Categorie
Archivi

Articoli marcati con tag ‘Personale’

Salendo al Colle delle Finestre in mountain bike

Questa volta non parlo di politica, gossip o economia ma di sport. Di sport praticato per l’esattezza.

Chi mi segue e mi conosce sa della mia passione per gli sport in genere, per quelli di “fatica” in particolare. Tra questi sicuramente il ciclismo, mountain bike per la precisione, è in cima alla lista. Se  poi capita di riuscire a praticarlo in montagna (visto che ormai mi sono precluse camminate e trekking) bè, direi che il connubio diventa per il sottoscritto veramente unico e stimolante.

Purtroppo per una serie di vicissitudini fisiche e non in questi ultimi anni non sono riuscito ad allenarmi con regolarità e continuità. Anzi, diciamo pure che meno di 200km in un anno mi permettodo di dire che non mi sono allenato proprio. Ma nel ciclismo la componente fisica é si importante ma é solo una parte di quanto serve. Così la scorsa settimana, fidando di più sull’altra componente, quella mentale, ho deciso di dedicarmi una giornata ad affrontare quella che a detta di molti rimane una delle salite più dure e difficili mai affrontate nel ciclismo, ovvero la salita del colle delle Finestre.

Qui di seguito qualche dato tecnico e l’altimetria della “mia” salita.

Partenza : da bivio SP172-Frais mt. 691 slm (mt. 486 slm da bivio SS24)
Arrivo : Colle delle Finestre mt. 2176 slm
Dislivello: mt. 1485 (mt. 1694 da bivio SS24)
Tempo di ascesa: 4h 22′ (soste escluse)

 colle_delle_finestre_altimetria

Sveglia alle 7, colazione abbondante (ma non troppo) e in sella da Gravere, partenza subito in salita tanto per ‘farsi le gambe’ fino a sopra la frazione dell’Arnodera e poi da lì seguo la strada per Meana di Susa dove imbocco la strada per il colle delle Finestre al km. 2,4 dei 18,6 “nominali” della salita al colle. A separarvi dalla vetta (a detta delle varie recensioni lette) ci sono 33 tornanti ma, se posso darvi un consiglio, non contateli perché ben presto potreste perdere il conto perchè vi sembra tale anche un semplice cambio di direzione.

Leggi il resto di questo articolo »

Da oggi (per qualche tempo) più che Walk Of Life…

Son stati giorni che han lasciato il segno
e stare al mondo è già di più un impegno
e adesso giri con in tasca un pugno
nell’altra tasca il tuo rimario
….
Son stati giorni di tempesta e vento
ed era pronto solo chi era pronto
ma adesso sai a cosa vai incontro
chi non è morto è già più forte

[da ‘Quando canterai la tua canzone‘ – Ligabue 2010]

Queste parole di un brano a me molto caro sono, più o meno, il sunto ed il motivo della mia assenza di questo ultimo periodo.

Un’assenza dal mondo 2.0 che, mio malgrado, rischia di allungarsi ancora e che vedendo alcuni di voi scrivermi (a proposito, grazie di cuore!) per informarsi e sincerarsi delle motivazioni mi ha convinto a scrivere questo post. Anche perchè, volente o nolente, questo spazio dopo tanti anni è diventato un po’ il “polso” del mio status e vederlo abbandonato non fa piacere, né a chi aveva l’abitudine di leggerlo e nemmeno a me.

Leggi il resto di questo articolo »

Anno nuovo, merda vecchia quindi… atteggiamento nuovo!

In primis, anche se con un po’ di “voluto” e consapevole ritardo… buon anno nuovo.

La befana (e non parlo della Merkel) se n’è appena andata e questo più e prima delle sigle pubblicitarie e dei Jingle natalizi segna la fine del periodo festivo e obbliga ad un ritorno alla realtà, una realtà che non va bene per la maggior parte di noi, che nelle previsioni sembra promettere di andare anche peggio cammin facendo e che fa di tutto per lasciare poco spazio ad entusiasmi o speranze perchè se è vero che c’è un proverbio che dice che “la speranza è l’ultima a morire” è altrasì vero che ne esiste un altro che dice che “chi vive sperando muore cagando”!

Personalmente ho avuto e ne sono totalmente consapevole, la fortuna ed il privilegio di passare delle vacanze in famiglia, una famiglia la mia dove c’è poco spazio per scene da spot del Mulino Bianco ma dove c’è una indefettibile ed incrollabile certezza, insegnataci e tramandata dai nostri genitori, che nessuno sarà mai solo nonostante situazioni della vita e distanze geografiche facciano pensare il contrario. Ho avuto modo e tempo di vivere momenti unici, che forse non avranno modo di ripetersi e che proprio per questo trovo ancora più belli e gratificanti e mi danno la certezza che, come canta Jovanotti… io non sono solo!

Leggi il resto di questo articolo »

Auguri natalizi… in periodo di crisi

 

Tanto affannarsi quando poi tanto…

Io vorrei… non vorrei… ma se vuoi…

Queste parole di Lucio Battisti sono quelle che più e meglio di altre, caratterizzano questo periodo. Giornate frenetiche, senza un attimo di tregua, che vedono il mio tempo suddiviso tra l’organizzazione e lo smazzamento del lavoro e lo smazzamento e basta (l’organizzazione da tempo ormai l’ho abolita) dell’ordinaria amministrazione di una casa, di una famiglia e della propria vita dove mai come in quest’ultimo periodo, la sensazione che volere non sia potere, si dimostra ineluttabilmente vera.

A pagare questa crisi di tempo c’è inevitabilmente anche il blog.

Leggi il resto di questo articolo »

I 150 anni visti dai Chit brothers

Aspettavo un’idea, uno spunto per onorare degnamente quest’anniversario.

Non sono riuscito ad andare oltre ad un semplice ma sentito header.

Le parole le prendo in prestito, non me ne vorrà, dall’ultimo commento al post precedente del brother.

Leggi il resto di questo articolo »

Anno nuovo, quesiti vecchi

Anche se un po’ in ritardo sulla tabella di marcia fissata nel post precedente (merito del triplete-di-sfiga a livello sanitario vinto a fine anno) eccoci qui ad iniziare questo 2011. Ho raccattato qua e la la voglia necessaria, ho messo al blog un vestitino nuovo che spero piaccia e continuo a cercare le risposte, non fosse altro secondo la teoria delle Sliding-doors…

E se Zarathustra fosse nato muto? …

Se Noè invece di un’arca avesse costruito una semplice canoa? …

Se invece delle tavole con i comandamenti Mosè avesse trovato una scatola di preservativi? …

Se Giovanna  d’Arco non avesse giocato con il fuoco sarebbe morta bruciata? …

Vado che le domande incalzano intanto, dimenticavo, anche se in grandissimo ritardo (ma farli prima dicono porti sfiga): buon anno!!

2011 anno del…

Ebbene si, non sono riuscito a prepararmi a dovere con l’abituale riassunto in pillole dell’anno che sta finendo. Forse perchè di pillole, da un paio di giorni, ne sto già prendendo tropper per gola, febbre e chi ne ha più ne metta!

Non potevo (e chi l’ha detto penserà qualcuno di voi??) però non lasciare un piccolo saluto ad hoc, non tanto per salutare questo 2010 che sta finendo, quanto per accogliere a dovere il nuovo anno, questo 2011, per i Maya penultimo anno prima della fine del mondo. E così sono andato a vedere un po’ cosa se ne dice in giro di questo ‘nuovo ano‘ come l’ha pronunciato ieri sera il Pontefice durante i saluti. Ma come sarà questo nuovo anno? Bè, questo potrà dirsi solo dopo casomai, quel che si possono svelare sono i propositi e le intenzioni e queste dicono che il 2011 sarà…

Leggi il resto di questo articolo »

Pensieri di fine anno in ordine sparso

Eh si, da tempo mi riprometto di riprendere in mano con regolarità  le redini di questo blog, di superare la nausea che l’attualità e le sole parole spesso ultimamente mi lasciano, ma soprattutto spero di riuscire a riappropriarmi del mio tempo! Ma visto che l’anno ormai sta per finire e da qui alla fine temo che il tempo da dedicare a blog & blogosfera sarà ancora meno, un piccolo cenno di vita mi sembrava doveroso. Anche perché comunque, scherzando e ridendo, siamo arrivati anche quest’anno a girare quelli che sono gli ultimi fogli di un calendario che tra pochi giorni sarà improvvisamente ‘passato’ e diventerà, piaccia o non piaccia, storia.

Chi ha deciso tutto questo? Bè, semplice, il tempo o meglio il suo incedere, implacabile, che fa diventare l’attualità ricordo e trasforma l’oggi velocemente in ieri.

E quindi? Quindi, tanto per non ’perdersi’ e ritrovarsi a vivere passivamente  in questo meccanismo infernale che a volte malediciamo, altre volte (mi auguro per tutti molte di più) esaltiamo e che comunque è la nostra esistenza, si finisce per cercare dei riferimenti, dei punti fermi o minimamente stabili, che ci permettano di non perdere la bussola. Ed il Natale, il periodo natalizio in genere, sicuramente è uno di questi momenti di riferimento che fin da bambini molti di noi si portano dietro.

In questi ultimi anni però, complice l’incapacità di staccarmi completamente dalle realtà che mi circondano vi confesso che non sento più tanto questa festa, come in genere sento poco o nulla tutto ciò che risulta ‘comandato’ o ‘imposto’, siano feste o altro.

Leggi il resto di questo articolo »

Dalle parole ai fatti

In questi giorni non si fosse notato, risulto un po’ latitante dalla blogosfera ma chiariamoci subito, nessun viaggio a Santa Lusia, nessuna compravendita di ‘voti’, solo la naturale prosecuzione di un cammino iniziato tempo fa. Iniziato quando improvvisamente mi sono sentito saturo, satollo di sole parole ed ho avuto l’opportunità di poter passare all’azione, ai fatti. O almeno provarci.

Chi mi conosce lo sa, non sono tipo da auto-incensamenti, né tanto meno alla caccia di popolarità, quindi bypasso quello che sono stati questi ultimi due anni e come l’evolversi dei fatti mi abbia offerto occasioni di reale impegno (tempo in primis ed in cascata il resto) per obbiettivi che sono poi quelli che un po’ tutti noi perseguiamo nei nostri blog e cioè fare informazioni e lottare per promuovere le istanze di coloro che ne hanno meno. E così, dopo aver collaborato su e giù per l’Italia per questa o quella manifestazione o evento, è arrivata anche l’occasione di crearne uno a Trieste. L’occasione è rappresentata da un convegno a cui la ns. Associazione parteciperà direttamente ed a margine del quale abbiamo organizzato la presentazione del libro ‘Evviva la neve’ di Delia Vaccarello, persona molto sensibile e vicina alle istanze ed alle richieste del mondo lgbt.

Leggi il resto di questo articolo »

Segui il blog via email:

Visita il sito ufficiale
Inserisci il tuo indirizzo email:


Questo blog è
Leggi il post
clicca sul logo
per saperne di più
Questo blog sostiene:
Mi trovi anche su:
Le mie foto su Flickr
Nuovi ospiti nelle acque della città... Billy versione 'spia' header Tramonto triestino     
Premi e Riconoscimenti

In classifica
Tra i primi 10
Uno dei più belli
sito internet

Secondo classificato come

nei prossimi anni non ho intenzione di partecipare al concorso quindi il secondo posto è libero


Premio D eci e Lode
da Giorgia, Sara, Simona, Kit Jr. e Chiara

Thinking Blogger Awards
da Pibua, Giuseppe T. e UMI

foca.jpg
da Sciura Pina e Paola

Premio Symbelmine
da Silvia

logo del premio
da Ed, Giangidoe, Pibua, IvanSantoro, Guccia, Weblogin e Anna

logo del premio
da La Tela di Aracne, Nido di Scricciolo, Synnovea e Serendipity

logo del premio
da Occhidigiada

logo del premio
da Elle, NadiaFlavio, SERENdipity, Dolcelei, Sciura Pina e Oscar

Con molto orgoglio…