Categorie
Archivi

Articoli marcati con tag ‘notizie’

L’anno 2009 in pillole

Ed eccoci come ogni anno con il consueto riepilogo dei fatti che più mi hanno colpito nell’anno appena trascorso.

Gennaio
Barack Obama diventa presidente degli stati uniti d’America. Passa alla storia da subito come primo presidente “abbronzato” e già solo il fatto di venire dopo un ignorante guerrafondaio come Bush gli varrà l’appoggio incondizionato di media e pubblico, fino a ricevere il premio nobel per la pace sulla fiducia subito dopo aver inviato nuove truppe negli attuali scenari di guerra. Per coerenza (ma ce n’è ancora in giro?) si attende prossimamente il nobel a Milosevic per ‘meritorie azioni umanitarie’. Leggi il resto di questo articolo »

Carcere alla norvegese

Dicono che “tutto il mondo é paese”; beh, se così é occorre render atto che in alcuni paesi le cose vanno decisamente meglio altrove.

ISOLA DI BASTOEY (Norvegia) – Alle 10 esatte del mattino, sotto una luce livida e sopra un mare color della pece, Dahl, il marinaio, fa entrare nel traghetto il camioncino per le riparazioni della linea elettrica, poi quello che porta le taniche di carburante, poi l’ospite. “Vuole del caffè?”. Il thermos è pronto. Piacere, dice, io sono un detenuto. Ha i capelli con le punte pitturate di biondo, occhi azzurri che gli occhiali fanno sembrare grandissimi, la cerata arancione che gocciola pioggia, fuma Lucky Strike. Ha 41 anni, è sposato (ride: “si è, sposato diverse volte”) ha un figlio di 14 anni, faceva il giornalista e poi è diventato assassino. “è stata una lite… mi hanno dato sette anni. Sono in prigione dal 2001, uscirà nel 2008”.
Dall’estate a qui, a Bastoey Island, nella prigione senza sbarre, senza agenti di custodia, senza niente di niente che somigli a un carcere. La prigione che ha un sogno: quello di trasformare ogni detenuto in un cittadino.
Siamo a un’ora da Oslo, in uno dei fiordi più belli della Norvegia. Horton, si chiama il paesino. Casette di legno, qualche negozio, il porticciolo. Da qui, ogni mattina alle dieci, parte il traghetto. Un quarto d’ora di mare ed ecco l’isola. Ci vivono 115 detenuti e, ma soltanto di giorno, 69 dipendenti dell’amministrazione penitenziaria norvegese.
Sono due chilometri e mezzo di territorio protetto, due spiagge, una foresta, ventuno casette di legno del ‘900 a ricordo di quando Bastoey era ancora una fattoria in mezzo al mare. Adesso sono le case dei prigionieri: mobili di legno chiaro, cucine moderne, bagni nuovissimi. I detenuti vivono in quatto o cinque per ogni casa, ognuno ha la sua stanza personale e di quella la chiave. Alle 7.15 sveglia per tutti; alle 8 inizia il lavoro; alle 15 il dovere è finito, c’è la cena nella sala comune e poi il tempo libero. Calcio e bicicletta d’estate, sci d’inverno; ma c’è anche una biblioteca con migliaia di libri, ci sono i computer, e ci sono ancora le cabine telefoniche, le ultime cabine di legno rosso, quelle scomparse dal resto del Paese, sparse per l’isola.
[continua]

La presente notizia è incredibilmente vera. Infatti, stavo pensando di andare in Norvegia a farmi dare due anni e 6 mesi anche io!? 😳


Segui il blog via email:

Visita il sito ufficiale
Inserisci il tuo indirizzo email:


Questo blog è
Leggi il post
clicca sul logo
per saperne di più
Questo blog sostiene:
Mi trovi anche su:
Le mie foto su Flickr
Nuovi ospiti nelle acque della città... Billy versione 'spia' header Tramonto triestino     
Premi e Riconoscimenti

In classifica
Tra i primi 10
Uno dei più belli
sito internet

Secondo classificato come

nei prossimi anni non ho intenzione di partecipare al concorso quindi il secondo posto è libero


Premio D eci e Lode
da Giorgia, Sara, Simona, Kit Jr. e Chiara

Thinking Blogger Awards
da Pibua, Giuseppe T. e UMI

foca.jpg
da Sciura Pina e Paola

Premio Symbelmine
da Silvia

logo del premio
da Ed, Giangidoe, Pibua, IvanSantoro, Guccia, Weblogin e Anna

logo del premio
da La Tela di Aracne, Nido di Scricciolo, Synnovea e Serendipity

logo del premio
da Occhidigiada

logo del premio
da Elle, NadiaFlavio, SERENdipity, Dolcelei, Sciura Pina e Oscar

Con molto orgoglio…