Categorie
Archivi

Articoli marcati con tag ‘sicurezza informatica’

Google: dove controllare se la propria password é stata pubblicata

imagesAmmettiamolo, non saremo (almeno non lo saranno molti di quelli che leggeranno questo post) delle star e le nostre caselle non saranno piene di foto osè o compromettenti ma… vedere pubblicata su un sito la password di accesso al mondo Google non fa piacere a nessuno.

E’ di oggi la notizia della scoperta dell’ennesimo baco nel sistema di gestione di questi dati e del furto di qualche milionata di password degli account della società di Mountain View.

Niente di nuovo penserete voi, quasi periodicamente viene hackerato qualche server eppure… stavolta una piccola novità c’è. La novità  é che stavolta é a disposizione un sito nel quale potete verificare se il vostro account é tra quelli pubblicati, basta andare su:

isleaked.com/en.php

In bocca al lupo!

HOT-LINK: ecco un esempio di cosa sono

Nella blogosfera esistono una serie di regole magari non tutte scritte ma universalmente accettate e non basta esser uomo di potere per esserne esentato. Forse per questa incapacità di rispettare qualsiasi forma di regole e di buonsenso i politici ed i blog non sembrano andare molto d’accordo. Prova ne sono prima il Sen. De Gregorio e poi l’ex ministro Mastella con le loro tecniche “bulgare” di gestione dei commenti e da oggi possiamo aggiungere alla lista anche il sig. Francesco Storace ed il sito del suo partito. Come accaduto tempo fa sul sito di Forza Italia (ricordate?) anche nel sito de La Destra qualche giorno fa è comparsa al posto di una foto del Pantheon questa immagine:

Patheon??

Un hacker? Macchè, semplicemente il webmaster americano (che qui ha tenuto un diario in tempo reale della videnda) che per primo aveva usato l’immagine del Pantheon s’è trovato la stessa linkata dal sito de La Destra secondo una pratica che tecnicamente si chiama «hot-link» e comporta un forte sfruttamento del server in cui sono realmente memorizzate le immagini e un utilizzo praticamente nullo del server che contiene il sito visualizzato. Il proprietario ha dapprima avvisato nei commenti al post interessato della ‘violazione’ (commento num. 1235) poi, evidentemente e giustamente stufo, ha sostituito l’immagine linkata con un’altra, forse non proprio simile ma comunque (visto l’esito delle elezioni) a suo modo a tema e di “valenza storica” non trovate? E speriamo che questo serva una volta per tutte a far capire che se per la vita di tutti i giorni non abbiamo molte armi di difesa contro i furti che la nostra classe politica compie, nella blogosfera le cose cambiano!!

Fonte notizia: Corriere.it

 

Forza multinazionale in Iraq, la FIA e il copia-e-incolla

omissis

Molti di voi ricordano quanto accadde in Iraq nel 2005. Il primo maggio venne pubblicato sul sito della forza multinazinale (dovutamente oscurato nelle parti importanti e secretate) il rapporto completo della commissione Usa-Italia sul caso Calipari.

Ebbene non più tardi di mezzora dopo un’anonimo studente greco di medicina di Bologna (neanche un hacker professionista ndr) pubblicò lo stesso rapporto senza omissis facendo fare una notevole figura di cacca agli “esperti” che avevano messo online quei documenti. (per chi volesse “rinfrescarsi” la memoria, qui i documenti dell’epoca)

Si parlò di informatica, di files pdf e della loro solo apparente “sicurezza” vista la facilità con un semplice comando copia-e-incolla su un editor di testo, di vedere ogni documento decriptato. Si cercò poi di correggere il tiro parlando di “svista”, di “precisa volontà”, di inesperienza di chi aveva gestito quelle informazioni, insomma se ne parlò, riparlò e (forse) anche straparlò. Diventammo tutti, ammettiamolo, un po’ di più “esperti informatici”.

Tutti, evidentemente, meno quei geni della FIA che, a distanza di due anni, hanno pensato bene di fare la stessa identica cappella anche con i segretissimi documenti relativi alla spy-story McLaren-Ferrari. Per chi interessato infatti sono disponibili i verbali relativi all’udienza del 26 luglio con omissis e senza omissisall’udienza del 13 settembre con omissis e senza omissis.

A questo punto non resta che dire… avanti il prossimo pirla!!

 

WordPress.com bloccato in Turchia e in Thailandia

wp_access_deniedChe la libertà d’espressione e tutto quello che fuoriesce dai canoni tradizionali di comunicazione sia considerato “pericoloso” dai potenti è cosa purtroppo nota.

Casi come quelli della giornalista russa Anna Politkovskaya non ne sono che uno degli ultimi esempi. Evidentemente però anche i blog cominciano a fare paura.

E’ di una settimana fa circa la notizia che la Turchia ha bloccato l’accesso al sito wordpress.com perchè considerato “sito contenente elementi potenzialmente pericolosi”. La blogosfera s’era mobilitata in difesa della libertà di pensiero e di espressione. Manco in tempo a preparare bannerini e petizione per i “compagni” blogger turchi che, è di ieri la notizia, la stessa azione è stata intrapresa anche in Thailandia.

 

Big Brothers Awards Italia 2007; i risultati

bb_logo_breit.gif

Vi ricordate del Big Brothers Awards di cui vi avevo parlato ad aprile? In Italia, il problema della privacy ci tocca solo quando riteniamo invasa la nostra; altrove invece è dibattuto da anni e, com’è giusto che sia, anche attraverso la satira e è comunque una forma d’espressione. Ebbene sabato a Firenze sono stati assegnati quelli per l’anno 2007.

Queste le categorie in concorso ed i vincitori:

Minaccia da una vita: Parlamento italiano.
Il Parlamento italiano e’ stato premiato per avere approvato in fretta e furia una legge contro le intercettazioni abusive e la loro diffusione solo quando i parlamentari si sono visti in pericolo personalmente. Mirabile esempio di senso civico e interesse per la tutela dei diritti della cittadinanza.
Peggiore azienda privata; Telecom Italia.
Migliaia di cittadini italiani sono stati intercettati da dipendenti Telecom Italia, titolare dell’unica rete nazionale di telecomunicazioni, senza garanzia costituzionale alcuna e senza esigenze dei servizi segreti o altre eccezioni legate a stati d’emergenza particolare. I loro dirigenti nella migliore delle ipotesi hanno omesso di controllare e di preoccuparsi di cosa facevano i loro dipendenti, nella peggiore … e’ meglio non pensarci.
Peggiore ente pubblico; Comune di Milano.
E’ stato premiato per aver installato una moltitudine di telecamere nella citta’ e sponsorizzato un’iniziativa privata che propone ai commercianti milanesi un rimborso del 50% per l’installazione di telecamere sul loro pezzo di marciapiede. Per il momento l’iniziativa ha riscosso poco successo. Forse perchè i depliant non sono stati tradotti in cinese?
Tecnologia più invasiva; Google.
Brin, uno dei fondatori di Google ama ripetere ai suoi dipendenti (o almeno cosi’ si dice) “Don’t be evil.” “Non fate i cattivi”. E’ diventato ormai lo slogan aziendale. Con l’acquisto di Doubleclick.com sembrerebbe che il motto possa ora diventare “Don’t be evil, buy the Devil!”.
– “Bocca a stivale”; Paolo Gentiloni, Ministro delle Telecomunicazioni.
Recentemente ha dichiarato: “Le intercettazioni sono strumento di indagini che come tale non si puo’ eliminare, e’ nel loro diventare pubbliche che nasce il problema. I giornali dovrebbero fare una prima scrematura” – ha detto ancora – “anche se non glielo puo’ imporre la legge.” “Altra questione é, invece, quella delle intercettazioni illegali nel quale caso cioè e ci deve essere un atteggiamento più severo.” “Ai giornalisti in ogni caso, direi che, se anche filtrano dagli uffici giudiziari bisognerebbe pubblicarle se hanno rilevanza per le indagini.”

Parere personale: DA RINCHIUDERE!

Hacker su sito di Forza Italia inserisce foto dell’arresto di Berlusconi

Nella nottata è stato ‘forato’ il sistema di sicurezza del server di Forza Italia di Massa Carrara, tant’è che stamane l’home page ai suoi lettori si presentava cosi:

hp1 hp(clicca sulle immagini per vederle)

Sempre sul portale sarebbe stata inoltre pubblicata un’altra immagine. Stavolta si tratterebbe della foto che ritrae il bacio saffico tra Madonna e Britney Spears, con tanto di commento: “Sì ai Dico“.

Considerando che il primo aprile è passato da una settimana vi confesso che per un momento, breve ma intenso, ho veramente pensato ad un bell’ovetto di Pasqua. Comunque, non so Voi, ma io ho già espresso via email la mia personale approvazione per il nuovo layout grafico.


Big Brothers Award Italia 2007; aperte le nomination

Ricevo questa mattina la mail che ricorda che anche quest’anno siamo giunti al periodo delle nomination del Big Brother Award per l’Italia per l’anno 2007.

BBA-Logo-horizontal

Prima che pensiate che mi sia messo a guardare il GF7 preciso subito che questo è un “riconoscimento” che viene assegnato a chi è stato ritenuto colpevole di non aver rispettato la privacy degli individui. In Italia questo concorso esiste dal 2005 mentre in molti altri Paesi (sicuramente più attenti di noi sul discorso privacy) esiste da molto più tempo. Per chi volesse nel sito sono disponibili anche nominativi dei vincitori e motivazioni dei premi delle precedenti edizioni 2005 e 2006.

E’ possibile per chiunque, fino al 30 aprile, proporre uno o più candidati, utilizzando l’apposito form, indicandone la categoria di concorso. Il 17 maggio verranno resi pubblici i nomi dei vincitori. Queste le categorie in concorso:
Minaccia da una vita: assegnato alla persona che ha più danneggiato la privacy nella sua vita o carriera;
Peggiore azienda privata; assegnato alla società privata che abbia danneggiato maggiormente la privacy nel 2006;
Peggiore ente pubblico; assegnato all’organizzazione pubblica (ente governativo, ente pubblico, authority, etc.) che ha danneggiato maggiormente la privacy nel 2006;
Tecnologia piu invasiva; per una tecnologia che sia stata particolarmente dannosa per la privacy;
– “Bocca a stivale”; la “migliore” (più terrificante, più ridicola, più sbagliata, più falsamente tranquillizzante) affermazione pronunciata o pubblicata su un tema o fatto riguardante la privacy nel 2006.

Sarà perchè Telecom penso sia nominata di diritto e sia quasi ‘fuori-concorso’ visto il suo strapotere, ma io mi sono permesso di candidare nella categoria “Bocca a stivale” l’ex Ministro Scajola che ha dichiarato

“se non ci sono intercettazioni fraudolente non c’è nulla da distruggere”.

Ritirerò la nomination (forse) il giorno che mi fornirà i parametri per definire una registrazione fraudolenta o meno!


Microsoft Photosynth cucù e la privacy non c’è più

Parliamo di software e privacy. Cosa c’entrano? Vediamolo insieme.

Partiamo dal software; si chiama Microsoft Photosynth, è stato presentato a fine 2006 a Boston come il programma che permette di trasformare foto bidimensionali in foto tridimensionali combinando, se necessario, una fotogragia con altre decine e dando così vita a un modello a tre dimensioni dettagliato. E’ un software in grado, come fanno i nostri occhi, di interpretare gli elementi di una immagine bidimensionale e trovare dei punti in comune a cui assegnare una profondità in una griglia 3d: mentre il nostro cervello conosce la distanza tra i due occhi, Photosynth riesce a ricalcolare la scena virtuale senza sapere dove si trovassero le varie fotocamere che hanno scattato le immagini. Pertanto sarà possibile recuperare tutte le immagini scattate anche da altri utenti in un determinato luogo e ad una certa ora e visualizzarle insieme in un’unica immagine. Andando sul sito del produttore (in lingua inglese) e scaricando un file di circa 5.5mb è possibile fare un tour virtuale in Piazza San Marco a Venezia.

La qualità delle immagini molto elevata e la potenzialità del software sono sicuramente enormi. La demo è sicuramente intrigante ma mi domando e chiedo… e la privacy??

N.b. Causa “ERRORE UMANO” (e per una volta l’UMANO non sono io!) il post ‘originario’ ed i commenti inseriti fino alle ore 18 andati perduti. Il testo del post sono riuscito a recuperarlo (ti�) però i commenti ed i dati di chi era passato a salutarmi sono andati persi e non posso ricambiare la visita. Vi chiedo scusa.


Aggiornamento: in data odierna Microsoft ha comunicato di aver dismesso lo sviluppo del prodotto in oggeto (13/07/2015)

Segui il blog via email:

Visita il sito ufficiale
Inserisci il tuo indirizzo email:


Questo blog è
Leggi il post
clicca sul logo
per saperne di più
Questo blog sostiene:
Mi trovi anche su:
Le mie foto su Flickr
Nuovi ospiti nelle acque della città... Billy versione 'spia' header Tramonto triestino     
Premi e Riconoscimenti

In classifica
Tra i primi 10
Uno dei più belli
sito internet

Secondo classificato come

nei prossimi anni non ho intenzione di partecipare al concorso quindi il secondo posto è libero


Premio D eci e Lode
da Giorgia, Sara, Simona, Kit Jr. e Chiara

Thinking Blogger Awards
da Pibua, Giuseppe T. e UMI

foca.jpg
da Sciura Pina e Paola

Premio Symbelmine
da Silvia

logo del premio
da Ed, Giangidoe, Pibua, IvanSantoro, Guccia, Weblogin e Anna

logo del premio
da La Tela di Aracne, Nido di Scricciolo, Synnovea e Serendipity

logo del premio
da Occhidigiada

logo del premio
da Elle, NadiaFlavio, SERENdipity, Dolcelei, Sciura Pina e Oscar

Con molto orgoglio…