Categorie
Archivi

Articoli marcati con tag ‘sicurezza’

Qualche considerazione sulla manifestazione di Roma

Mi sa che è meglio che cominci a farmi seriamente gli affaracci miei o, in alternativa, essere più chiaro!

Nell’ultimo  post, scritto nei giorni precedenti la manifestazione di sabato scorso a Roma, avevo “chiesto” un qualcosa che caratterizzasse la nostra protesta, riferendomi più che altro al termine usato (indignados ndr). Ed invece, porca paletta, eccome se siamo riusciti a caratterizzare la manifestazione, eccome se ci siamo ‘distinti’, unici tra le manifestazioni in 952 città di 82 Paesi… porco i’mondo che tengo sotto i piedi!

Leggi il resto di questo articolo »

Genova per noi… che l’abbiamo vista in tv

Volevo scrivere una piccola riflessione sui fatti accaduti e lasciati accadere l’altro ieri sera a Genova, sopratutto pensando e ripensando a quei giorni del 2001 in cui nelle stesse strade i manganelli non si facevano molte premure di dove e come colpissero. Poi però vi confesso che la rabbia ha avuto la meglio sulle parole quindi prendo in prestito queste parole di una canzone del grande Paolo Conte:


Con quella faccia un po’ così
quell’espressione un po’ così
che abbiamo noi prima di andare a Genova
che ben sicuri mai non siamo
che quel posto dove andiamo
non c’inghiotte e non torniamo più.

[Paolo Conte – Genova per noi (1975)]

e ringrazio il brother che ha pensato bene di riassumere i pensieri in questa vignetta:

Leggi il resto di questo articolo »

Siamo un popolo senza libertà

556 o 156, dipende dalle fonti, comunque sempre troppi mi pare. No, non sono la sigle dei nuovi modelli dell’Alfa Romeo ma è il numero dei divieti emessi tramite ordinanza dai sindaci d’Italia per quest’estate. La fonte dell’articolo, ripresa poi da vari quotidiani, pare sia il Secolo d’Italia e avrei tanto voluto leggere l’articolo originale ma se si prova ad accedere al sito… bè provate anche voi. Da quel che ho appreso però il panorama dei divieti è ricco.

A Voghera ad esempio è vietato sedersi sulle panchine dopo le 23 in più di 3 persone mentre a Viareggio ci si può sedere a qualsiasi ora ma (giustamente!) non ci si possono poggiare i piedi sopra. Mi chiedo se serva fare un’ordinanza o basti un po’ d’educazione per tutto questo…

Se vi capita di avere irresistibilmente fame attenzione a dove siete. A Trapani per esempio dopo mezzanotte niente chiacchiere mangiando un gelato, a Roma niente consumazione di cibo davanti la fontana di Trevi mentre a Venezia divieto assoluto di consumare alimenti e/o bevande sui gradini dei monumenti. Non si sa bene se ad arrabbiarsi siano state fontana e gradini o i locali in zona ma tant’è!?

Leggi il resto di questo articolo »

Bossi ha ragione ma di chi parla?

Che in Italia ci sia un clima volutamente (o ignorantemente, fate voi!) sempre più d’intolleranza verso chi non è come se stessi e che permette di vivere ai margini della giustizia (qualcuno anche oltre gli stessi) diciamocelo chiaramente è cosa nota. Quindi con tutti questi sceriffi e “volontari del manganello”, più o meno legalizzati, c’era d’aspettarselo che prima o poi sarebbe potuto succedere anche questo.

Quello che non capisco bene è solo questo titolo dell’Ansa di stamattina:

bossi_massa_carrara

Secondo voi quando parla di “pirla” si riferisce ai rondaioli di destra, a quelli di sinistra, ai poliziotti o comincia ad emergere nel suo subconscio qualche senso di colpa?

[tags]italia,massa carrara,politica interna,ronde,sicurezza,bossi,ansa,media[/tags]

Porto d’armi e senilità

anziano_pistolaE’ di qualche giorno fa la denuncia di Letizia, è inutile che cominciate a sorridere, non parlo Letizia Noemi bensì di Letizia Enzo. Questo signore è (non so ancora per quanto viste le sue uscite sul ddl intercettazioni ed altre leggi recenti)  segretario nazionale dei funzionari di polizia e denuncia come le lobby delle armi riescano ad influenzare ed a condizionare gli uffici legislativi del ministero dell’Interno. Secondo le leggi vigenti infatti:

La procedura per il porto d’armi  prevede il rilascio del certificato anamnestico da parte del proprio medico curante, che di fatto però è un’autocertificazione, tant’è che al termine c’è una assunzione di responsabilità da parte di colui che fa richiesta del certificato. Con questo documento si va dal medico legale della Asl che nel 99% dei casi si limiterà a confermare il certificato...

In fondo siamo il popolo delle libertà quindi perchè stupirsi?! Infatti più che stupirmi, come ormai abitudine da quando ho realizzato che abbiamo un esecutivo xenofobo e libertino (sotto tutti i punti di vista!), sono andato a vedere le possibili ripercussioni sulla “nostra” vita di tutti i giorni.

Pensate ad esempio al pensionato 68enne di Cassano Nuovo (Pordenone) che ha ‘ucciso’ con ben cinque colpi d’arma il pc (si avete letto bene) colpevole di crash ripetuti. Insomma, stavolta se l’è presa con un pc ma ci pensate se per caso ce l’avesse avuto con un vicino per il volume della tv troppo alta o con dei bambini rumorosi in giardino? C’è poco da stare allegri sapete perchè, sempre in base alle leggi vigenti il pensionato è stato si fermato, l’arma (solo quella) sequestrata e poi lo stesso è stato rimesso in libertà, libero di andarsi a comprare un altra arma.

Mi sembra lampante che oltre le leggi anche i tempi sono cambiati; una volta, diventati anziani, al massimo si rischiava di sparare qualche cazzata, invece oggi…

[tags]italia,pordenone,attualità,sicurezza,polizia,enzo letizia,armi,notizie curiose,informatica,politica interna,senilità[/tags]

La solita Italia: stop a Schengen ma bovinamente!

Come molti di voi sapranno, nonostante i moniti del Presidente della Repubblica che indicano chiaramente da dove vengano “certi pericoli”, dal 28 giugno al 15 luglio sui confini nazionali sarà sospeso il Trattato di Schengen. Si, quello che permette la libera circolazione dei cittadini tra gli Stati membri della Comunità Europea.

E’ stato detto “… come per il precedente G8 di Genova” il che, dopo una doverosa toccatina di zebedei, fa sorgere subito spontanea una domanda: ma è poi andato così bene quel G8 del 2001 da riproporre le stesse “misure”?? Ho qualche dubbio sinceramente e da quel che mi ricordo essere stati gli accadimenti inviterei i nostri governanti a non rievocare con toni troppo trionfalistici quei giorni.

Tuttavia più che essere sempre il solito ‘bastian-contrario’ a prescindere, quello che  mi premeva evidenziare  è l’interpretazione delle leggi, sopratutto in zone di confine come questa. Ebbene, la storia di Trieste è nota più o meno a tutti. Io, senza entrare nei dettagli, vi ricordo solo che la maggior parte dei triestini ha ancora case e parenti in Slovenia e Croazia (che distano pochi chilometri dalla città) e quindi è abitudine nei weekend spostarsi oltre confine. Bè, credo che a tutto (specie dopo il G8 ndr) erano pronti i triestini meno all’amara sorpresa di trovarsi code anche in uscita dall’Italia! In fondo se il G8 si tiene a L’aquila è abbastanza difficile pensare che il no-global o black-block di turno presente in Italia per ingannare il tempo decida per gite fuori porta o almeno… io non riesco a pensarlo. Credo più alla solita applicazione “bovina” (con rispetto per la categoria) delle leggi senza il minimo sforzo da parte di legislatore e/o forze dell’ordine di interpretarlo secondo la realtà, che è poi forse uno dei limiti di un po’ tutto il sistema giudiziario.  O forse mi state dicendo che i blocchi in uscita sono stati messi per arginare questo “tipo” di fughe all’estero? Perchè se così fosse cari Signori forse siete un po’ fuori strada…

Forse come diceva Herman Hesse “Ciò che rende l’esistenza preziosa sono solo i nostri sentimenti e la nostra sensibilità“. Forse chi decide il nostro vivere non è poi in possesso di buoni sentimenti e men che meno di sensibilità!

[tags]italia,g8,l’aquila,schengen,slovenia,croazia,politica interna,sicurezza,leggi,fuga di cervelli,trieste,herman hesse[/tags]

Per la serie ‘riscopriamo la lingua italiana’…

Siccome sempre più personaggi usano e abusano di vocaboli senza la giusta misura, mi vedo costretto ad una piccola precisazione: caro Papi non questa bensì QUESTA è “un’aggressione scandalosa” e a ben vedere… neanche da parte del solito extracomunitario stavolta!?


Ronde & rondaioli

  
… c’è anche questo rischio …

(clicca per vedere la vignetta del brother)

[tags]le vignette di ACh,politica interna,ronde,associazioni,sicurezza,italia[/tags]

Spray tosti per tutti i gosti!

 
In origine esistevano quelli abbronzanti, poi quello per i capelli più spessi e robusti (gioia del buco dell’ozono). Se, utilizzandoli, li si confondeva poteva capitare al massimo di trovarsi i capelli più “abbronzati” o la barba un po’ più “robusta”.

Ma il “progresso” (o almeno quello che spacciano per tale) non si ferma giusto?

Leggi il resto di questo articolo »

Ho tentato di stuprare il collega!

Quando l’ho fatto non me ne sono accorto ma poco fa mi è caduta una penna sotto la scrivania ed … è successo!?!

[tags]italia, sentenze, cassazione, sicurezza[/tags]

Segui il blog via email:

Visita il sito ufficiale
Inserisci il tuo indirizzo email:


Questo blog è
Leggi il post
clicca sul logo
per saperne di più
Questo blog sostiene:
Mi trovi anche su:
Le mie foto su Flickr
Nuovi ospiti nelle acque della città... Billy versione 'spia' header Tramonto triestino     
Premi e Riconoscimenti

In classifica
Tra i primi 10
Uno dei più belli
sito internet

Secondo classificato come

nei prossimi anni non ho intenzione di partecipare al concorso quindi il secondo posto è libero


Premio D eci e Lode
da Giorgia, Sara, Simona, Kit Jr. e Chiara

Thinking Blogger Awards
da Pibua, Giuseppe T. e UMI

foca.jpg
da Sciura Pina e Paola

Premio Symbelmine
da Silvia

logo del premio
da Ed, Giangidoe, Pibua, IvanSantoro, Guccia, Weblogin e Anna

logo del premio
da La Tela di Aracne, Nido di Scricciolo, Synnovea e Serendipity

logo del premio
da Occhidigiada

logo del premio
da Elle, NadiaFlavio, SERENdipity, Dolcelei, Sciura Pina e Oscar

Con molto orgoglio…