi è gia da molti anni che l’inferno si sta avvicinando, e raccapricciante è il riuscire con facilità a paragonare la sopravvivenza delle persone a dei topi che cercano di scappare da un allagamento o da un incendio, anzi non riescono a scappare, si ammucchiano mentre le pareti della stanza si avvicinano sempre più per stritolarli.

Leggi il resto di questo articolo »

Non c’è niente da ridere, comunque!

Il copyright di aver parlato pubblicamente di un gesto personale ed intimo come il “pianto” spetta a Domenico Modugno; correva l’anno 1975 e portò al successo la canzone ‘Piange il telefono‘.

Più avanti venne il periodo delle ‘madonnine piangenti’; Civitavecchia, Forlì, Medjugorje, etc.  Poi è arrivata l’era delle lacrime in tv; Raffaella Carrà e Maria DeFilippi ne hanno fatto un ‘must’ nelle loro trasmissioni ma un po’ tutti non disdegnano un po’ di sane lacrime, fa audience! Ieri per un momento ho pensato avessero cominciato anche i monumenti come la Fontana di Trevi


(clicca sull’immagine per ingrandire)

invece s’è trattata della ‘bravata’ (peraltro abbastanza idiota!) di un fantomatico gruppo ‘FTM Azione Futurista’ in segno di protesta nei confronti degli organizzatori della festa del cinema.

Qualche “esperto” dice che la gente vuole veder piangere gli altri perchè non sà più piangere in prima persona. Sarà?!?  Però credo che se ognuno di noi guardasse un po’ più se stessi ed un po’ meno gli altri forse, di motivi per piangere, ne troverebbe molti. No perchè volevo solo segnalare a tutti questi fabbricatori di lacrime, vere o presunte, che NON è il caso d’inventarseli i motivi; se non vi vengono in mente da soli pensate per un momento al Darfur, al  Myanmar, all’Iraq, ai vari conflitti bellici nel mondo, alla crisi economica insomma… credo che possiamo tranquillamente fare a meno di aiuti, grazie!

 

BLOGGERS FOR BURMA: UNITI Per La BIRMANIA

Chi sono i Bloggers for Burma? Sono 16 bloggers che vogliono far sentire la loro voce a sostegno di chi lotta pacificamente per la libertà. O, forse, solo 16 pazzi utopici che credono ancora che i diritti umani e la democrazia siano e debbano essere dei valori cardine del mondo di oggi e di quello di domani.

blogger_for_burma
Queste le nostre parole:

Leggi il resto di questo articolo »

Segui il blog via email:

Visita il sito ufficiale
Inserisci il tuo indirizzo email:


Questo blog è
Leggi il post
clicca sul logo
per saperne di più
Questo blog sostiene:
Mi trovi anche su:
Le mie foto su Flickr
Nuovi ospiti nelle acque della città... Billy versione 'spia' header Tramonto triestino     
Premi e Riconoscimenti

In classifica
Tra i primi 10
Uno dei più belli
sito internet

Secondo classificato come

nei prossimi anni non ho intenzione di partecipare al concorso quindi il secondo posto è libero


Premio D eci e Lode
da Giorgia, Sara, Simona, Kit Jr. e Chiara

Thinking Blogger Awards
da Pibua, Giuseppe T. e UMI

foca.jpg
da Sciura Pina e Paola

Premio Symbelmine
da Silvia

logo del premio
da Ed, Giangidoe, Pibua, IvanSantoro, Guccia, Weblogin e Anna

logo del premio
da La Tela di Aracne, Nido di Scricciolo, Synnovea e Serendipity

logo del premio
da Occhidigiada

logo del premio
da Elle, NadiaFlavio, SERENdipity, Dolcelei, Sciura Pina e Oscar

Con molto orgoglio…