Categorie
Archivi

Articoli marcati con tag ‘usa’

E riguardo a omosessualità e boyscout Carlo Giovanardi docet…

Per la serie “punti fermi (per taluni ovviamente!) che vanno a puttane” leggo, segnalo e riporto quanto segue:

«Una organizzazione cattolica ha infatti il diritto e il dovere di offrire una sua proposta educativa, che non può che essere aderente al Magistero della Chiesa: questo vale per il diritto alla vita dal concepimento alla morte naturale, la bioetica, il modello di rapporti di coppia legato al matrimonio, la non leicità dei rapporti prematrimoniali, il rispetto del diritto naturale e della rivelazione nel Vecchio e Nuovo Testamento per quanto riguarda i rapporti etero ed omosessuali».
[Carlo Giovanardi 05/05/2012]

Stamane con molto piacere leggo invece che:

«Svolta storica tra i Boy Scout Usa. Ammessi i ragazzi omosessuali»
[da Corriere.it del 24/05/2013 ]

Conclusioni:

Leggi il resto di questo articolo »

L’Obama che non ti aspetti!

E’ vero, con le prossime elezioni ormai alle porte e la pressione dell’opinione pubblica, di una ‘certa’ opinione pubblica particolarmente “sensibile” e particolarmente malleabile come quella americana, non aveva molta scelta.

Vero é che forse lui, come ed insieme a molti altri, doveva muoversi prima ed evitare un’escalation preannunciata in un paese ormai in anarchia anche solo per dare un senso ad una sigla (Nato) che negli ultimi anni non ha partorito quasi nulla di buono.

Vero pure che giunti a questo punto non c’era neanche il tempo di organizzare un tour-simpatia del dream team di pallacanestro o spettacoli di cheerleader in giro per la Libia.

Leggi il resto di questo articolo »

L'(in)utilità del ricordo del torri gemelle

Si sa, i media hanno spessi ritmi e tempi di divulgazione delle notizie che a volte risultano difficili da comprendere. Così come per il Natale cominciano a rompere gli zebedei ai primi di ottobre non c’è da stupirsi se su molti quotidiani da qualche giorno è partito il tam-tam mediatico della commemorazione dell’11 settembre 2001.

Personalmente credo e penso che il ricordo vada mantenuto vivo quando è lontano o nel tempo o dalla realtà.

Leggi il resto di questo articolo »

GAY: stati d’animo a confronto

Sabato 25 giugno, mentre lo stato di New York ha approvato con un voto trasversale, una legge  che permette il matrimonio tra persone dello stesso sesso.

Un traguardo storico, capitato e festeggiato quasi in concomitanza un po’ ovunque (dimenticandosi forse che fuori dagli States su certi temi la disponibilità al dialogo ed al confronto costruttivo è estremamente ridotta) nelle strade di tutto il mondo in occasione dei tanti gay pride in programma nei vari continenti.

Possiamo dire che l’intera comunità gay è in festa forse anzi, togliamo pure il forse, con un’unica eccezione che però, come si suol dire… non fa altro che confermare la regola.

Auguri chiaramente a tutt*, chi per un motivo chi per un altro…

Solidarietà umana ed animale a confronto.

Parafrasando il titolo di un famoso film del grande Totò potevo intitolare il post più semplicemente “siamo uomini o animali?“.

Ognuno di voi ha una sua idea di ‘uomo’ ed ‘animale’ , attribuisce al termine una valenza ed un significato e lo usa ad-bisognum. Ora, lungi  da me voler mettere in discussione quanto ognuno di voi pensa ed usa, ma tempo fa, non mi ricordo dove, ho letto un articolo il cui sunto era più o meno che l’esatto significato di un termine si ottiene  solo dall’osservazione, dal confronto e dall’analisi degli avvenimenti e del comportamento dei protagonisti e spesso lo stesso può cambiare con il cambiare dei tempi e degli scenari.

Vero? Non vero? Diamola per buona, quindi prendo spunto da un paio di notizie di cronaca e lascio a voi il giudizio:

Leggi il resto di questo articolo »

Caro Barack, dopo Mad Max toccherà a Rambo?

La storia insegna che, piaccia o non piaccia, gli Stati Uniti fanno spesso tendenza. Lo fanno in tema di moda, di scelte politiche, insomma finiscono per essere spesso i precursori di quello che poi succederà o potrebbe succedere nel resto del pianeta. Poco più di un anno fa proprio negli States, s’insediava Barack Obama, l’uomo nel quale un po’ tutti (un po’ per disperazione un po’ per mancanza d’alternative) vedevano come ‘il nuovo‘, come colui che incarnava una nuova politica che si discostasse da quelle del recente passato soprattutto per quel che riguardava lo sviluppo di nuove tecnologie e nuove fonti di energia.

A dare il giudizio finale sul suo operato sarà il tempo, io per ora mi limito a prendere atto che dopo aver fatto di questo un suo cavallo di battaglia (e non era un pony! ndr) nella campagna elettorale ultimamente il buon Barack deve aver un po’ perso la bussola se non più tardi di un mese fa ha candidamente dichiarato adi esser pronto al ritorno al nucleare, pur senza abbandonare le buone intenzioni espresse in campagna elettorale s’intende. Una svista, un ‘incidente diplomatico’ o cos’altro?

Leggi il resto di questo articolo »

Falsi miti politici (spero) perchè se fossero veri…

“Iniziata una nuova era politica”. Questo se non sbaglio era stato il pensiero più o meno comune all’indomani dell’elezione di Obama alla Presidenza degli Stati. Ed è con un pizzico d’orgoglio che affermo che per una volta noi, l’Italia, siamo già molto molto più avanti di quel che pensiamo in questo percorso di rinnovamento della classe politica se questa degli states è la via giusta.

Perchè dico questo? Bè, perchè se Naked Cowboy è il nuovo candidato sindaco della Grande Mela noi tra pornostar, ex veline, soubrette e mascalzoni (non gliel’ho affibiato io il “titolo” ma me l’ha consigliato il dizionario dei sinonimi e contrari ricercando la parola “santo”)  bè, se è vero che chi ben comincia è a metà dell’opera nel Belpaese mi sento di dire che siamo già almeno a tre quarti! Mi stupisco solo che i Centocelle Nightmare non siano ancora stati reclutati da nessun partito…

Ma, riflettendoci bene, siamo sicuri che quel Paese sia poi da prendere a “modello”???

Piccola notizia fuori-tema-post ma tanto per non perdere il vizio di leggere bene le notizie, anche quelle date e non più ripetute. A Viareggio, come tutti sapete, fu solo una terribile ed imprevedibile fatalità. Non ci fu imperizia, non ci fu dolo, non ci fu colpa, delle Ferrovie intendo (almeno così hanno detto loro ndr) ma chissà perchè oggi c’è questa notizia, chissà perchè?!?


PADANIA in tour e l’export vola!

Per anni hanno etichettato gli italiani come “pizza, mafia e mandolino”. Ebbene, potere dei tempi, da oggi la voce ‘export’  si può arricchire di una voce in più con buona pace del Pil, meno di chi c’è dalla parte dell’import. Da oggi si esportano anche idee e comportamenti padani. Già pronta anche la prima pagina del giornale del partito:

Prima pagina de 'La Padania' per l'occasione

Non è che con la mafia come danni anche all’estero ne avevamo già fatti abbastanza ?!?

[tags]italia,usa,politica,mafia,federalismo,lega nord,oklahoma,indipendenza[/tags]

Usa e Italia a confronto

Come abbronzatura ci siamo quasi, come rocker

   

 [tags]usa,italia,berlusconi,obama,springsteen,apicella[/tags]

L’America cambia, l’Italia sceglie la continuità

Ieri sera non ho potuto non seguire il discorso di insediamento di Obama. Belle parole indubbiamente, ma visto che a dirle non è il primo lo aspetto al banco di prova prima di esprimermi. In questi anni di oratori ne ho sentiti tanti e sono stufo di parole ora voglio dei fatti. Ha fatto comunque un discorso di “speranza”, quasi ad indicare all’America ed al mondo una nuova strada senza però dimenticare quello che la storia ci insegna dalle esperienze del passato.  Auguri Presidente e sappia che non avrà solo Dio come testimone del suo operato ma tutto il mondo, web compreso visto che è il primo Presidente 2.o!

E l’Italia? Il nostro Paese non era presente ufficialmente perchè è si favorevole al cambiamento ma lo è ancora di più riguardo al fatto di non dimenticarsi della storia e del passato, anche se recente ed anche se “doloroso” (per noi cittadini ndr). Infatti ieri il nostro Premier ha pensato bene di disertare la cerimonia a favore dell’inaugurazione di una nuova ala del Pio Albergo Trivulzio dedicata a mamma Rosa e… vi confesso che risentire questo nome anche se dopo più di quindici anni ieri mi ha dato un brivido. Che sia anche questo un segno?

Forse, dico forse, l’America ha imboccato la strada del cambiamento; noi temo che per il momento ancora non can!

[tags]Usa,elezioni usa,obama,barack obama,italia,berlusconi, attualità[/tags]

Segui il blog via email:

Visita il sito ufficiale
Inserisci il tuo indirizzo email:


Questo blog è
Leggi il post
clicca sul logo
per saperne di più
Questo blog sostiene:
Mi trovi anche su:
Le mie foto su Flickr
Nuovi ospiti nelle acque della città... Billy versione 'spia' header Tramonto triestino     
Premi e Riconoscimenti

In classifica
Tra i primi 10
Uno dei più belli
sito internet

Secondo classificato come

nei prossimi anni non ho intenzione di partecipare al concorso quindi il secondo posto è libero


Premio D eci e Lode
da Giorgia, Sara, Simona, Kit Jr. e Chiara

Thinking Blogger Awards
da Pibua, Giuseppe T. e UMI

foca.jpg
da Sciura Pina e Paola

Premio Symbelmine
da Silvia

logo del premio
da Ed, Giangidoe, Pibua, IvanSantoro, Guccia, Weblogin e Anna

logo del premio
da La Tela di Aracne, Nido di Scricciolo, Synnovea e Serendipity

logo del premio
da Occhidigiada

logo del premio
da Elle, NadiaFlavio, SERENdipity, Dolcelei, Sciura Pina e Oscar

Con molto orgoglio…