Categorie
Archivi

Articoli marcati con tag ‘tecnologia’

Google Maps: seguilo e ti schianterai!

Oggi parliamo di tecnologia e più precisamente di navigatori satellitari, anche se ne scrivo da persona che si avvale della facoltà di fare volentieri a meno di una voce che mi dice “girare, rallentare, dare precedenza,tra tot metri fare questo” etc.

Ma si sa, per fortuna non siamo tutti uguali e quindi da un po’ di tempo a questa parte in Italia pare esserci stato un boom di vendite, quasi la gente sentisse un disperato bisogno di farsi guidare o, più semplicemente, attorniato da tecnologie di tutti i tipi, non sia più in grado di fare nulla da sola, manco consultare una cartina stradale. Anche il colosso Google, nella sua applicazione Google Maps, ha recentemente implementato la funzione streetview dicono (loro) con ottimi risultati, per facilitare i viaggiatori, tant’è che accedendo al servizio e richiedendo un percorso, è possibile cliccare in corrispondenza di una piccola macchina fotografica e visualizzare l’immagine associata a quel punto del percorso. Questa funzione può tornare particolarmente utile in presenza di incroci o bivi che potrebbero trarre d’inganno il viaggiatore quindi l’iniziativa è sicuramente da lodare, va da se che almeno per quelle che sono le regole base in vigore neli paesi NON anglosassoni (tipo segnali e sensi di marcia) ci sia ancora un po’ da lavorare per rendere affidabile. Che ne dite?

Zink Cam, la Polaroid Digitale

Alzi la mano chi di voi in passato non ha mai tenuto in mano, visto o (i più fortunati) scattato qualche foto con la mitica Polaroid la famosissima macchina fotografica istantanea in voga negli anni ’80.

polaroid.jpg

Zink Cam è la sua versione moderna. Unisce a una macchina fotografica digitale da 7 megapixel, con zoom ottico 3x e display da 2″, una stampante incorporata, che riproduce le immagini in formato 50×76 mm, senza l’utilizzo di inchiostro.

zink.jpg

Il suo funzionamento è alquanto interessante: una testina riscaldata, entrando in contatto con una speciale carta costituita da tre strati di polimeri cristallini, variando la temperatura e la pressione esercitata su un determinato punto del foglio, ricrea immagini a colori.
A differenza di quanto si potrebbe immaginare anche i costi, tutto sommato, sono contenuti: la stampante da sola costa 100 dollari (circa 77 euro), mentre la versione combinata, fotocamera e stampante, costa 200 dollari (circa 154 euro).

Link al sito della notizia: http://www.zeusnews.it/

 

Auguri ‘copia-e-incolla’; che tristezza!

Ben trovati nel 2007 e AUGURI a tutti.

Quest’oggi qui a Trieste tempo piovoso, vento, freddo, insomma… niente che invogliasse ad alzarsi dal letto e venire al lavoro. In più ho ancora (quasi immutati) i sintomi del 31 e quindi dopo aver terminato il vecchio comincio anche il nuovo anno con raffreddore e mal di denti. Proprio mentre sto scrivendo la radio passa la canzone del Liga “…cosa vuoi che sia, passa tutto quanto, solo un po’ di tempo e ci riderai su…” e ci voglio credere.
La mia riflessione di oggi parte inevitabilmente dal fine anno. Poco fa ho sentito di sfuggita una notizia alla radio che recitava “scambiati in Italia la notte del 31/12 più di 59 milioni di sms grazie alle nuove tecnologie adottate dai gestori telefonici. Quest’anno intoppi e ritardi minimi nello scambio di sms“.
A parte che, chissà perchè, ma queste cifre mi sanno sempre molto più di spot che di notizia, comunque, vediamo un po’ che tipologia di sms ci si è scambiati. Chi mi conosce bene lo sa, sono piuttosto “allergico” al telefonino ed al suo uso più idiota (il copia-e-incolla degli sms per intenderci). Ebbene, nel mio piccolo ho ricevuto ben 10 sms di auguri! Questi i testi:
– “augurio per il nuovo anno:in vino veritas,in scarpe adidas,in bagno badedas,in culo un ananas. buon anno! ” (4 invii);
– “L’anno nuovo è come un libro con 365 pagine vuote fai di ogni giorno il tuo capolovoro, usa tutti i colori della vita e mentre scrivi sorridi” (2 invii)
– “Ai miei amici più cari e alle persone a cui voglio bene auguro un 2007 ricco ma non solo di soldi, perchè ci sia molto di più nella vostra vita! Auguri! ” (2 invii)
– altri 2 recitavano poche parole ma almeno scritte di proprio “dito”, complimenti a loro.

Io trovo tutto questo ‘copia-e-incolla’ di una tristezza veramente enorme; ma come, possibile che non si riesca ad uscire da questa logica neanche in queste occasioni?? Possibile che ormai si sia entrati nell’ottica del basta “esserci” non importa “come” o con quali parole?? I telefonini sono nati per permetterci di parlare; solo dopo li hanno fatti diventare macchine da scrivere (per gli sms), macchine foto (per la gioia dei bulli), videocamere (per riprendere ad esempio avvenimenti come l’esecuzione di Saddam) insomma, strumenti perfettamente inutili o quasi.

Ebbene, per questo 2007 vorrei che i telefonini tornassero ad essere telefonini e basta; secondo voi è possibile?

 

Segui il blog via email:

Visita il sito ufficiale
Inserisci il tuo indirizzo email:


Questo blog è
Leggi il post
clicca sul logo
per saperne di più
Questo blog sostiene:
Mi trovi anche su:
Le mie foto su Flickr
Nuovi ospiti nelle acque della città... Billy versione 'spia' header Tramonto triestino     
Premi e Riconoscimenti

In classifica
Tra i primi 10
Uno dei più belli
sito internet

Secondo classificato come

nei prossimi anni non ho intenzione di partecipare al concorso quindi il secondo posto è libero


Premio D eci e Lode
da Giorgia, Sara, Simona, Kit Jr. e Chiara

Thinking Blogger Awards
da Pibua, Giuseppe T. e UMI

foca.jpg
da Sciura Pina e Paola

Premio Symbelmine
da Silvia

logo del premio
da Ed, Giangidoe, Pibua, IvanSantoro, Guccia, Weblogin e Anna

logo del premio
da La Tela di Aracne, Nido di Scricciolo, Synnovea e Serendipity

logo del premio
da Occhidigiada

logo del premio
da Elle, NadiaFlavio, SERENdipity, Dolcelei, Sciura Pina e Oscar

Con molto orgoglio…