Categorie
Archivi

Articoli marcati con tag ‘rifiuti’

Sfogliando i giornali online

Obama parlando alla comunità gay dichiara che “Ogni americano ha gli stessi diritti” , poi però poche righe più sotto leggo anche “New York, centinaia di arresti tra i dimostranti anti-Wall Street“: e mi chiedo se i fermati erano tutti stranieri o se forse nella “sua” America esistono diritti e… rovesci.

La Simo-nazionale dichiara tronfia: “Ora sono pronta per uno show politico” e per una volta non riesco a dissentire con lei: vista l’attuale qualità della politica italiana non esiste conduttrice più adatta ed all’atezza di lei per il ruolo.

Rifiuti, sindaco di Napoli: ”E’ falsa la notizia di nuove discariche in città”; tranquilli, è sempre solo la stessa che si sta ingrandendo e pian piano sta occupando tutta la città!?

Processo Ruby 2, la Minetti a sorpresa in aula” – secondo me la sorpresa non è tanto nel vederla in aula quanto più nel vederla vestita…

Metà zar, metà rockstar: Russia delusa da Putin; secondo me è pure mezzo (voglio esser magnanimo ndr) mafioso quindi… i conti non tornano!

[notizia di servizio] Il Chit è quasi giunto a metà dei lavori a casa; la notizia non è stata riportata su nessun quotidiano, ve la do in esclusiva io e credo che tra le tante sia quella che vi crea meno curiosità ma, probabilmente, è anche l’unica che fuoriesce dal solito panorama di un’attualità e di un’informazione sempre più tristemente un po’ figlia del copia-incolla ed un altro po’ figlia di…

Vabbè… buona settimana a tutt*!

I nuovi eroi di Stato

Vittorio Mangano:  “Un eroe”  (Marcello Dell’Utri,  08/04/2008)

Impregilo: “Siete degli eroi” (Silvio Berlusconi, , 26/03/2009)

Ed io che avevo sempre pensato come eroi gente tipo Batman, Spiderman,
Tex Willer, Falcone, Borsellino…  niente!!


Intanto ieri all’inaugurazione del termovalorizzatore di Acerra,
come conferma lo stesso Premier:


(vignetta gentilmente offerta dal brother)

La Chiesa un po’ meno ma lì “recuperano” consensi con il voto sul testamento biologico!


Napoletani, potete prendere due piccioni con una fava: ferie + rifiuti

E’ periodo di vacanze e, come ormai triste tradizione, quest’anno si respira aria di crisi economica. Quindi, molte famiglie saranno giocoforza obbligate a rinunciare alle ferie fuori città. Altri invece faranno mutui e chiederanno prestiti alle finanziarie pur di aver qualcosa di cui vantarsi a settembre con colleghi e amici ma dei coglioni preferisco non parlare.

Quello che desidero fare invece è dare un consiglio agli amici, in particolar modo a quelli napoletani, su come “muoversi”. Si sa, Napoli è famosa per personaggi come Totò e Peppino, per la pizza, lo è stata in passato in ambito marinaro grazie alla flotta Lauro e lo è stato (suo malgrado) di recente grazie alla vicenda dei rifiuti.

Allora sono sicuro che gli amici partenopei mi ringrazieranno per l’idea che sto per dargli. Veramente non l’ho avuta io, l’hanno avuta Dr. Marcus Eriksen, Joel Paschal, Anna Cummins che hanno pensato di costruire una zattera riciclando un vecchio aeroplano Cesna e circa 15 mila bottiglie in Pet, unite insieme da corde realizzate con vecchie buste di plastica e con questa (udite-udite) fare rotta niente popò di meno che verso le Hawaii! Duplice risultato: sgomberare le strade e farsi le vacanze. Hanno anche un blog dov’è possibile seguire quasi in tempo reale la loro avventura se non ci credete.

Come dite? Ah, a Napoli manca la materia prima perchè l’emergenza rifiuti è terminata? (così almeno hanno detto Berlusconi ed il Tg4). Bè, perdonatemi ma da quel che ho letto qui e qui mi risulta tutt’altro ma… forse mi sbaglio…

[tags]italia, napoli, rifiuti, ambiente, junkraft, vacanze[/tags]

RIFIUTI: sembra una never ending story!

Adesso che i rifiuti (forse!) stavano cominciando a sparire dalle nostre strade… ne arrivano altri.

Clip_4

Uffa!!

Meno rifiuti? Yes we can

Pensate parli di nuovo di politica? Naaa, anche se visti gli spunti ne avrei una voglia… però restiamo comunque ‘in tema’, infatti parlo di rifiuti, magari non della società come i politici ma di quelli materiali. Alzi la mano chi ha letto questa bella notizia?

ecologos-dispenser.jpgProvate un momento a pensare di applicare questo tipo di distribuzione anche ad altri prodotti quali oli, latte, etc. Pensate a quanti ne consumate nel vostro nucleo familiare, a quanti contenitori (quasi sempre di plastica) buttate via periodicamente e poi pensate se questi rifiuti improvvisamente non esistessero più. Voi andate al vostro supermercato, comprate il quantitativo che volete voi (altro risparmio) del prodotto che vi interessa, lo imbottigliate, lo pagate e quando è finito riportate il “vuoto” al supermercato che provvederà a sterilizzarlo mentre voi potrete ripetere l’acquisto utilizzando un altro contenitore.  

Non so come la pensiate voi, ma io questa iniziativa la reputo a dir poco sensazionale! Questa iniziativa mi risultava essere già in fase di sperimentazione (anche se c’è poco da ‘sperimentare’ ndr) in alcuni supermercati della Liguria e nelle Marche ed invece oggi  scopro che è operativa da tempo anche in Piemonte e non solo; se siete interessati a promuovere l’iniziativa nel vostro territorio esiste un sito in cui è possibile saperne di più.

Io ho già provveduto a stamparmi un po’ di documentazione che porterò al mio supermercato e mi auguro anche ognuno di voi faccia altrettanto. E’ un classico esempio di come VOLENDO si può fare qualcosa per l’ambiente e poco m’importa se queste notizie le dovrebbero dare i Pecorari-Scani, le associazioni ambientaliste o i media; non lo fanno loro? FACCIAMOLO DA SOLI!!

Se ci credete diffondete il più possibile l’iniziativa che tra l’altro, oltre all’ambiente, sposa alla perfezione un’altra emergenza molto forte, quella del risparmio (e forse anche per questo non ce ne parla nessuno)! E scusate se è poco…

Link all’iniziativa (con elenco dei punti vendita in Piemonte)

[tags]attualità, ambiente, rifiuti, ecologia [/tags]

Assisi e i cassonetti d’autore

E’ di oggi la notizia che il comune di Assisi ha commissionato dei cassonetti artistici decorati da pittori italiani. Il primo è stato fatto da tale Massimiliano Bardi e posizionato nel centro storico di Assisi. Dall’amministrazione l’invito a tutti gli artisti che hanno voglia di farsi conoscere ma soprattutto piacere di abbellire la città. (Fonte notizia)

Pronta la replica da Napoli: «bè, da mò che noi li decoriamo!».

Qui di seguito una piccola galleria d’immagini tratte dall’ultima biennale della munnezza tenutasi nel capoluogo campano e provincia.



(clicca sull’immagine per ingrandirla)

Per completezza d’informazione sull’argomento, perchè credo sia sempre bene far parlare coloro che queste vicende le vivono direttamente, vi consiglio la lettura di questo post estremamente indicativo di come le colpe non siano solo di camorra, governo o chi altri ma anche, E TANTO, della maleducazione e del menefreghismo proprio di tanti di coloro che oggi magari protestano!

[t

Raccolta differenziata rifiuti, soluzione o presa in giro?

Da tempo in Italia, compatibilmente con le altre news di giornata, si parla di emergenza rifiuti e vi confesso di aver sempre avuto un’idea abbastanza precisa in merito a cause e colpevoli per questa situazione.
Io ho la fortuna di vivere in un’isola ‘felice’ da questo punto di vista. Il mio è un paesino dove si nota (in negativo) colui che butta la carta delle patatine per terra o sporca, pertanto ho sempre pensato che fermi restando questi valori di rispetto dell’ambiente e del prossimo il problema se ne sarebbe stato alla larga.

Ed invece amaramente devo constatare che:


(clicca per ingrandire l’immagine)

Praticamente il nostro sindaco ufficializza quello che più o meno tutti avevamo notato e cioè il fatto che da qui a poco, a pagare la scelta di procedere alla raccolta differenziata nei paesi confinanti al nostro saremo proprio noi! Infatti, essendo assolutamente improponibile, un po’ per educazione ed un po’ per reale scomodità, la raccolta differenziata, gli abitanti dei paesi vicini hanno pensato bene di venire ad utilizzare i nostri cassonetti per depositare liberamente ciò che nel loro comune dovrebbero fare in modalità e tempistiche molto più rigide. Pertanto mi viene da pensare che la raccolta differenziata (aldilà di quello dimostrato da Report sul “come” viene gestito lo smaltimento ndr) così gestita NON STA’ IN PIEDI. Così com’è ora non porta soluzioni ma solo una transumanza di immondizia verso il primo comune limitrofo senza ‘vincoli’ di tempistiche e tipologie di raccolta.

COMPLIMENTI di cuore a chi continua a sperperare denaro pubblico ed a pensare che questa sia la soluzione al problema, bravi proprio!

 

Assorbenti: parola di Beppe Grillo. E la vostra quale è?

E’ di qualche tempo fa un mio post su Beppe Grillo e sul suo blog. Non che voglia fargli la “guerra” ci mancherebbe, chi mi conosce lo sa che sono contro la violenza e non ancora troppo ‘coglione’ (checchè il nano ne dica) da farmi schiacciare da lui, dal suo blog e dalla sua schiera di fans. Però, a mio avviso, alidilà di alcune corrette intuizioni e battaglie che il buon Beppe ha intrapreso e vinto in questi anni, da qualche tempo l’ho catalogato non più nella categoria dei comici bensì dell’informazione e, come tale, cerco di verificare e capire ciò che dice nei suoi spettacoli.
Nell’ultimo spettacolo a Trieste ha ad esempio messo in evidenza il problema dei rifiuti e del loro smaltimento, problema ogni giorno più attuale in Italia visto che siamo diventati un Paese di soli “NO” e tra questi no c’è anche quello alle discariche. Giusto? Sbagliato? Non sta a me dirlo e non qui. Però, da qualche parte, questi rifiuti li dovremo pur mettere oppure, dovremmo essere in grado di non produrne più, giusto? Beppe Grillo nel suo spettacolo aveva segnalato il problema dello smaltimento dei prodotti per il ciclo mestruale delle donne; pannolini ed assorbenti infatti rientrano nell’elenco dei prodotti con il maggior rapporto peso/volume che ne rende onerosa la distruzione. Si era “infervorato” riferendosi alle donne presenti al palazzetto sostenendo che la soluzione c’era e bastava adottarla. Qual’è la soluzione? Questa:

Si chiama Keeper e (riporto testualmente dal sito del distributore) è una coppetta mestruale in morbida gomma riutilizzabile, lunga circa 5 cm. Se adeguatamente trattato può durare fino a 10 anni. Sostituisce i tradizionali assorbenti interni, ma non assorbe il flusso mestruale, lo raccoglie: aderisce alle pareti vaginali permettendo al fluido mestruale di depositarsi senza gocciolare e senza odori. La naturale flora ed il grado di umidità dell’ambiente vaginale non vengono alterati. Il Keeper si svuota, si sciacqua e si reinserisce. Si può indossare anche per 8 ore consecutive. Si svuota circa 3-4 volte in 24 ore, a seconda del flusso. (Mediamente l’intero ciclo mestruale di una donna porta alla fuoriuscita di 90-120 ml di sangue. La coppetta Keeper può contenere fino a 30 ml di liquido)…

L’altra settimana ho scritto una mail a Beppe Grillo sull’argomento chiedendo se per caso sua moglie e le sue figlie lo usassero e come si trovavano, promettendogli, eventualmente, di pubblicizzare il tutto. Messaggio letto (me l’ha detto il suo server) ma nessuna risposta (potere dell’esser famosi credo).

Siccome si dia il caso che non abbia ancora avuto problemi di questo tipo chiedo ai lettori e sopratutto alle lettrici di questo blog, Voi cosa ne pensate?

[Post scelto da LiberoBlog il 17/05/2007 come argomento di discussione del giorno (link)]

Segui il blog via email:

Visita il sito ufficiale
Inserisci il tuo indirizzo email:


Questo blog è
Leggi il post
clicca sul logo
per saperne di più
Questo blog sostiene:
Mi trovi anche su:
Le mie foto su Flickr
Nuovi ospiti nelle acque della città... Billy versione 'spia' header Tramonto triestino     
Premi e Riconoscimenti

In classifica
Tra i primi 10
Uno dei più belli
sito internet

Secondo classificato come

nei prossimi anni non ho intenzione di partecipare al concorso quindi il secondo posto è libero


Premio D eci e Lode
da Giorgia, Sara, Simona, Kit Jr. e Chiara

Thinking Blogger Awards
da Pibua, Giuseppe T. e UMI

foca.jpg
da Sciura Pina e Paola

Premio Symbelmine
da Silvia

logo del premio
da Ed, Giangidoe, Pibua, IvanSantoro, Guccia, Weblogin e Anna

logo del premio
da La Tela di Aracne, Nido di Scricciolo, Synnovea e Serendipity

logo del premio
da Occhidigiada

logo del premio
da Elle, NadiaFlavio, SERENdipity, Dolcelei, Sciura Pina e Oscar

Con molto orgoglio…